//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js
Seguici su

Serie A

Milan-Dudelange, Gattuso: “Niente figuracce”. Higuain: “Qui sto bene”

Gennaro-Gattuso-Milan-nov-2018
© imagephotoagency.it

Alla vigilia di Milan-Dudelange, match di Europa League, parlano Gattuso e Higuain. Tra i temi anche il possibile arrivo di Ibrahimovic

In vista della sfida di domani contro il Dudelange – valevole per la quinta giornata di Europa League – ha parlato in conferenza l’allenatore del Milan Gennaro Gattuso. Al fianco del tecnico l’attaccante Gonzalo Higuain che, prima di parlare alla stampa, ha rilasciato diverse dichiarazioni a Sky Sport: “Non mi importa quello che si dice su miei malumori, io qui sto bene e sono felice. Non devo riscattarmi, sono 13 anni che gioco ad alti livelli. Semmai devo cercare di premiare l’investimento fatto dal Milan su di me, spero di esserne in grado. L’arrivo di Ibrahimovic? È un grande giocatore ed è un bene avere compagni con la sua mentalità”.

Anche Gattuso ha parlato a Sky Sport: “Higuain ci sta che abbia sbagliato, l’importante è ripartire con entusiasmo. Lui dev’essere un esempio perché per noi è molto importante a livello tecnico. Domani ci saranno i due attaccanti, poi spero ci sarà modo di far esordire Simic. Comunque vada, ci saranno novità. A Milanello si respira una bella aria, anche se tre centrali infortunati sono un’anomalia. Tutti sono giocatori da Milan e se rendono poco può essere colpa mia: basti pensare a Bakayoko, che faticava molto giocando solamente degli spezzoni di partita”.

La conferenza di Higuain

Sul momento: “Ho tanta voglia di scendere in campo. Non mi sento la stella, voglio solo aiutare il Milan a raggiungere i suoi obiettivi. Anche perché senza di me la squadra ha sempre fatto bene, anche a Roma”.

Sul mercato: “Manca ancora tanto. Come ho già detto, non ho mai manifestato la volontà di andarmene. Ibrahimovic è un grande attaccante e sarebbe una cosa buona se arrivasse, ma per ora sono onorato di fare coppia con Cutrone”.

Sulle difficoltà: “Dopo aver segnato bisogna restare concentrati, quando invece subiamo non dobbiamo buttarci giù. Secondo me comunque siamo competitivi e in questi mesi anche un po’ sfortunati”.

La conferenza di Gattuso

Sugli infortuni: “Bonaventura l’ho sentito, starà un mese negli Stati Uniti per curare un problema che si è tirato dietro a lungo. Musacchio farà la risonanza e capiremo meglio, così come Romagnoli che spero di riavere tra tre settimane. Caldara tornerà a febbraio”.

Sulla partita di domani: “In casa loro abbiamo fatto fatica, trovando molte difficoltà a segnare. Non li sottovaluteremo, non ci possiamo permettere figuracce anche se lo stadio sarà mezzo vuoto. Siamo il Milan, e in Europa dobbiamo sempre essere protagonisti”.

Sull’anno al Milan: “Da ieri è un anno che sono allenatore di questa squadra, se sono rimasto per così tanto tempo è merito dei ragazzi e della grande atmosfera che c’è. Nonostante i momenti difficili il gruppo è solido”.

Sui singoli: “Bakayoko all’inizio ha faticato, poi ha fatto meglio. Gli serviva solo un po’ di continuità. Higuain vive bene lo spogliatoio e gli piace stare in gruppo, però si arrabbia subito e non va bene”.

Infine, su Salvini: “Ci siamo scambiati dei messaggi, abbiamo chiarito. Ognuno si tiene i propri problemi”. E su Evra: “Ho appena chiuso una polemica, non fatemene iniziare un’altra…”.

Europa League, tutto su Milan-Dudelange: orario, probabili formazioni e dove vederla

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A