//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js
Seguici su
berardi cristiano ronaldo sassuolo juventus

Pagelle

Sassuolo-Juventus 0-3, le pagelle: Ronaldo decisivo, Consigli colpevole

© imagephotoagency.it

Sassuolo-Juventus 0-3, le pagelle: Ronaldo decisivo, Consigli colpevole

Il lusitano segna un gol ma partecipa anche agli altri due, mentre il portierone viene punito per le proprie imprecisioni

La Juventus batte nettamente per 3-0 il Sassuolo al Mapei Stadium nel primo posticipo della 23^ giornata di Serie A grazie alle reti di Khedira, Ronaldo e Can, che risultato alla fine i migliori in campo per gli ospiti. Si salvano in pochi tra i neroverdi, non certamente il portiere Consigli e l’ex Lirola.

Sassuolo-Juventus 0-3: le pagelle

Sassuolo

Consigli 5: un suo rinvio impreciso nel primo tempo atterra sul petto di Ronaldo, e su quell’azione Khedira fa 1-0 per i bianconeri. Sul calcio d’angolo di Pjanic si fa anticipare dallo stesso lusitano, sul 3.0 di Can invece ha poco da rimproverarsi. COLPEVOLE

Lirola 5: la catena di destra sembra inizialmente ben oliata, ma quando c’è da arrivare al dunque commette diversi errori. Si sarà emozionato contro la squadra che lo ha presentato al calcio italiano. IMBARAZZATO

Magnani 5,5: mostra di avere dei buoni piedi in impostazione e compie diverse chiusure importanti (su una rischia anche l’autorete), ma si lascia anche andare ad alcune distrazioni, addormentandosi ad esempio nel recupero del primo tempo su un pallone che per poco non si trasforma nella doppietta personale di Khedira. ASSORTO

Peluso 5: incomincia la propria partita con una perfetta chiusura in scivolata su Ronaldo che ci lascia sognare un esito goliardicamente titanico per questa sfida ravvicinata, ma come il compagno di reparto alla lunga si rivela impreciso e viene sopraffatto dalla superiorità della Juve. PECCATO

Rogerio 5,5: si fa vedere in zona offensiva solo sporadicamente nel finale di partita, compie un paio di buoni interventi difensivi ma a lungo è fuori dalle trame di gioco neroverdi. LATERALE

Bourabia 5,5: inizio molto positivo dal punto di vista qualitativo e quantitativo seguito da un graduale declino nella lucidità e nella partecipazione alla manovra. DISCESA

dal 79′ Magnanelli s.v.

Sensi 6: sua la prima occasione della gara sulla quale Szczesny si fa però trovare pronto. È il faro del centrocampo neroverde e per i suoi piedi passano tantissimi palloni, che tratta con la debita eleganza. Forse gli manca un po’ di fisico per diventare importante in quel ruolo, ma i piedi assolutamente no. DELICATO

Locatelli 6: l’ex Milan impiega la stessa qualità del suo compagno di reparto e trova anche qualche guizzo in verticale. Prestazione convincente in una partita però difficile. DI LIVELLO

Berardi 5,5: guida diversi arrembaggi dei padroni di casa andando anche vicino al gol con una conclusione con il suo piede debole, ma non riesce a far male ai suoi avversari. OVATTATO

Babacar 5,5: il senegalese compie un bel lavoro spalle alla porta nella protezione della sfera, ma si rende pericoloso troppo di rado. DI MANOVRA

dal 58′ Boga 5,5: entra per aggiungere freschezza quando le due squadre cominciano ad essere stanche, lui ci prova una volta e poi decide che non è serata. SCORAGGIATO

Djuricic 5,5: al 3′ quasi guadagna un rigore che avrebbe forse cambiato la storia della partita scippando furbamente la palla alla difesa juventina e venendo abbattuto da Szczesny in area. Il polacco prende però prima la palla, e alla var non sfugge. Per il resto si illumina a tratti. LAMPEGGIANTE

dal 56′ Matri 5: dal suo ingresso il Sassuolo attacca sempre meno, e lui “struscia” veramente pochi palloni. DISIMPEGNATO

