//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js
Seguici su

Consigli Fantacalcio

Consigli fantacalcio, cosa fare all’asta di riparazione squadra per squadra

Krzysztof-Piatek-Milan
© imagephotoagency.it

Dubbi su chi puntare al fantacalcio nell’asta di riparazione? Segui i nostri consigli squadra per squadra

“I cavalli buoni si vedono all’arrivo“, recita un vecchio adagio. Di solito è il mantra a cui si appigliano i fantallenatori in difficoltà a metà stagione, che sperano in una rapida risalita in classifica. Buon per loro, c’è gennaio con il mercato invernale. Ecco cosa fare all’asta di riparazione del fantacalcio con i consigli squadra per squadra, tra nuovi acquisti e possibili sorprese.

Ultimo aggiornamento

Atalanta

Assolutamente da confermare Zapata e Mancini, grande sorpresa della squadra nerazzurra. Un giocatore che sta deludendo le attese è Masiello, ormai superato dal giovane ex Perugia e ancora a quota zero nella casella bonus: negli scorsi anni aveva abituato a qualcosa in più, non è utopia svincolarlo. Come l’ex Bari sta rendendo al di sotto delle previsioni Pasalic: il croato proprio non riesce ad entrare nei meccanismi di Gasperini, e nulla fa pensare che le cose possano cambiare da qui a maggio. Promossi Gomez e Ilicic, mentre i due mediani Freuler e de Roon si sono confermati poco decisivi sotto porta. Entrambi possono però vantare una fantamedia più che sufficiente, e dunque sarebbe molto rischioso andarli a sostituire.

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM. CLICCA QUI

Bologna

Mihajlovic avrà spesso diversi dubbi in tutti i reparti. Ai fianchi di Danilo nella difesa a 3 sono favoriti per un posto da titolare Calabresi e Helander. A centrocampo intoccabile Poli, mentre gli altri due dovrebbero essere Pulgar ed il nuovo arrivato Soriano che, arrivato al Torino in estate come un grande colpo, non è riuscito nemmeno in parte a dimostrare tutto il suo potenziale. Il ragazzo ha faticato ad ambientarsi e spesso Mazzarri gli ha preferito compagni più dinamici. Il centrocampista è dotato di buona tecnica e discreta capacità di inserimento: in una squadra di bassa classifica come quella rossoblu può senz’altro dire la sua. Occhio all’imprevedibilità di Svanberg, mentre sembrano esser diventare seconde scelte Dzemaili e Nagy. In attacco il punto di riferimento è Santander. Se Mihajlovic dovesse confermare il 3-5-2, la sua spalla sarà il nuovo acquisto Sansone: rincalzo di lusso dunque Palacio. Sempre meno spazio invece per Orsolini. Poco spazio a Torino per il difensore brasiliano classe ’97 Lyanco, in Emilia diventa un’alternativa importante ai titolari.

Cagliari

Appena arrivato e pronto a dimostrare tutto il suo valore, Birsa è sicuramente consigliato in questa asta di riparazione. La voglia di riscattare un girone d’andata poco convincente – unita al grande talento – potrebbe fare dello sloveno uno dei protagonisti della seconda parte di stagione del Cagliari. Altro colpo interessante potrebbe essere quello di Joao Pedro, che messa ormai alle spalle la squalifica per doping sta trascinando il Cagliari. Con l’arrivo di Birsa inoltre il brasiliano potrebbe essere spostato in avanti per fare coppia con Pavoletti, quindi centrocampista nelle liste ma attaccante in campo. Per quanto riguarda la difesa occhio a Romagna, che potrebbe rivelarsi una buona alternativa nella vostra fantarosa soprattutto ora che sembra poter conquistare un posto da titolare. Il ritorno del classe ’95 Deiola potrà rappresentare una variante in più nel centrocampo di Maran. TLuca Pellegrini, Thereau e Cacciatore, sono questi gli ultimi colpi di mercato in casa Cagliari, qualche credito lo si può spendere per l’ex difensore del Chievo.

