Champions League

Atletico Madrid-Juventus, Allegri: “Gioca Dybala, Khedira non convoato “. Pjanic: “Loro sono forti”

Atletico Madrid-Juventus, Allegri: “Gioca Dybala, Khedira non convoato “. Pjanic: “Loro sono forti”
© imagephotoagency.it

In vista della partita contro l'Atletico Madrid valida come andata degli ottavi di finale di Champions League, in conferenza stampa hanno parlato Massimiliano Allegri e Miralem Pjanic

È arrivato anche il turno della Juventus nella fase ad eliminazione diretta della Champions League. Alla vigilia del match contro l'Atletico Madrid, valido come andata degli ottavi di finale, in conferenza stampa hanno parlato il tecnico Massimiliano Allegri e il centrocampista Miralem Pjanic. Il tecnico bianconero è partito da una breve analisi del match: “Non è una partita come le altre: è un ottavo di finale, come ne abbiamo affrontati tanti. Per la Juventus la Champions è sempre stata un obiettivo. Poi le probabilità di vincere non sono una cosa che ci riguardano, magari riguardano chi la vede dall'esterno. Negli ultimi quattro anni abbiamo fatto due finali. Giocheremo contro una squadra che comunque negli ultimi cinque anni ha giocato due finali come noi e ha vinto l'Europa League. Saranno due belle partite, l'Atletico ha fatto della fase difensiva la sua forza. Non è facile giocare per tanti anni allo stesso modo e bisogna fare i complimenti a Simeone. Noi dobbiamo porre le basi per poter passare il turno. Se firmo per il pareggio? Dipende da come si metterà. Dovremo fare la partita, ma loro sono pericolosi nelle ripartenze. Non firmo per nulla. È importante, però, fare gol. Magari due“.

Qualche indicazione di formazione: “Khedira non è convocato: è rimasto a Torino per accertamenti, seguirà un comunicato. Senza di lui rimaniamo con quattro centrocampisti. Per quanto riguarda cosa ha, ci sarà un comunicato dei medici che diranno più chiaramente degli accertamenti che ha fatto. Domani gioca Dybala. Venerdì ha fatto meno rispetto ad altre gare quanto a prestazione. Magari in altre occasioni non ha fatto gol, ma ha fatto di più e meglio. Col Frosinone abbiamo fatto tre gol ma creato meno, col Parma per esempio abbiamo creato di più. Domani Paulo ci può dare una mano: è una partita in cui serviranno tecnica e giocate, vista anche la sua buona condizione“.

Con Ronaldo in squadra salgono le possibilità di vincere la coppa: “La Champions non è questione di obbligo, ma di obiettivo. È sempre stata determinata da episodi a favore e contro. Avere Ronaldo è importante, negli ultimi 10-11 anni i capocannonieri sono sempre stati lui o Messi. È importante, ma nel calcio non è che hai Ronaldo e vinci. Hai Ronaldo e hai più possibilità di vincere, perché comunque hai il migliore giocatore al mondo“.

Simeone grande tecnico, Morata cresciuto: “Simeone? Gli ho fatto i complimenti, ha fatto un lavoro straordinario e riesce a far lavorare la squadra sempre nello stesso modo. Con la mentalità giusta e sempre allo stesso modo: hanno grande umiltà e grande rispetto dell'avversario perché sanno che con quelle caratteristiche ottengono i risultati. Morata? I suoi limiti caratteriali di oggi non li so perché l'ho allenato tanti anni fa. Da noi è cresciuto tanto: nella partita secca dà il suo meglio, nella continuità ha dimostrato di avere un suo punto debole“.

Capitolo rinnovo: “Io ho un contratto fino al 2020. Ora stiamo parlando di una partita, il problema non è il mio contratto o il futuro di Allegri. Abbiamo da finire una stagione importante, portando avanti la Champions e il campionato che non è ancora chiuso. Da ora fino alla gara col Napoli abbiamo dieci giorni in cui ci saranno tante partite importanti“.