All. De Zerbi 6: i suoi iniziano la gara più difficile del campionato mostrando un palleggio pulito e ordinato che mette talmente in difficoltà la Juve da far dire a Pjanic all’intervallo ai microfoni di Sky che “Ci hanno anche un po’ preso in giro“. Con tutti i buoni propositi del caso, però, la Juve è di un’altra foggia. TENTATIVO

Juventus

Szczesny 6,5: il polacco rischia di concedere subito un penalty agli avversari compiendo invece un intervento fondamentale per non iniziare in salita questo posticipo. Diversi gli interventi dilazionati nel corso della partita, anche se a un certo punto perde la testa e rischia di concedere l’1-1 a Berardi con un’uscita veramente improvvida. SFRONTATO

De Sciglio 6,5: il terzino più criticato in casa juventina sfodera una prestazione più che sufficiente, rendendosi protagonista in entrambe le fase di gioco. CONVINCENTE

Rugani 6: si addormenta sul brutto retropassaggio di Pjanic facendosi soffiare palla da Djuricic al 3′, ma quella resta l’unica sbavatura della sua gara. Certo che se il suo portiere non avesse fermato il serbo, magari il voto non sarebbe stato lo stesso. SALVATO

Caceres 6,5: si prende un paio di rischi in uscita, ma compie anche diverse chiusure che scoraggiano gli attaccanti neroverdi. CRESCITA

Alex Sandro 6: non la migliore partita per il brasiliano, che ci ha abituati a ben altro. prova ogni tanto la scorribanda, ma non è il regista difensivo che sa essere. TURNO DI RIPOSO

Khedira 7: con un tap-in semplicissimo sblocca la partita, con una zuccata rischia di fare anche il secondo. È un attaccante ombra, e forse Ronaldo se ne è accorto prima degli altri: che la pallonata in faccia sia un tentativo di eliminare la concorrenza in avanti? FINALIZZATORE

dal 66′ Bentancur 6: ordinaria amministrazione per l’uruguagio, che nella mezz’ora finale non trova acuti e non commette errori grossolani. SUFFICIENTE

Pjanic 6,5: inizia la sua partita con il retropassaggio horror che lancia in porta Djuricic, poi però entra nel vivo di ogni azione bianconera e torna quel centro di smistamento che mancava da un po’. Pregevole l’assist in scivolata per Ronaldo in occasione del gol dell’1-0 di Khedira. REGISTA

Matuidi 6: grande presenza e dinamismo in mezzo al campo, ma abbiamo avuto sia meglio che peggio da lui quest’anno. PRESENTE

dall’85’ Can 7: merita il voto nonostante giochi solo 5′ più recupero perché trasforma in oro il primo pallone toccato. Il suo mancino ad incrociare è chirurgico. MIDA

Bernardeschi 6: dopo la prima mezz’ora Allegri lo sposta da trequartista in un 4-3-1-2, ma non ne esce affatto spaesato. Unisce piacevolmente fisicità e doti tecniche. DUTTILE

dall’86’ Dybala 6,5: gioca ancora meno di Can, ma merita voto anche lui per la stessa azione. Il duetto con Ronaldo che porta al tiro del turco merita più di un s.v.

Mandzukic 6: l’inquadratura che lo ritrae sbuffare ad inizio partita rischia di sconvolgere l’idea di leader di sacrificio che abbiamo di lui, poi però dopo qualche minuto lo ritroviamo nella sua area a salvare la situazione quasi sulla linea di fondo. Offensivamente si rende utilissimo soprattutto grazie alle sponde aeree, che i suoi compagni non riescono però a sfruttare. AL SERVIZIO

Ronaldo 7,5: propizia il gol di Khedira con il tiro sul cui tap-in si fionda il tedesco, segna il 2-0 anticipando con grande tempismo Consigli su un calcio d’angolo e serve a Can l’assist per il 3-0. Più determinante di così. DECISIVO

All. Allegri 7: quando cambia il proprio assetto tattico mettendo Bernardeschi su Sensi per limitarne il lavoro in impostazione dimostra l’importanza di non montarsi la testa quando si è alla guida di squadre che partono per favorite nel 90% dei casi. E se l’obiettivo era tornare alla vittoria, la missione è più che raggiunta. VINCENTE

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Pagelle