Movimenti di mercato, rosa, formazione tipo, consigli: le schede delle squadre di Serie A per l’asta di riparazione

Chievo

Quando si parla dell’ultima squadra in classifica, destinata per molti a retrocedere a fine stagione, c’è sicuramente scetticismo intorno a probabili giocatori consigliati per il fantacalcio. Questo è lecito. Eppure nella rosa dei clivensi c’è un giocatore su cui poter puntare nella prossima asta. Niente di trascendentale, non cambierà da solo i destini del vostro fantacalcio, ma merita un pò di attenzione e qualche fantamilione speso. Stiamo parlando di Kiyine, centrocampista classe 1997. Il belga ha fino ad ora totalizzato 12 presenze in campionato, non sfigurando affatto. La fascia destra potrebbe trovare un nuovo padrone tra il giovane Depaoli e il nuovo arrivato Schelotto. Molto lontano dai livelli ammirati nelle scorse stagioni.

Poi c’è Giaccherini. L’italiano nel corso del girone di andata si è spesso accomodato in panchina e non è riuscito a garantire gli standard richiesti, ma la cessione di Birsa lo ha rimesso al centro del progetto di Di Carlo. Con maggiori minuti a disposizione, potrà regalarci più emozioni. La salvezza del Chievo può passare dai suoi gol e dalla sue giocate. Non vendetelo. Infine, l’intramontabile Pellissier. L’attaccante classe 1979 nelle ultime giornate è rinato e ha ritrovato il feeling con il gol.

Empoli

A inizio anno sembrava che Acquah potesse emergere, ma il cambio di allenatore lo ha relegato spesso in panchina. Svincolatelo – così come Capezzi – e prendete al loro posto uno tra Bennacer Traoré, sempre titolari nelle ultime 10 partite e ottimi per occupare una casella del vostro centrocampo. Krunic è da tenere, così come Caputo, autore di nove gol. Da confermare anche Pasqual Silvestre, autore di due gol. Il dubbio è La Gumina, ha giocato 12 delle 19 partite – ma trovando appena due gol – e subirà sicuramente la concorrenza di Farias. Se numericamente siete a posto si può lasciare andare, se avete dei buchi meglio tenerlo e sperare in un suo riscatto. Su Oberlin vale la pena fare un pensierino.

Fiorentina

Con 20 partite su 21 un gol e due assist, Biraghi si è confermato un ottimo giocatore in ottica fantacalcio. Se nella vostra Lega è free agent, non fatevelo scappare. Mirallas, cresciuto molto nell’ultima parte del girone d’andata e recuperata la migliore condizione, merita una chance, più di Gerson. Simeone è la nota dolente di quest’inizio stagione: svincolarlo può essere una scelta difficile, alla luce del costo di acquisto, ma può risarcirvi di crediti per puntare a qualche colpo per il girone di ritorno. Muriel incuriosisce. In Italia ha fatto discretamente bene con tutte le squadre con cui ha giocato, ma il Siviglia se n’è liberato senza opporre resistenza. L’imprevedibilità è una sua prerogativa naturale, caratterialmente e calcisticamente. Non consigliamo di svenarvi su di lui, ma se il prezzo è accessibile… meglio nella vostra fantasquadra che in quella degli avversari. L’impatto con la nuova maglia è stato devastante con 3 gol in due presenze, Chiesa è sempre la certezza di questa squadra, positivo anche quando non trova il gol; di lui e Veretout potete fidarvi a occhi chiusi.

Frosinone

Fidarsi di giocatori del Frosinone al fantacalcio è un azzardo, fidarsi di Sportiello è una scelta decisamente sbagliata. Nel girone d’andata non ha demeritato il difensore Zampano – fantamedia del 5,77, non male per un difensore di una piccola – che sarebbe consigliato se solo Baroni non avesse deciso di puntare con frequenza su Ghiglione al suo posto. Se vi serve un centrocampista che le giochi tutte da piazzare regolarmente in panchina optate per Chibsah (21 su 21 e 5,94 di fantamedia), mentre chi è quasi certamente svincolato nella vostra Lega e può servire allo stesso scopo è Beghetto, un’utilissima pedina da piazzare regolarmente in panchina al vostro fantacalcio per evitare di rimanere in dieci. Le sole 9 presenze sinora rendono Cassata una pedina poco interessante, pur essendo il terzo miglior giocatore dei ciociari per fantamedia (6,05), primo tra i non attaccanti. In testa ci sono infatti Ciano (6,53), buono come quinta pedina in avanti, e Ciofani (6,16), sul quale non conviene puntare vista la concorrenza di Pinamonti e i possibili movimenti di mercato. Sul nuovo arrivato Valzania non punteremmo. Viviani arriva in prestito con diritto di riscatto dopo una prima parte di stagione completamente anonima con 0 presenze in campionato e solo un’apparizione in Coppa Italia, per tre minuti. Sarà interessante vedere se Baroni riuscirà a ristabilire il calciatore, che la scorsa stagione ha messo a referto 3 gol e due assist.

