Seguici su

Europa League

Betis-Milan, Gattuso: “Ci serve coraggio, non è questione di moduli”

Gennaro-Gattuso-allenatore-Milan

Il tecnico del Milan analizza la sfida al Betis, valida per la 4^ giornata di Europa League. Con un occhio al campionato e alla situazione infortuni

Alla vigilia della delicata sfida contro il Betis Siviglia, l’allenatore rossonero Gattuso ha fatto il punto sulla situazione della sua squadra e sui tanti infortuni che stanno decimando la rosa del Milan. Infortuni che lo costringeranno a rinunciare, ad esempio, a Higuain. L’argentino, infatti, non è stato convocato per la trasferta spagnola (leggi qui i convocati di Betis-Milan).

Obiettivo riscatto

La prima missione del tecnico del Milan sarà quella di riscattare la sconfitta patita in terra andalusa, con conseguenti voci sul suo possibile esonero. Traguardo che viene reso più complicato dalle tante assenze e dalla squalifica di Castillejo che detteranno obbligatoriamente alcune scelte di formazione, anche se Gattuso non vuole sentire parlare di moduli: “Non ho voglia di parlare di sistema tattico, non è una questione di moduli. Dobbiamo dimostrare di essere una squadra compatta, due settimane fa ci hanno messo in grande difficoltà: stavolta voglio vedere una squadra più coraggiosa. Voglio una squadra che viene qui, rispetta l’avversario ma gioca come sa fare. Ultimamente abbiamo provato a fare qualcosa di nuovo, stiamo giocando forse meno bene ma a livello caratteriale riusciamo a fare qualcosa in più. C’è un bel clima, paradossalmente gli infortuni ci hanno rafforzato, e con un gruppo così per me è più facile“.

Situazione infortuni

Gattuso affronta il tema infortuni, a partire dai casi più complessi: “Caldara e Biglia staranno fuori a lungo. Calabria ci fa ben sperare per domenica, speriamo di riaverlo. Lo stesso vale per Higuain, non è al massimo ma sta lavorando e speriamo di recuperarlo per la Juve. Bonaventura sicuramente non sarà a disposizione nella prossima giornata.

Pillola di Fanta

Attenzione al fraseggio del Betis Siviglia: gli spagnoli vantano, infatti, un possesso palla medio in questa Europa League del 63,3%. Il secondo della competizione dietro al Chelsea (70,8%). IPNOTICI

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Europa League