Seguici su

Ultime dai campi

Ultime dai campi e probabili formazioni per la 37^ giornata di Serie A

Sergio-Pellissier-Chievo-verona
twitter.com/ACChievoVerona

Le ultime su dubbi e ballottaggi della 37^ giornata: Allegri perde Chiellini, Ranieri Manolas. Dubbio Politano, Gattuso conferma l’undici di Firenze

Ultimo aggiornamento

La penultima giornata di Serie A si apre con l’anticipo del sabato tra Udinese e Spal e si conclude nel monday night dell’Olimpico che vedrà di fronte Lazio e Bologna. La Juventus festeggia lo scudetto di fronte al proprio pubblico, ma deve fare i conti con la voglia di punti Champions dell’Atalanta e con l’assenza di Chiellini. L’Inter ritrova Brozovic, ma deve fare i conti con i dubbi De Vrij e Politano nella trasferta di Napoli. Gattuso punta a confermare gli undici che hanno battuto la Fiorentina, Montella ritrova Veretout e Ranieri perde Manolas. Ecco le ultime dai campi e le probabili formazioni per la 37^ giornata di Serie A.

Udinese-Spal (sabato 18 maggio ore 15:00)

Per la delicata sfida salvezza del Friuli, il tecnico Tudor si affida a Troost-Ekong in difesa e conferma il trio di centrocampo formato da Mandragora-Sandro-De Paul. Ballottaggio sulla fascia destra dove Zeegelar parte dietro a D’Alessandro e in avanti dove Okaka, match winner di Frosinone, dovrebbe esser affiancato da Lasagna più che da Pussetto dal primo minuto.

Tra le fila degli ospiti resta in dubbio Kurtic, che sta provando a recuperare, mentre non è convocato Missiroli: pronto Schiattarella. Gomis insidia Viviano tra i pali, mentre sono confermatissime sia le corsie esterne con Lazzari e Fares sia il tandem d’attacco formato da Floccari e Petagna.

Udinese (3-5-2): Musso; De Maio, Troost-Ekong, Samir; Larsen, Mandragora, Sandro, De Paul, D’Alessandro; Lasagna, Okaka. All. Tudor

Spal (3-5-2): Viviano; Cionek, Vicari, Bonifazi; Lazzari, Kurtic, Schiattarella, Murgia, Fares; Floccari, Petagna. All. Semplici

Genoa-Cagliari (sabato 18 maggio ore 18:00)

I liguri devono fare a meno dello squalificato Romero al centro della difesa, dal primo minuto partirà Gunter nella linea a 4 con Biraschi, Zukanovic e Criscito. Prandelli disegna un centrocampo a tre con Lerager-Radovanovic-Veloso e con Lazovic ancora out per infortunio. Bessa può fungere da trequartista alle spalle della coppia Lapadula-Kouamé, ma occhio a Pandev che potrebbe scalzare uno dei due.

Gli ospiti recuperano Ionita, a cui è stata dimezzata la squalifica. In difesa ballottaggio tra Pisacane, Romagna e Klavan per due posti, mentre Barella può agire alle spalle di Pavoletti e Joao Pedro condannando alla panchina Birsa.

Genoa (4-3-3): Radu; Biraschi, Gunter, Zukanovic, Criscito; Lerager, Radovanovic, Veloso; Bessa, Lapadula, Kouamé. All. Prandelli

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Cacciatore, Romagna, Pisacane, Pellegrini; Deiola, Cigarini, Ionita; Barella; Pavoletti, Joao Pedro. All. Maran

Sassuolo-Roma (sabato 18 maggio ore 20:30)

I neroverdi perdono Sensi per infortunio e devono già rinunciare allo squalificato Bourabia: De Zerbi dovrà quindi varare un centrocampo tutto nuovo con Duncan e Locatelli ai fianchi di Magnanelli. In attacco Berardi appare recuperato dall’influenza che lo ha costretto a saltare l’ultima partita e costituirà il tridente con Babacar (in vantaggio su Djuricic) e Boga.