Genoa

Radu sta diventando una certezza. Nelle ultime uscite Romero si è rivelato una sicurezza e sembra ormai aver conquistato il posto da titolare. Con molta probabilità il giovane difensore argentino sarà uno dei più contesi alle aste di fantacalcio, a prezzo contenuto potrebbe però rivelarsi un ottimo colpo. Un altro colpo a prezzo contenuto potrebbe essere quello di Pedro Pereira, che finora ha totalizzato 12 presenze, anche se trovare spazio nella difesa del Genoa non sarà semplice, in caso di turnover è sicuramente tra le prime scelte di Prandelli. A centrocampo da tenere d’occhio invece il nuovo arrivato Sturaro, vale la pena scommettere sull’esplosione di Sanabria. L’attaccante paraguaiano avrà il compito di non far rimpiangere Piatek. Dopo una breve esperienza in Italia – solo due presenze con la maglia della Roma –  si è rilanciato a Siviglia con la maglia del Betis segnando 14 gol nell’ultima stagione e mezza. Lerager è un acquisto interessante e potrebbe rivelarsi utile in ottica fantacalcio se riuscirà ad ambientarsi presto. Centrocampista centrale che può occupare tutte le zone di metà campo.

Le formazioni tipo delle 20 squadre di Serie A

Inter

Se si pensa all’Inter e ai possibili svincolati, il primo nome che viene in mente è quello di Joao Mario. Fuori dal progetto a inizio settembre, il portoghese si è conquistato i suoi spazi, giocando da titolare otto delle ultime 10 partite. Ottima fantamedia per il portoghese che, grazie anche a un gol e un assist, è arrivato ad una media di 6,78. Altro nome potrebbe essere quello di D’Ambrosio. Il terzino, che partiva dietro nelle gerarchie di Spalletti – grazie anche agli infortuni di Vrsaljko – ha disputato 14 partite, segnando un gol e dimostrandosi molto affidabile (fantamedia di 6,08). Il croato, per cui si prospetta un’operazione, può essere svincolato e sostituito con Cedric, scommessa affascinante e conterraneo di Cancelo. Nainggolan e Perisic hanno deluso, ma svincolarli è un rischio da correre solo se si è primi con almeno 15 punti sul secondo. Politano, Skriniar e de Vrij sono da blindare, mentre si può lasciare andare Vecino che, frenato dagli infortuni, sta rendendo molto al di sotto della sufficienza (fantamedia di 5,67). Da oggetto misterioso a possibile titolare la strada, per Keita, potrebbe essere breve. Dalla partita con il Frosinone, datata 24 novembre, il senegalese ha realizzato quattro gol e due assist, risultando decisivo nella vittoria sull’Empoli all’ultima gara del girone di andata. Il calo di Perisic potrebbe trasformarlo presto in un titolare, soprattutto se la squadra dovesse andare avanti in Europa League.

Juventus

Mentre Cristiano Ronaldo sta mantenendo le attese, tra i bianconeri ancora svincolati nelle varie liste potrebbe esserci Spinazzola. L’ex Atalanta, costretto a saltare la prima metà di stagione per un infortunio al ginocchio, potrebbe però rappresentare una buona riserva (a prezzo moderato) per la seconda parte, con Allegri che dovrà far rifiatare i titolarissimi dovendo affrontare tre competizioni. Dybala ha un po’ deluso le aspettative, sotto il punto di vista dei bonus, ma cederlo o svincolarlo potrebbe rappresentare un rischio troppo grande, considerando le capacità dell’argentino. Viste le ultime prestazioni, Rugani e De Sciglio potrebbero invece rappresentare delle ottime riserve, se avete in squadra anche i rispettivi titolari. Caceres ritorna in Italia dopo le 110 presenze in sei stagioni con la maglia bianconera. Sarà una valida alternativa ai titolarissimi.

