Seguici su

Serie A

Milan, Higuain squalificato: quali partite salta e chi lo sostituirà

Gonzalo Higuain Milan

Il Pipita è stato squalificato per due giornate: da Castillejo al ritorno al 4-3-3, ecco le opzioni di Gattuso per la sua sostituzione

Quelle proteste rivolte all’arbitro Mazzoleni durante la sfida di cartello della 12^ giornata di Serie A tra il suo Milan e la Juventus gli sono costate care: espulsione e due giornate di squalifica, questo esattamente il prezzo che Higuain dovrà pagare per il suo errore. Ma contro quali squadre l’argentino non potrà scendere in campo? E come sarà sostituito da mister Gattuso?

Serie A, le decisioni del giudice sportivo dopo la 12^ giornata

Quali sfide salta

Le prossime due gare in vista per i rossoneri sono quelle dell’Olimpico contro la Lazio e, dopo la gara di Europa League contro il Dudelange, di San Siro contro il Parma. Due sfide ugualmente importanti, nelle quali il carisma, l’esperienza e il fiuto del gol del Pipita avrebbe certamente aiutato i rossoneri. Quello contro i capitolini sarà infatti un punto di snodo importante per la stagione del Milan, una partita tra dirette concorrenti ad un piazzamento europeo a fine anno. Contro il Parma, squadra che preferisce rinchiudersi nella propria metà campo lasciando il pallino di gioco agli avversari, le qualità di palleggio e di leadership dell’argentino avrebbero certamente fatto la differenza. Magari per motivi diversi, ma nelle prossime due gare l’assenza di Higuain si sentirà eccome.

Come sarà sostituito

Il piano B più intuitivo nelle mani di Gattuso è certamente lo schieramento in avanti della coppia Castillejo-Cutrone, formata oltretutto da giocatori sulla carta complementari per caratteristiche tecniche. Se da una parte il secondo è molto bravo nel buttarsi in verticale e giocare all’interno dell’area di rigore, dall’altra lo spagnolo sa arretrare per partecipare all’azione come un regista avanzato e duettare con i compagni per arrivare poi alla fase di rifinitura. In questo caso, il sistema di gioco rimarrebbe il 4-4-2.

Una seconda opzione potrebbe essere invece il ritorno al 4-3-3, modulo in uso a Milanello fino a poco tempo fa. In quel caso Cutrone agirebbe da unico centravanti, con Suso alla sua destra e uno tra lo stesso Castillejo e Calhanoglu a sinistra. Il dubbio è dovuto anche dalle condizioni non ottimali di Bonaventura, che in caso di assenza potrebbe esser sostituito proprio dal turco come mezzala e lasciare spazio in avanti allo spagnolo. Difficile, date le tante assenze, che Gattuso opti invece per un modulo inedito o per il passaggio ad una difesa a tre.

Pillola di fanta

Il momento rossonero è un vero incubo per quanto riguarda le assenze. Se da una parte nelle prossime gare mancherà Higuain per squalifica, dall’altra ci sono tanti altri calciatori indisponibili per infortunio. In infermeria ci sono infatti Biglia, Caldara, Musacchio e Strinic, e anche Bonaventura, Calhanoglu e Calabria sono a rischio per la Lazio. LAZZARETTO

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A