Seguici su

Calciomercato

Empoli, Corsi: “Sarri alla Juventus non è un tradimento per il Napoli. Caputo va via”

fabrizio corsi empoli
empolifc.com

Il presidente dell’Empoli Fabrizio Corsi ha parlato in vista dell’apertura sempre più vicina del calciomercato: dalle cessioni al recente valzer di panchine, diversi gli argomenti trattati

Chiusa da poco con l’amara retrocessione in Serie B la stagione, il presidente dell’Empoli Fabrizio Corsi è tornato a parlare. Diversi gli argomenti trattati dal patron dei toscani, nel corso di un’intervista rilasciata a Tuttosport: dal calciomercato ai recenti cambi di allenatore per alcune delle società di Serie A. Si parte proprio dal capitolo cessioni: “Sarà quasi impossibile tenere qui Caputo e altri tre-quattro giovani talenti. Ciccio ha mezza Serie A su di lui, in questo momento mi sembra davvero difficile che possa decidere di restare a Empoli in cadetteria. In ogni caso sarà opportuno trovare qualcuno che soddisfi le sue, ma anche le nostre richieste. Vedremo nelle prossime settimane“.

Dopo settimane di trattative, la Juventus ha finalmente ufficializzato l’approdo di Maurizio Sarri in panchina: “Innanzitutto devo dire che per noi è un motivo di grande soddisfazione che un nostro ex allenatore sia arrivato al top del top. Quando prendemmo Sarri, nel 2012-2013, veniva da un esonero a Sorrento e nessuno ad alti livelli sapeva chi fosse. Si capiva bene però che aveva una conoscenza del calcio troppo elevata per allenare in Serie C e i risultati col tempo gli hanno dato ragione. Empoli è stato senza dubbio il crocevia della sua carriera da allenatore. Tradimento al Napoli? Macché. La panchina bianconera è la più importante d’Italia e rappresenta un premio che Sarri si è meritato sul campo. Ha trionfato al Chelsea con l’Europa League, speriamo che ora possa continuare il cammino vincente della Juventus. È logico che quando ti trovi a competere direttamente con una rivale come la Juve può capitare di notare di trovarsi dinanzi a una società potente e con un certo riguardo da parte di tutti. Maurizio però è un professionista serio e non poteva certo dire di no a una chiamata così prestigiosa“.

Un commento anche su Giampaolo, ormai prossimo a diventare il tecnico del Milan: “Un’altra scelta che mi intriga e mi convince. Giampaolo è l’allenatore perfetto per il progetto del nuovo Milan: valorizzare i giovani talenti e poi magari metterli sul mercato in stile Arsenal. Lo reputo all’altezza del grande salto e ne approfitto per fare un grosso in bocca al lupo a lui così come a Sarri e a al suo vice Martusciello“.

In chiusura, punto sull’Empoli in vista della prossima stagione di Serie B: “Ripartiremo da un allenatore giovane e motivato, uno che consideri Empoli come un’opportunità importante per la sua carriera. L’augurio è certamente quello di portare qui calciatori funzionali e di vivere un’annata felice e positiva dopo la salvezza sfumata all’ultimo in Serie A”.

Leggi anche > Juventus, Traorè sarà il secondo colpo: accordo con l’Empoli

La pillola di Fanta

Quella da poco conclusa è stata una grandissima stagione per Caputo con l’Empoli. L’attaccante ha infatti trascinato i suoi durante tutto il campionato a suon di gol, che però non sono bastati per raggiungere la salvezza. Per lui l’anno si è chiuso con 16 reti e tre assist in 38 presenze. È inoltre stato il giocatore di movimento ad aver giocato il più alto numero di minuti in Serie A. BOMBER

Tutte le news di calciomercato

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Calciomercato