Seguici su

Pagelle

Fiorentina-Parma 0-1, le pagelle: Biabiany è una spina, giornataccia Hugo

Vitor-Hugo-Fiorentina
© imagephotoagency.it

Un acuto di Inglese permette al Parma di agganciare la Fiorentina in classifica. Ottima prova del reparto difensivo ducale, disastroso Hugo nella Viola. I nostri voti per il fantacalcio

Difesa e contropiede: le armi preferite del Parma colpiscono una Fiorentina poco cattiva davanti e penalizzata dagli errori di Hugo, peggiore in campo per distacco. Nella diciottesima giornata di Serie A, gli uomini di D’Aversa si impongono a Firenze con un gol di Inglese, bravo a sfruttare l’unica possibilità in avanti, e ringraziano le scorribande di Biabiany, rebus insoluto per la difesa viola. Buona prova di tutta la difesa parmense, in cui spicca il talento di Bastoni. Nella squadra di casa attacco evanescente, Chiesa ci prova ma è isolato. Ecco i nostri voti per anticipare i conti del fantacalcio.

Fiorentina-Parma 0-1: le pagelle

Fiorentina

Lafont 5,5: poco sicuro nelle uscite, rischia anche con qualche rinvio così così. Al di là del gol, in realtà, viene chiamato poco in causa. IMPREPARATO

Milenkovic 5,5: quando accelera Biabiany sono dolori. Spende un giallo su lui, poi alza bandiera bianca per infortunio. KO

dal 39′ Laurini 5: fatica ad entrare in gara a freddo ed è costretto anche lui al fallo da giallo sul francese. Riesce ad affondare una volta sola, ma il cross lascia il tempo che trova. BOCCIATO

Pezzella 6: Biabiany non risparmia nemmeno lui, ma è gioca da baluardo con grinta e passione. LEADER

Hugo 4: compie le due giocate peggiori della giornata. L’intervento mancato che spalanca la porta a Inglese, poi il fallo da ultimo uomo su Biabiany. GIORNATACCIA

Biraghi 6: Siligardi non punge come Biabiany dall’altra parte, così il terzino è libero di spingersi in avanti. Qualche bella discesa, anche qualche buon cross e una bella punizione. SOLDATO RYAN

Benassi 5,5: pronti-via, scalda i guantoni di Sepe. Poi prova a metterci il solito dinamismo, con risultati alterni. SCARICO

dal 54′ Gerson 5: entra per dare la scossa e ci prova, senza mai però riuscirci davvero. MOLLE

Veretout 5,5: perde la bussola anche lui e fa girare la squadra molto meno bene del solito. FATICA

Edimilson 5: Pioli sceglie lui dall’inizio per la sua capacità di coniugare le due fasi, ma fa fatica ad entrare nel match. Si notano soprattutto i limiti tecnici. DIFFICOLTA

dal 69′ Ceccherini 6: entra per riequilibrare il reparto difensivo quando il Parma ha praticamente smesso di attaccare. RELAX

Chiesa 6: deve sempre accendersi lui perché succeda qualcosa. Si danna da una parte all’altra del comparto offensivo, ma i dialoghi con i compagni non lo premiano. ISOLATO

Simeone 5: si ingobbisce in mezzo ai due centrali parmensi e non la difende praticamente mai. Novanta minuti spalle alla porta, occasioni zero. ACCERCHIATO

Pjaca 5,5: si accende solo nel finale, quando prova a bucare Sepe. Non ci riesce e riabbassa la testa. TRISTE

All. Pioli 5: l’influenza di Mirallas è una giustificazione solo parziale. Permette al Parma di fare la partita che voleva e ne paga il prezzo. DISCONTINUO

Parma

Sepe 6,5: non compie miracoli, ma non ce n’è bisogno. Sempre attento e concentrato, non sbaglia niente e dà sicurezza a un reparto in cui non si nota l’assenza di Bruno Alves. PRAGMATICO

Gazzola 6,5: rispolverato per far fronte alle assenze, sfodera una prestazione concreta, priva di sbavature e persino con qualche discesa interessante. PRONTO

Iacoponi 6,5: si accentra per sostituire Bruno Alves. Non ha la sua tecnica e il suo temperamento, ma ci mette le sue doti: grande grinta, concentrazione, posizione. Respinge tutto. MURO

Bastoni 7: senza il suo compagno di reparto titolare, dimostra di essere cresciuto anche sul piano della personalità. Nasconde il pallone a Simeone e non gli permette mai di girarsi. GIGANTE

Gagliolo 6,5: è sugli esterni che la Fiorentina sa rendersi pericolosa. Su quel lato il mismatch tecnico faceva temere il peggio. Gagliolo invece limita Chiesa, costringendolo ad accentrarsi per trovare il pallone, e respinge gli assalti di tutti gli altri. TOTEM

Deiola 6,5: schierato a sorpresa nella mediana ducale, si mette a fare la spola tra le due fasi. Dinamico nell’accorciare in difesa, ha il merito di servire il pallone che Hugo buca per il vantaggio ospite. SORPRESA

Stulac 5: il mister gli offre una chance dopo tante panchine, lui la cestina con una gara al di sotto della sufficienza, priva di acuti e colma di piccoli errori. Il gioiellino ammirato a inizio stagione si è perso. NOTA DOLENTE

dal 46′ Scozzarella 6: si mette a fare il mediano basso e partecipa alla fase difensiva con tenacia e qualità. POSITIVO

Rigoni 6: si sgancia poco, si occupa più di aiutare la squadra. Offre un alternativa al gioco aprendosi da un lato. Esce affaticato. PREZIOSO

dal 76′ Barillà 6: entra per fare lega e il suo camino fuma eccome. CALDO

Siligardi 5,5: il più spento dei suoi, non riesce a mettere in difficoltà Biraghi o a sfruttare gli spazi creati dai movimenti di Inglese. INNOCUO

dall’87′ Gervinho s.v.

Inglese 6,5: ha una sola occasione fronte alla porta e la sfrutta da grande bomber. Il suo lavoro è però prezioso anche quando gira le spalle e fa a sportellate con i difensori avversari. ARIETE

Biabiany 7: ogni volta che parte mette in crisi gli avversari che non sanno a quale santo votarsi per fermarlo, allora lo stendono. Fa fare collezione di gialli, poi causa anche il rosso di Hugo. IMPRENDIBILE 

All. D’Aversa 7: si concede anche un miniturnover a centrocampo, sopperendo all’assenza del leader carismatico della difesa Bruno Alves. La vittoria è meritata, la classifica meritatissima. APPLAUSI

Fiorentina-Parma 0-1, Inglese punisce Hugo: cronaca, commento e tabellino

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Pagelle