Lazio

Milinkovic-Savic è stato a dir poco deludente per quasi tutto il girone d’andata, ma resistete alle tentazioni. Cedendolo accumulereste un sacco di crediti, ma sarebbe una grandissima perdita: non c’è nessuno come lui sul mercato. Occhio invece a Marusic: non è più un titolare inamovibile, soprattutto ora con l’arrivo di Romulo – che comunque rischia di perdere parecchi minuti. Infine, un azzardo. La crisi ed i problemi fisici di Luis Alberto, uniti alla costante crescita di Correa, portano in una direzione ben precisa: lo spagnolo non è più incedibile. La Lazio ha la rosa per puntare anche all’Europa League, e in primavera Inzaghi potrebbe risparmiare qualche titolare in campionato proprio per il cammino europeo. Berisha dovrà farsi trovare pronto: infilando qualche buona prestazione, potrebbe ritagliarsi il ruolo che merita. Ha qualità, visione di gioco e temperamento. Può giocare sia in un centrocampo a due che a tre. Attenzione però, perché il ragazzo non parte certo in cima alle gerarchie di Inzaghi: se avete già una pedina biancoceleste in quel ruolo nella vostra fantarosa, allora potete permettervi di spendere 1 milione per Berisha. Altrimenti, meglio guardare altrove.

Milan

Calabria ha fatto bene nel girone d’andata, regalando un assist e buone prestazioni; occhio però al rientro di Conti, che potrebbe togliergli minuti importanti. Se avete già il numero 2 rossonero, ci può stare spendere 1 milione per l’ex Atalanta al rientro dall’infortunio. A centrocampo potete lasciar andare Biglia: inoltre, Bakayoko non sta facendo male. Intoccabile nella vostra fantarosa Suso, il giocatore con maggior qualità di questo Milan. Non mollate nemmeno Cutrone, che – indipendentemente dal mercato – non sarà ancora titolare, ma ogni volta che entra dalla panchina è decisivo. Piatek si prenderà il posto al centro dell’attacco. Infine, occhio a Paquetà: il club ci va piano, ma se fosse anche solo 1/4 del grande Kakà sarà un grande acquisto. Il classe 1997 ha già dimostrato di avere ottima qualità nel piede sinistro, discreta visione di gioco e buona personalità. Gattuso sta cercando di trasformarlo in una mezzala di qualità: il buco lasciato libero da Bonaventura è ancora senza un padrone, ed il brasiliano permetterebbe così al tecnico di tornare al suo 4-3-3. Negli ultimi due anni nella prima squadra del Flamengo, Paquetà ha totalizzato – fra tutte le competizioni – 65 presenze, 13 gol e 5 assist.

Napoli

Il titolare di Ancelotti per la porta sembra essere diventato Meret. Per questo dovrebbero ridursi drasticamente le opportunità per Ospina e ancor più per Karnezis. Hysaj si è confermato non portatore di bonus (solo un assist) e, rispetto alle scorse stagioni, è calato nelle prestazioni. Considerando anche la concorrenza di Malcuit, non c’è motivo per continuare a puntarvi. Con il ritorno in campo di Ghoulam scendono le quotazioni di Mario Rui: lasciar andare il portoghese è comunque scelta rischiosa, visto che è probabile che Ancelotti alterni i due giocatori. A centrocampo da segnalare l’involuzione – in termini fantacalcistici – di Hamsik: zero bonus, difficile le cose cambino all’improvviso. Un altro giocatore che ha reso meno del previsto è Callejon, ancora a secco: il nuovo ruolo sta allontanando lo spagnolo dalla porta. In attacco stanno salendo le quotazioni di Ounas, stabili verso il basso quelle di Younes. Fabian Ruiz è ancora disponibile? Inutile ricordarvi di prenderlo!