In casa giallorossa, dopo l’addio di De Rossi, è tempo di tornare a concentrarsi sul campo: Pellegrini non si è allenato al meglio in settimana e rischia di partire dalla panchina a svantaggio di uno tra Zaniolo e Pastore, con Kluivert favorito per occupare il posto di esterno destro offensivo ma Under che nelle ultime ore si è ricandidato. Mirante difenderà la porta degli ospiti, protetto da Fazio e uno tra Jesus e Marcano: è infatti andato ko Manolas.

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Demiral, Ferrari, Rogerio; Duncan, Magnanelli, Locatelli; Berardi, Babacar, Boga. All. De Zerbi

Roma (4-3-3): Mirante; Florenzi, Fazio, Jesus, Kolarov; Cristante, Nzonzi, Zaniolo; Kluivert, Dzeko, El Shaarawy. All. Ranieri

Chievo-Sampdoria (domenica 19 maggio ore 12:30)

Probabile passerella finale di fronte al proprio pubblico per Pellissier, che Di Carlo lancerà dal primo minuto insieme a uno tra Meggiorini e Stepinski. In mezzo al campo Dioussé sostituirà lo squalificato Rigoni con Vignato stabilmente impiegato nel ruolo di trequartista. Non faranno parte dei convocati Sorrentino e Giaccherini, di nuovo in campo Semper e Leris.

Gli ospiti hanno qualche problema in difesa con Andersen che lamenta ancora qualche problema fisico: Giampaolo schiererà quindi Colley e uno tra Ferrari e Tonelli. Jankto può essere confermato a centrocampo ma torna in pressione Linetty, mentre in avanti l’unico certo del posto è il solito Quagliarella. Due maglia a disposizione invece per Defrel, Ramirez, Gabbiadini e Caprari.

Chievo (4-3-1-2): Semper; Depaoli, Cesar, Bani, Barba; Leris, Dioussé, Hetemaj; Vignato; Meggiorini, Pellissier. All. Di Carlo

Sampdoria (4-3-1-2): Audero; Bereszynski, Colley, Ferrari, Sala; Praet, Ekdal, Jankto; Ramirez; Quagliarella, Gabbiadini. All. Giampaolo

Consulta gli indisponibili e gli squalificati della 37^ giornata

Empoli-Torino (domenica 19 maggio ore 15:00)

I toscani confermano buona parte della formazione che ha sbancato Marassi: Caputo stringerà i denti e nonostante il problema al piede guiderà l’attacco azzurro insieme a Farias. In difesa Dell’Orco può essere confermato con Veseli e Silvestre, con Di Lorenzo e Pajac a presidiare le corsie esterne.

Il Torino di Mazzarri rischia di dover fare a meno dell’infortunato Ansaldi, con Aina che si candida a occupare l’out sinistro. Rientra Rincon dalla squalifica e il centrocampo sarà completato da uno tra Lukic e Meitè, con il primo favorito. Scalpita Iago Falque, ma Berenguer può spuntarla per ricoprire il ruolo di partner di Belotti.

Empoli (3-5-2): Dragowski; Veseli, Silvestre, Dell’Orco; Di Lorenzo, Krunic, Bennacer, Traoré, Pajac; Farias, Caputo. All. Andreazzoli

Torino (3-5-2): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Moretti; De Silvestri, Rincon, Lukic, Baselli, Aina; Berenguer, Belotti. All. Mazzarri

Parma-Fiorentina (domenica 19 maggio ore 15:00)

I gialloblu ritrovano Kucka e Barillà in mezzo al campo ed entrambi partiranno titolari nello scacchiere di mister D’Aversa. Ritorno importante anche in attacco con Inglese che punta a riprendersi il posto da centravanti dopo lo scampolo di partita, condito da un gol, nel derby contro il Bologna. Out Bruno Alves al centro della difesa, Gagliolo può tornare e prendere il suo posto.

La Fiorentina si affida al tridente Chiesa-Muriel-Mirallas per scacciare i fantasmi della zona retrocessione. Buone notizie a centrocampo per Montella, con la riduzione della sanzione per Veretout: il francese scalza Dabo e si siede in cabina di regia. Da valutare il rientro di Pezzella, dopo l’operazione allo zigomo.

