Seguici su

Europa League

Tutto su Siviglia-Lazio: orario, probabili formazioni e dove vederla

esultanza-gol-Joaquin-Correa-Lazio
© imagephotoagency.it

Tutto quello che c’è da sapere su Siviglia-Lazio, sedicesimo di ritorno di Europa League. Come arrivano le squadre, i precedenti e le statistiche

[lmt-post-modified-info]

Dopo aver perso per 0-1 in casa nel sedicesimo d'andata, la Lazio è pronta a giocare tutte le sue migliori carte nel ritorno a Siviglia per tentare l'approdo agli ottavi di finale di questa Europa League. Ma se da una parte non le sorridono particolarmente i risultati di questo periodo, dall'altro non sorride di certo l'infermeria, che ha privato Inzaghi di ben nove giocatori nella 24^ giornata di campionato giocata domenica. Ecco tutto quello che c'è da sapere sulla sfida agli andalusi.

Come arriva il Siviglia

I rojiblancos sono attualmente quarti nella Liga, ma con un solo punto di vantaggio su Getafe e Alavés, sorprese della stagione corrente. L'anno nuovo non sta però portando fortuna agli spagnoli che, dopo aver chiuso il 2018 con ko per 6-1 contro il Barcellona in coppa, hanno inaugurato il 2019 perdendo a Vigo, pareggiando con l'Eibar e perdendo questa domenica per ben 3-0 contro un Villareal terzultimo in classifica. L'unico spiraglio di luce si è visto proprio all'Olimpico, dove un gol di Ben Yedder è bastato a poter affrontare questa sfida di ritorno da grandissima favorita. Qualche segnale positivo per le speranze dei biancocelesti è stato però lanciato.

Come arriva la Lazio

Sottotono e dilaniata dagli infortuni. Nel ko di domenica in casa del Genoa sono rimasti fuori dalla lista dei convocati giocatori del calibro di Milinkovic-Savic, Luis Alberto e Parolo, ma anche Wallace, Bastos, Luiz Felipe, Durmisi, Lukaku e Berisha. Immobile ha recuperato solo in extremis, Leiva è riuscito a subentrare ma in evidente debito di ossigeno. E così, dopo esser passata in vantaggio, la Lazio si è fatta rimontare e ha perso sfortunatamente nei minuti finali, mancando l'occasione di caricarsi nel migliore dei modi in vista di un'importante sfida-qualificazione che oggi somiglia tanto a una mission impossible.

Orario della gara e dove vederla

Il match tra Siviglia e Lazio si disputerà mercoledì 20 febbraio alle ore 18:00, in un giorno e un orario non esattamente consueti per una sfida di Europa League. Essendo infatti giunti al primo posto dei rispettivi gironi di qualificazione sia i ragazzi di Machìn che i concittadini del Betis, entrambe le squadre hanno guadagnato il diritto di giocare la gara di ritorno in casa, in linea teorica nello stesso giorno e alla stessa ora. Per questioni di sicurezza pubblica si è invece preferito anticipare una delle due sfide stabilendolo già in sede d'asta, e il prossimo avversario della Lazio è stato il prescelto. Per quanto riguardo l'orario insolito, invece, la spiegazione è il tentativo di non accavallare l'impegno con quello dei due ottavi di Champions, cosa che avrebbe penalizzato in ottica televisiva la sfida di Europa League.

La sfida sarà trasmessa in esclusiva da Sky sui canali Sky Sport Uno (201 sul satellite, 382 o 112 sul digitale) e su Sky Sport (253 sul satellite, 386 o 116 sul digitale), mentre sarà come sempre disponibile per gli abbonati anche il servizio in streaming sui dispositivi dotati dell'app di Sky Go. Sarà invece trasmessa in chiaro questa settimana sia una partita di Champions che una di Europa League.

La Lazio si qualifica se…

Visto lo 0-1 rifilato ai biancocelesti all'andata, lo scenario non è dei più semplici per gli uomini di Inzaghi, decimati oltretutto dagli infortuni. Per raggiungere gli ottavi di finale di questa Europa League la Lazio deve vincere al Sanchez Pizjuan con due gol di scarto o anche con uno solo, a condizione che ne segni almeno due. Con lo 0-1 si andrebbe ai tempi supplementari ed eventualmente ai rigori, mentre con un pareggio o con una sconfitta a passare il turno sarebbe Siviglia.

Probabili formazioni

Difficilmente varierà modulo la squadra ci casa, ormai da tempo schierata con il 3-5-2. In difesa con Kjaer girano spesso i vari Mercado, Gomez, Wöber e Carriço, mentre sulle ali oltre ai due titolari dell'andata c'è l'opzione Promes, ben più offensiva. Lo squalificato Banega sarà sostituito nel mezza da uno tra Roque Mesa e Amadou, a meno che non giochino entrambi con il sacrificio di uno tra Sarabia e Vazquez. Dopo aver giocato da titolare in campionato, Munir può lasciare nuovamente il posto a Ben Yedder, decisivo all'andata.

Emergenza in casa Lazio, dove bisognerà valutare le condizioni di molti giocatori prima di poter ipotizzare un undici che sia effettivamente “probabile”. Per ora partono avanti molti di quelli che hanno giocato domenica contro il Genoa, anche se Inzaghi ha detto di aver recuperato sicuramente Milinkovic-Savic e forse anche Parolo. Il tecnico ha poi affermato che dovrebbe esserci Caicedo in avanti, con una staffetta tra Immobile e Correa al suo fianco, mentre in difesa Radu dovrebbe aver recuperato dai problemi allo stomaco avuti contro il Grifone. In mediana torna titolare Leiva, se Parolo non ce la fa dal 1′ può esser confermato Badelj.

Siviglia (3-5-2): Vaclik; Mercado, Kjaer, S. Gomez; Navas, Sarabia, Mesa, Vazquez, Escudero; Ben Yedder, André Silva. All. Machin

Lazio (3-5-2): Strakosha; Patric, Acerbi, Radu; Marusic, Badelj, Leiva, Milinkovic-Savic, Lulic; Caicedo, Immobile. All. Inzaghi

Precedenti e statistiche

Il match d'andata è anche il solo precedente tra queste due squadre, mai incontratesi nella loro storia prima della scorsa settimana. Con l'1-0 dell'Olimpico, la Lazio ha però aggiornato il proprio score contro le squadre spagnole. Su 18 sfide totali, i biancocelesti hanno vinto solamente in 5 occasioni, pareggiato in 4 e perso in ben 9. Interessanti spunti arrivano invece dai singoli calciatori che compongono le due rose. I capitolini hanno praticamente assemblato il proprio attacco titolare facendo spesa a Siviglia (Correa, Luis Alberto e Immobile sono stati rojiblancos), mentre tra i rivali del Betis ha giocato per un biennio Durmisi. Nella rosa dei padroni di casa non ci sono invece ex-Lazio, ma due ex-Roma come Kjaer e Gonalons e diverse conoscenze del nostro campionato come Banega (squalificato), Vazquez, André Silva e Rog.


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Europa League