Indisponibili Serie A: tutti gli infortunati e gli squalificati

Parma

La difesa del Parma, con appena 23 gol subiti nel girone d’andata, si conferma una delle migliori retroguardia tra le squadre di medio-bassa classifica. Merito di Bruno Alves, che sta vivendo una seconda giovinezza in maglia gialloblu con prestazioni costantemente al di sopra della sufficienza condite da due gol segnati. Il centrale portoghese, se libero, merita assolutamente un’offerta in sede d’asta. Stesso discorso per Sepe, che ha chiuso il girone d’andata con una media voto di 6,21 e ha mantenuto la porta inviolata in ben 6 occasioni. In attacco, dopo gli addii di Di Gaudio e Ciciretti, potrebbero trovare più spazio Biabiany (0 bonus in 521 minuti) e Siligardi (1 gol e 1 assist in 892 minuti). Dotato di grande dinamismo e di una buona conclusione della distanza, potrebbe essere arrivata la stagione della consacrazione anche in termini di bonus per Kucka. Se riuscirà a sfruttare gli spazi aperti dalle incursioni di Gervinho, potrà regalare qualche sorpresa. “Kuco” si potrebbe dimostrare un buon investimento se siete alla ricerca di un titolare, ma il 31enne centrocampista non si è liberato di un suo antico difetto: i troppi cartellini gialli. In totale (con le maglie di Genoa e Milan) il bottino ammonta a 41 ammonizioni e 1 espulsione diretta.

Roma

Il girone d’andata è stato praticamente uno strazio per chi ha puntato la metà dei propri crediti su Edin Dzeko, ed è andata persino peggio a chi si è “tutelato” con Schick come sua riserva. Pensare che il bosniaco possa portare a termine la sua stagione in questo modo è eccessivo, mentre sembra proprio questo il momento di chiedere uno scambio al vostro amico fantallenatore che, frustrato, potrebbe svalutarlo parecchio. Cristante e Zaniolo sono cresciuti tantissimo nell’ultimo periodo, ma ora torna anche Lorenzo Pellegrini e in tutta probabilità solo due di questi tre partiranno da titolari: in ogni caso, sono ottime scelte a centrocampo. In difesa non prendete Fazio, lontano cugino del “Comandante” giallorosso, mentre Manolas è una sicurezza. Nzonzi non è un giocatore da bonus ma gioca praticamente sempre, mentre i vari Kluivert, El Shaarawy e Perotti danno poche certezze e possono essere sacrificati in caso di alternative interessanti.

Se ad inizio anno Olsen rientrava tra i top di ruolo in quanto portiere di una big, i 24 gol subiti dalla Roma in questo girone d’andata gli sono costati una fantamedia del 4,83, inferiore a tutti i portieri titolari delle prime dieci tranne Ospina (che ha però giocato la metà delle gare e non è il titolare sulla carta), ma anche di molti estremi difensori di medio-piccole come Sepe e Sorrentino (4,97), ma anche Musso (5,05) o Cragno (5,5). Questo non dovrebbe renderlo uno sconsigliato? Sì, ma l’idea che questo trend possa proseguire sino alla fine del campionato sarebbe eccessiva per una Roma che vorrà fino all’ultimo lottare per un posto in Champions League. Chi lo ha avuto in questo girone d’andata se ne può esser stufato e può scambiarlo con giocatori molto meno affidabili. Può essere una lucida follia.

Sampdoria

Se non avete puntato su Andersen, questo è il momento per pensarci. Con 20 partite giocate ed un voto costantemente al di sopra della sufficienza, il difensore danese classe 1996 può essere un vero top del reparto. A centrocampo Jankto è stata un’amara delusione. Per il ceco appena 293 minuti sul terreno di gioco, troppo poco per giustificare il suo investimento estivo. Occhio a Defrel in attacco: il francese era partito con il botto, con 4 gol nelle prime partite di campionato, poi una lunga pausa. L’ultimo +3 risale all’inutile rete del 4-1 contro la sua ex Roma a metà novembre. Con la concorrenza di Gabbiadini rischia di partire spesso dalla panchina. Potete fidarvi anche di Ekdal, lo svedese non porta grandi bonus ma garantisce titolarità. A proposito di Gabbiadini, è un attaccante che conosce bene il calcio italiano e l’ambiente blucerchiato. Connubio ideale per spingervi a puntare su di lui. Ha dimostrato in carriera di non soffrire i cambi di squadra a stagione in corso. Non fa eccezione neanche il suo approdo in Inghilterra, campionato in cui si è distinto con 4 reti nelle prime 3 partite dopo il trasferimento invernale.