Parma (5-3-2): Sepe; Gazzola, Iacoponi, Gagliolo, Bastoni, Dimarco; Kucka, Scozzarella, Barillà; Inglese, Gervinho. All. D’Aversa

Fiorentina (4-3-3): Lafont; Milenkovic, Ceccherini, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi, Veretout, Fernandes; Chiesa, Muriel, Mirallas. All. Montella

Consulta le probabili formazioni della 37^ giornata di Serie A

Milan-Frosinone (domenica 19 maggio ore 18:00)

Mister Gattuso è orientato a confermare la formazione che si è imposta a Firenze: complice anche la squalifica fino a fine stagione di Paquetà, il trio di centrocampo sarà formato da Kessié, Bakayoko e Calhanoglu e Borini farà parte del trio offensivo con Suso e Piatek.

In casa Frosinone, Baroni ha confermato di star pensando di riproporre Bardi, in dubbio Paganini e indisponibile Chibsah. Pinamonti favorito per affiancare Ciano in attacco, anche se Trotta e Dionisi scalpitano: da non escludere anche possano giocare tre attaccanti contemporaneamente.

Milan (4-3-3): G. Donnarumma; Abate, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Bakayoko, Calhanoglu; Suso, Piatek, Borini. All. Gattuso

Frosinone (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Brighenti; Paganini, Valzania, Sammarco, Cassata, Beghetto; Ciano, Pinamonti. All. Baroni

Juventus-Atalanta (domenica 19 maggio ore 20:30)

Allegri deve fare i conti con l’assenza di Chiellini in difesa, ma ritrova in gruppo Rugani e Mandzukic, per i quali si prospetta però la panchina. Chance per Barzagli in difesa, mentre nel tridente ci saranno con Ronaldo, Bernardeschi e uno tra Kean e Dybala.

Dopo la delusione per la sconfitta in Coppa Italia, l’Atalanta cerca punti preziosi per la qualificazione in Champions affidandosi ai rientrati Mancini e Masiello in difesa. Nessuna novità per i restanti uomini, Gasperini si affida al blocco Ilicic, Gomez, Zapata e ai cursori di fascia Hateboer e Castagne, col secondo come sempre insidiato da Gosens.

Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Barzagli, Alex Sandro; Can, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Ronaldo, Dybala. All. Allegri

Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Mancini, Djimsiti, Masiello; Hateboer, Freuler, De Roon, Castagne; Ilicic; Gomez, Zapata. All. Gasperini

Napoli-Inter (domenica 19 maggio ore 20:30)

Per l’ultima gara al San Paolo, Ancelotti ritrova Insigne per la panchina e Mertens per far coppia con Milik. Maksimovic appare lontano dal rientro in campo, dentro di nuovo Albiol. Consueto ballottaggio tra i terzini con Hysaj e Ghoulam che sono in vantaggio su Malcuit e Mario Rui.

Tra le fila dei nerazzurri tengono banco le condizioni di De Vrij e Politano, entrambi acciaccati: difficile tuttavia che Spalletti possa recuperarli per la trasferta del San Paolo. Al loro posto Miranda e Candreva con il dubbio Icardi-Lautaro come centravanti.

Napoli (4-4-2): Meret; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Ruiz, Allan, Zielinski; Milik, Mertens. All. Ancelotti

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Skriniar, Asamoah; Vecino, Brozovic; Candreva, Nainggolan, Perisic; Icardi. All. Spalletti

Lazio-Bologna (lunedì 20 maggio ore 20:30)

La Lazio che ha già conquistato la qualificazione in Europa League affronta il Bologna con il possibile rientro tra i titolari di Milinkovic-Savic, autore del gol decisivo in finale di Coppa Italia, in ballottaggio con Parolo. Più Correa di Caicedo al fianco di Immobile, qualche chance anche per Badelj di far rifiatare Leiva, ancora avanti.

La formazione di Mihajlovic ritrova Dijks, arruolabile dopo la riduzione della squalifica, così come Poli e Sansone. Orsolini lamenta qualche fastidio muscolare, ma sarà impiegato dall’inizio con Palacio e Sansone. Mediana diretta da Pulgar con uno tra Dzemaili e Poli al suo fianco.

Lazio (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Bastos; Romulo, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto, Lulic; Correa, Immobile. All. Inzaghi

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Lyanco, Danilo, Dijks; Dzemaili, Pulgar; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio. All. Mihajlovic

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Ultime dai campi