//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js
Seguici su

Serie A

Juventus-Inter, Spalletti: “Possiamo ridurre l’ampia distanza”

Il tecnico nerazzurro presenta in conferenza stampa il big match di domani sera all’Allianz Stadium contro i bianconeri di Allegri, valido per la 15^ giornata di Serie A

Dopo il pareggio esterno con la Roma, l’Inter va a far visita alla Juventus all’Allianz Stadium. Per i nerazzurri è una gara a dir poco fondamentale, almeno quanto quella di martedì contro il Psv per il passaggio agli ottavi di finale di Champions League. Fermando la Vecchia Signora, l’Inter ha la possibilità di riaprire il campionato per lei e per il Napoli, ma con una sconfitta sarebbe definitivamente tagliata fuori. “Stiamo crescendo sia nei movimenti che nei comportamenti, anche se serve un po’ di attenzione in più. Noi dobbiamo essere convinti del nostro percorso, facendo un passo per volta. Chi ci sta davanti non deve farci perdere le nostre certezze – esordisce in conferenza stampa Luciano Spalletti, che poi continua – La distanza in classifica dalla Juventus è importante, e questa è sicuramente una brutta notizia. Ma la speranza è l’ultima a morire, noi ci proveremo fino alla fine. Dobbiamo partire dal fatto che domani l’Inter ha la possibilità di ridurre questa distanza. Il problema è che la Juventus acquista ogni anno i più forti delle squadre avversarie: lo fecero 3 anni fa con Pjanic a Roma, poi con Higuain al Napoli e l’anno scorso Cancelo all’Inter. Inoltre hanno preso anche un giocatore di primissimo livello come Cristiano Ronaldo“.

Il tecnico dell’Inter si sofferma quindi su singoli. “Nainggolan e Dalbert sono fuori, non riescono a recuperare perché hanno ancora bisogno di tempo. Cercherò di mettere tutta la qualità possibile a centrocampo per la circolazione della palla, come ho fatto a Roma. Marotta? Dispiace che sia già stato criticato prima ancora del comunicato ufficiale, ma lui è un visionario: è uno che sa guardare avanti, è già proiettato a questa sua nuova esperienza – spiega Spalletti, che infine conclude – Chiaramente ci manca ancora qualcosa, dovremo essere bravi a fare la nostra partita e a limitare in regia Pjanic. Ronaldo è fortissimo, ma oltre a lui c’è anche un giocatore eccezionale come Chiellini: è determinante, un professionista che fa reparto da solo. L’Italia non juventina tifa per l’Inter? Non mi interessa, a me bastano i miei tifosi che so ci daranno una grande spinta“.

Pillola di Fanta

L’Inter sa che questo è quasi un ultimatum: se la Juventus vince, i nerazzurri sono praticamente tagliati fuori dalla corsa per lo scudetto. Una vittoria ospite invece riaprirebbe tutto in classifica, senza contare la spinta morale che darebbe un trionfo contro i Campioni d’Italia all’Allianz Stadium. DERBY D’ITALIA

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A