Seguici su

Pagelle

Atalanta-Chievo 1-1, le pagelle: qualità Ilicic, mastino Diousse

esultanza-gol-Josip-Ilicic-Atalanta
© imagephotoagency.it

Il Chievo strappa un punto in casa dell’Atalanta: Ilicic risponde al vantaggio di Meggiorini. La Dea fallisce l’aggancio al quinto posto in classifica

Sfida che vale sia per la corsa alla Champions League, sia per la corsa salvezza. A Bergamo l’Atalanta affronta il Chievo, mai vittorioso in trasferta in questo campionato, e punta a raggiungere la Roma al quinto posto in graduatoria.

Il Chievo pressa alto in avvio di partita cercando di limitare i riferimenti per le punte orobiche. Missione che riesce con successo nei primi 15′ di gara, poi l’Atalanta cerca di alzare il ritmo e produce la prima occasione: Hateboer sfonda sulla destra e crossa per la conclusione di Gomez, ma Sorrentino è attento e respinge con l’aiuto della difesa. Il Papu è uno dei più vivaci dei suoi e cerca nuovamente la conclusione da fuori al 22′, ma il suo tiro si spegne a lato. Al 25′ si accende anche Zapata, che difende palla spalle alla porta e conclude verso la porta, trovando ancora la pronta opposizione di Sorrentino. Gomez sfiora il gol del vantaggio al 30′, servito da Zapata, ma il suo tap-in viene sventato dal solito Sorrentino. Nel momento migliore dell’Atalanta, passa il Chievo: lancio di Depaoli a scavalcare Djimsiti per Meggiorini, che supera Gollini e in torsione sigla l’1-0.

Nella ripresa l’Atalanta cerca di spingere maggiormente e trova dopo meno di 10 minuti il gol del pareggio: sponda di Zapata per l’inserimento in area di Ilicic che supera Sorrentino in uscita con un tocco sotto. Sull’onda emotiva del pareggio, lo sloveno ci riprova al 60′, ma il suo tiro da fuori viene deviato in corner. I padroni di casa prendono il controllo delle operazioni e al minuto 67′ Masiello spedisce sopra la traversa dopo una spizzata di Zapata che l’aveva liberato in area. Nel finale dentro anche Barrow per Mancini, ma il risultato non cambia più. L’Atalanta fallisce l’aggancio al quinto posto, mentre il Chievo smuove la classifica ma rimane ultimo a quota 11 punti.

Atalanta-Chievo 1-1: le pagelle

Atalanta

Gollini 6: uscita non perfetta su Meggiorini in occasione del vantaggio ospite, poi non viene ulteriormente sollecitato dagli attaccanti ospiti

Djimsiti 5: si fa scavalcare dal cross di Depaoli, permettendo a Meggiorini di puntare Gollini e siglare il vantaggio

Mancini 6: buona copertura su Stepinski, particolarmente vivace, e tanta responsabilità anche in fase di impostazione

Masiello 5,5: avanza spesso palla al piede per tenere il baricentro alto e si proietta in area di rigore, sbagliando la clamorosa occasione che poteva valere il 2-1

dall’86’ Barrow sv

Hateboer 5,5: troppi errore in fase di costruzione, manca la sua consueta propulsione sull’out destro

Freuler 6: molte giocate imprecise nella prima frazione, poi sale di livello e l’Atalanta si impadronisce del centrocampo

de Roon 5,5: soffre la fisicità della mediana gialloblu e sparisce tra i contrasti

Gosens 5,5: lavora pochi palloni sulla fascia sinistra e pecca in fase di chiusura permettendo a Depaoli di alzare la testa e lanciare in profondità senza patemi. Bocciato dopo meno di un’ora

dal 54′ Castagne 6: gli viene richiesta maggiore partecipazione al gioco offensivo ed esegue con maggiore concentrazione

Ilicic 7: sparisce e riappare a piacimento tra le linee del Chievo Verona, deliziando con giocate ad alto coefficiente di difficoltà. Tra queste anche il tocco sotto a scavalcare Sorrentino per il gol del pareggio

dal 76′ Pasalic sv

Gomez 6,5: si accentra in posizione di trequartista per ottenere maggiori palloni giocabili, creando due pericolose occasioni da fuori e generando ammonizioni in serie per i suoi marcatori

Zapata 6,5: duello molto fisico con la retroguardia clivense, con il colombiano spesso inseguito da 3 avversari. Non si perde d’animo e si mette al servizio dei compagni, come in occasione dell’assist per Ilicic

All. Gritti 5,5: sostituto dello squalificato Gasperini, non trova le immediate contromisure al pressing degli ospiti. L’Atalanta si impadronisce del centrocampo nella seconda frazione, ma non riesce a proporre il solito bel gioco in fase offensiva

Chievo

Sorrentino 7: reattivo sulle conclusioni di Gomez e Zapata, tiene in partita i suoi nel primo tempo e salva in uscita sul colombiano a pochi minuti dalla fine

Depaoli 6,5: meno spinta dalle retrovie, dovendo preoccuparsi di limitare il raggio di azione di Gosens

Andreolli 6: partita di grande sacrificio contro le avanzate di Gomez e Ilicic, resiste

dall’89’ Frey sv

Barba 6: rischia di lasciare i suoi in dieci, commettendo due falli in pochi minuti su Zapata, ma per il resto è autore di buone chiusure sia in anticipo sia sui cross dal fondo

Cesar 5,5: giornata di sportellate con Zapata, fa buona guardia anche sui calci piazzati

Jaroszynski 6: contiene le sfuriate di Hateboer con grande applicazione

Diousse 6,5: Di Carlo lo sceglie nuovamente come regista e lui ripaga con una prestazione di grande ordine, francobollando spesso anche la progressione di Gomez

Hetemaj 6: tiene alta la concentrazione dei compagni correndo su ogni pallone e non mollando mai

Giaccherini 5,5: non trova lo spazio tra le linee per fare male ai padroni di casa, quando ci riesce è tutto fermo per offside

Meggiorini 6,5: sblocca la gara con una torsione da posizione quasi impossibile dopo uno scatto intelligente alle spalle della difesa di casa

dal 68′ Pucciarelli sv

Stepinski 6: svaria senza sosta su tutto il fronte d’attacco, impegnando a turno i difensori atalantini senza dare punti di riferimento

dal 78′ Djordjevic sv

All. Di Carlo 6,5: studia bene la gara e il modo di opporsi, in particolare sugli esterni, al gioco dell’Atalanta

 


Calcio d'Angolo è anche su Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici CLICCANDO QUI
Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Pagelle