L'obiettivo è continuare a crescere: “Stiamo crescendo. L'abbiamo visto già contro il Parma. Abbiamo avuto qualche difficoltà contro il Milan o in Coppa Italia. La squadra è in crescita, fisicamente e tecnicamente. Abbiamo fatto delle buone partite con delle buone vittorie. Dobbiamo crescere ancora, stiamo entrando nella parte più importante della stagione“.

Per Pjanic non è un calciatore a fare la differenza, ma il collettivo: “Sono giocatori forti, l'Atletico ha dimostrato negli anni che è la squadra a fare la differenza. Hanno grandi individualità, ci aspettiamo due partite complicate. Proveremo a fare un bel risultato all'andata che ci aiuterebbe a passare il turno“.

Sulle punizioni sarà duetto con Ronaldo: “È molto motivato, lo ha dimostrato negli anni in Champions. Domani vorrà vincere come gli altri, è un giocatore importante. Sulle punizioni, vediamo. Intanto tocca averle e fare gol. Da vicino magari calcerò io, da lontano magari lui o altri. Però bisogna conquistarle“.

L'obiettivo, dichiarato a più riprese, è proprio giocare la finale di Madrid: “Per arrivarci dovremo superare tanti ostacoli. A partire da domani, inizia un ciclo importante per noi: bisogna affrontare tutti. Ma vogliamo tornare qui, iniziamo da domani con una buona partita. Non ci sentiamo favoriti, ci sentiamo forti. È diverso. Ci sono tante favorite per vincere la Champions: è una competizione complicata, con squadre di alto livello“.

Qualcosa anche sui singoli: “Oblak? È uno dei portieri migliori al mondo. Sarà difficile, ma siamo motivati e speriamo di passare il turno. Rodri è un giocatore bravo, mi fa pensare a Busquets. Sicuramente sta giocando un'ottima stagione. L'importante è dimostrare il nostro gioco, essere pazienti. Ci vorrà tanta pazienza, loro difendono molto bene“.

Tutto su Atletico Madrid-Juventus: orario, probabili formazioni e dove vederla

La pillola di Fanta

L'avventura europea della Juventus era iniziata proprio in Spagna, con la bella vittoria per 2-0 sul Valencia nella prima dei gironi, vittoria conquistata grazie ad una doppietta su calcio di rigore proprio di Miralem Pjanic. CECCHINO


Giuseppe Patti

Classe '96, siciliano. Innamorato delle statistiche, forse tanto quanto del calcio. Appassionato di cinema e serie tv, oltre che di tutto quello che ha a che fare con numeri e record.

Commenta

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Serie A
# Squadra G V P S +/- Punti
1 Inter Milan

Inter Milan

24 20 3 1 47 63
2 Juventus

Juventus

25 16 6 3 21 54
3 AC Milan

AC Milan

25 16 4 5 18 52
4 Bologna

Bologna

25 12 9 4 14 45
5 Atalanta

Atalanta

24 14 3 7 24 45
6 Roma

Roma

25 12 5 8 15 41
7 Lazio

Lazio

25 12 4 9 5 40
8 Fiorentina

Fiorentina

25 11 5 9 8 38
9 Torino

Torino

25 9 9 7 1 36
10 Napoli

Napoli

24 10 6 8 5 36
11 Monza

Monza

25 8 9 8 -5 33
12 Genoa

Genoa

25 7 9 9 -5 30
13 Lecce

Lecce

25 5 9 11 -15 24
14 Udinese

Udinese

25 3 14 8 -13 23
15 Frosinone

Frosinone

25 6 5 14 -20 23
16 Empoli

Empoli

25 5 7 13 -19 22
17 Sassuolo

Sassuolo

24 5 5 14 -16 20
18 Verona

Verona

25 4 8 13 -11 20
19 Cagliari

Cagliari

25 4 7 14 -23 19
20 Salernitana

Salernitana

25 2 7 16 -31 13

Rubriche

Di più in Champions League