Sassuolo

Il primo consiglio è quello di svincolare il giovane Adjapong. L’infortunio subito è molto grave e, anche se dovesse tornare, potrebbe impiegare più di qualche partita per rientrare nel pieno della forma. Se avete puntato su Babacar, adesso potreste essere ricompensati. Da conservare i vari Berardi, Di Francesco, Duncan, Marlon e Ferrari. Se svincolati, puntate su Lirola (un gol e tre assist) e Sensi (un gol, un assist e fantamedia di 6,18). Scommesse perse quelle di Lemos (due presenze) e Djuricic.

Spal

Consigliamo di svincolare Felipe, il brasiliano è davvero lontano dai livelli ammirati in passato. Al contrario, date ancora una possibilità ad Antenucci e Cionek. I due esperti giocatori potranno essere fondamentali per la salvezza della Spal. Se è ancora a disposizione nelle vostre leghe, puntate su Lazzari autentica rivelazione tra gli uomini di Semplici. Stesso discorso per Kurtic (fantamedia del 6,84) e Petagna (6 gol), non saranno loro a farvi vincere il fantacalcio, ma potranno alimentare le vostre ambizioni. Dalla Sampdoria arriva Vasco Regini: il difensore classe ’90 lascia la i blucerchiati in prestito dopo l’infortunio che lo ha condizionato parecchio nel girone di andata. Contenderà il posto a Felipe.

Torino

Centrocampo da confermare in blocco, in particolare per i possessori di Meité e Baselli. Il primo potrebbe ancora essere un affare interessante nelle leghe che hanno iniziato la lega ad agosto, prima di poter prevedere l’esplosione del centrocampista francese autore di 2 gol nelle prime 4 giornate di campionato. Discorso analogo per Baselli, che poteva soffrire il ballottaggio con Soriano, ma ha stravinto la sfida con il trequartista ex Villareal dimostrandosi anche un discreto uomo bonus, con 3 reti e 1 assist in Serie A. Occhio a Berenguer: se avete puntato su di lui come possibile sorpresa in un 4-3-3 a trazione anteriore, potete tranquillamente guardare altrove. Mazzarri lo usa più spesso come esterno basso che in qualità di ala offensiva. Consigliamo Djidji: il difensore ha sovvertito le gerarchie guadagnando i galloni da titolare a discapito di Moretti. Per il centrale ivoriano – dopo 7 panchine nelle prime 8 giornate – si è aperta la strada verso l’11 titolare. Prestazioni sempre soddisfacenti e l’affinata intesa con il compagno di reparto N’Koulou lo rendono un prospetto molto interessante in chiave modificatore di difesa.

Udinese

L’anno scorso stella emergente, quest’anno più in panchina che in campo: la parabola di Barak non dovrebbe invertirsi nei prossimi mesi, stante anche le dichiarazioni di Nicola: “Ci vorrà diverso tempo prima di ritrovarlo al meglio”. Altro giocatore che sta rendendo meno del previsto è Lasagna, che ha sofferto la mancanza di rifornimenti: l’arrivo di Okaka potrebbe svoltare la stagione dell’ex Carpi. Le diverse esperienze in Italia (Sampdoria e Roma, in particolare), possono rappresentare per Stefano Okaka un occasione. I friulani nel girone di andata hanno manifestato grandi problemi di “leggerezza” nella fase offensiva, per questo un attaccante di manovra come Okaka potrebbe trovare molto spazio. Meglio non puntare sul nuovo arrivato De Maio, che si presenta con una fantamedia voto di 5,16. Pussetto è in crescita ed è – dopo De Paul – il migliore dei friulani per fantamedia. Dal Genoa, dopo 13 presenze, arriva Sandro: l’esperto brasiliano può insidiare la titolarità di Behrami e Mandragora.

Consulta i nostri consigli sul fantacalcio

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Consigli Fantacalcio