Seguici su

La Classifica

I 10 trasferimenti più costosi di sempre in casa Milan

Bonucci ha raggiunto Rui Costa in vetta: la top 10 dei trasferimenti più onerosi nella storia del calciomercato rossonero

Il Milan non è mai stato una società eccessivamente spendacciona: negli anni, la coppia Galliani-Berlusconi ha spesso regalato grandi colpi fruttando l’astuzia senza dover per forza sborsare cifre faraoniche. Vedasi ad esempio acquisti come Ibrahimovic, Ronaldinho o Shevchenko. Negli ultimi tempi ovviamente le cose sono cambiate: il Diavolo non è più appetibile come prima, e la situazione economica – anche a causa del Fair Play Finanziario – è decisamente peggiorata. Il trasferimento più costoso nella storia del club è però arrivato proprio nell’estate del 2017, quando per 42 milioni di euro Leonardo Bonucci è arrivato in rossonero dalla Juventus. Il difensore ha così raggiunto in vetta alla classifica Manuel Rui Costa, che il Milan aveva prelevato allo stesso prezzo dalla Fiorentina nell’estate del 2001. I due fanno parte anche della top 10 dei trasferimenti più pagati nella storia della Serie A.

La classifica dei trasferimenti più costosi nella storia del Milan

10. Rafael Leao: 25 milioni di euro (Milan, 2019)

Dopo aver incantato al Lille in coppia con Pepé, Rafael Leao sbarca in Italia. Il Milan mette a segno il colpo per circa 25 milioni di euro, riponendo tante aspettative sull’attaccante 20enne che in Ligue 1 ha segnato 8 gol in 26 presenze.

9. Carlos Bacca: 30 milioni di euro (Siviglia, 2015)

Uno dei trasferimenti più deludenti degli ultimi anni del Milan si chiama Carlos Bacca. L’attaccante colombiano è arrivato in rossonero nell’estate del 2015 dal Siviglia per la bellezza di 30 milioni di euro. Il ragazzo ha deluso, ripagando a fasi molto alterne la cifra spesa.

8. Alessandro Nesta: 30,99 milioni di euro (Lazio, 2002)

Nato e cresciuto nelle giovanili della Lazio, sarebbe voluto rimanere in biancoceleste a vita ed affrontare ogni anno Francesco Totti nel derby di Roma. Nell’estate del 2002 però la Lazio ha bisogno di soldi, e si trova costretta a vendere i suoi pezzi più pregiati. Uno di questi è proprio Alessandro Nesta, che passa al Milan per 30,99 milioni di euro. I laziali non se lo perdoneranno mai: il difensore centrale vincerà infatti tutto – a livello nazionale, europeo e mondiale – nelle file del Diavolo.

7. Lucas Paquetà: 35 milioni di euro (Flamengo, 2019)

La stagione 2018/19 è stata molto particolare per il Milan. Nel mercato di gennaio la società ha cercato di fornire tutti gli strumenti necessari a Gattuso per centrare l’obiettivo Champions League. Il primo elemento importante risponde al nome di Lucas Paquetà, che i rossoneri avevano già bloccato da mesi. Il trequartista brasiliano è arrivato dal Flamengo per 35 milioni di euro, mettendoci pochissimo ad adattarsi alla Serie A.

6. Krzysztof Piatek: 35 milioni di euro (Genoa, 2019)

Il secondo elemento davvero importante arrivato nel gennaio 2019 è Krzysztof Piatek, che dopo appena 6 mesi ha lasciato il Genoa per firmare un patto col Diavolo. In estate lo aveva scoperto Preziosi: il centravanti polacco ha segnato in continuazione con il Grifone, tant’è che in inverno le offerte sono arrivate a valanga. Alla fine ha avuto la meglio proprio il Milan, che ha versato 35 milioni di euro nelle casse dei rossoblu.

5. Mattia Caldara: 35 milioni di euro (Juventus, 2018)

Nell’estate del 2018, Milan e Juventus hanno dato nuovamente prova dei loro buoni rapporti. Nel ritorno di Bonucci alla Juventus, i bianconeri hanno lasciato andare Mattia Caldara – appena acquistato per 20 milioni dall’Atalanta. I rossoneri hanno così versato addirittura 35 milioni di euro alla Vecchia Signora per acquistare il giovane difensore centrale. Prima stagione però a dir poco sfortunata per il ragazzo, che non è praticamente mai sceso in campo causa infortuni.

4. Filippo Inzaghi: 36,15 milioni di euro (Juventus, 2001)

Uno dei trasferimenti più clamorosi è sicuramente quello di Filippo Inzaghi, che dopo aver vinto con la Juventus sceglie il Milan. Nell’estate del 2001, i bianconeri cedono il numero 9, anche per via dei rapporti complicati con il 10 bianconero, Alessandro Del Piero. 36,15 milioni di euro la cifra spesa dal Diavolo per acquistare l’eroe di Atene – e di molte altre notti europee.

3. André Silva: 38 milioni di euro (Porto, 2017)

Mai realmente “arrivato” a Milano, André Silva è probabilmente il trasferimento più negativo di questa classifica. Nell’estate del 2017 sembrava un possibile crack: il Milan ha infatti girato ben 38 milioni di euro al Porto. Il centravanti portoghese non ha però rispettato le attese, deludendo sotto ogni punto di vista. Dopo un solo anno, infatti, il Milan lo ha mandato in prestito, per poi cederlo a titolo definitivo.

2. Manuel Rui Costa: 42 milioni di euro (Fiorentina, 2001)

In cima alla classifica sono in due. Il primo è il grande Manuel Rui Costa, trequartista meraviglioso arrivato a Milano nell’estate del 2001. Dopo aver fatto innamorare i tifosi della Fiorentina con la sua eleganza, il “10 per eccellenza” sceglie i rossoneri per provare di vincere qualcosa. E ovviamente ci riuscirà. Fieramente, Berlusconi versa così 42 milioni di euro – una cifra incredibile per quell’epoca – nelle casse della Fiorentina.

1. Leonardo Bonucci: 42 milioni di euro (Juventus, 2017)

Lo stesso prezzo è stato pagato il secondo giocatore in vetta a questa speciale classifica: si tratta di Leonardo Bonucci, che con grande stupore di tutti è passato dalla Juventus al Milan nell’estate del 2017. Dopo i problemi di spogliatoio avuti con Allegri, il difensore è stato costretto a lasciare Torino. Al Milan è arrivato da vincitore e leader, con l’obiettivo di “spostare gli equilibri”. Il numero 19 – insignito fin da subito anche della fascia da capitano – ha però fallito, in un Milan completamente allo sbando. Appena una stagione dopo, così, Bonucci è ritornato all’ovile, rientrando nell’operazione Caldara.

Leggi anche -> I 10 trasferimenti più costosi di sempre in casa Juventus

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in La Classifica