Seguici su

Fantaschede

FANTASCHEDE – Sampdoria, ecco Maroni: qualità argentina sulla trequarti

Gonzalo Maroni Sampdoria

Colpo di mercato o flop velocemente rispedito al mittente? Tutto su Gonzalo Maroni per il fantacalcio: ruolo, caratteristiche e inclinazione a bonus, malus e infortuni

La Sampdoria decide di voltare pagina. Dopo tre anni con Marco Giampaolo in panchina – durante i quali sono arrivati due decimi e un nono posto in classifica – i blucerchiati hanno deciso di ripartire da Eusebio Di Francesco. Oltre alla guida tecnica, nel corso dell’estate cambieranno molte pedine per adattare la rosa alle idee tattiche del mister. Qualche trattativa è già andata in porto, come quella che ha portato a Genova Gonzalo Maroni: trequartista argentino classe ’99. La redazione di Calcio d’Angolo ha analizzato il profilo del giocatore: caratteristiche, ruolo, inclinazione a bonus e malus e continuità di rendimento. Tutto quello che c’è da sapere prima di decidere se comprarlo o meno al fantacalcio.

Chi è Gonzalo Maroni

Nato il 18 marzo 1999 a Cordoba, Maroni cresce nella formazione locale dell’Instituto. Una realtà che ha lanciato diversi campioni argentini come Paulo Dybala, che infatti è uno dei suoi più importanti modelli a livello calcistico. Il suo talento è precoce e la prima squadra dell’Instituto non ci mette molto a puntare su di lui. Esordisce infatti con i grandi l’11 agosto 2015, in occasione della gara contro il Tucuman. Le presenze in quella stagione saranno complessivamente cinque, per un totale di 74 minuti disputati. Quanto basta per guadagnarsi la chiamata del Boca Juniors. Il primo campionato con gli Xeneises è di assestamento: gioca solo una partita (persa per 3-1 contro l’Estudiantes) e per il resto si limita ad osservare i giocatori più esperti. Una presenza in più nell’anno successivo, quando segna anche il suo primo gol contro l’Arsenal FC. La considerazione nei suoi confronti cresce di par passo con il minutaggio: nella stagione 2017/18 colleziona sei presenze, dimostrando di meritare sempre di più una maglia così prestigiosa come quella gialloblù.

Dopo tre anni in continua ascesa ma comunque con un minutaggio non elevato, il Boca Juniors decide di girare Maroni in prestito al Talleres. Con la formazione bianconera finalmente il classe ’99 ha lo spazio necessario per mostrare il suo talento. Tra Primera Division e Libertadores colleziona 19 presenze, impreziosite da due gol e un assist. Rendimento che gli vale la chiamata per il mondiale Under 20, terminato per la sua Argentina agli ottavi di finale dopo la sconfitta per 4-1 contro il Mali. Una cocente delusione, superata grazie ad una notizia che può significare la svolta della sua carriera. Nell’estate del 2019 riceve la chiamata della Sampdoria, che già in passato si era interessata a lui. I blucerchiati lo prelevano dal Boca Juniors in prestito con diritto di riscatto fissato a 15 milioni di euro. Un altro talento argentino arriva dunque in Serie A, con la speranza di ripercorrere le orme di giocatori come Pastore e il suo idolo Dybala.

Consulta tutte le fantaschede degli ultimi arrivati in Serie A

Ruolo, caratteristiche e rendimento: 6,5

Soprannominato Gonzalo Maravilla, Maroni ha tutte le caratteristiche del classico numero 10 argentino: velocità, tecnica e dribbling nello stretto. Dotato di ottima personalità, sa farsi valere sui calci piazzati. Si tratta di un centrocampista offensivo che, nelle sue esperienze di club, ha dato il meglio si sé quando ha giocato sula trequarti. All’occorrenza è stato utilizzato anche come esterno offensivo, sia a destra che a sinistra: ruolo che ha ricoperto soprattutto nella nazionale Under 20 che è scesa in campo durante il mondiale di categoria sempre con il 4-2-3-1.

Una duttilità tattica molto interessante, soprattutto considerando le idee di gioco di Di Francesco. Come dichiarato nella sua prima intervista da mister del Doria, la sua intenzione è di abbandonare il 4-3-1-2 tanto caro a Marco Giampaolo in favore del “suo” 4-3-3. Un modulo quindi nel quale Maroni dovrebbe integrarsi senza troppe difficoltà. Dal punto di vista del rendimento, il talento classe ’99 ha dimostrato tra club e nazionale di rispondere sempre positivamente nel momento in cui viene chiamato in causa. Le sue due esperienze più positive sono state quelle in cui ha avuto maggiormente la possibilità di giocare: nella stagione con la maglia del Talleres e nel Campionato sudamericano Under 20 con l’Albiceselte.

Indice di titolarità: 6

La carriera di Maroni è in continua ascesa in fatto di presente totalizzate. A partire dalla sua prima annata con la maglia del Boca Juniors, il classe ’99 ha sempre accresciuto il suo minutaggio con il passare delle stagioni. Va detto però che solo a Talleres è stato schierato in più occasioni dal primo minuto mentre, con gli Xeneises, entrava sempre a gara in corso. Difficile prevedere come Di Francesco intenderà utilizzare Maroni, se dal primo minuto o come arma per scardinare le difese a gara in corso. L’attacco della Sampdoria è fase di pieno rinnovamento, con Defrel che non dovrebbe essere riscattato dalla Roma e con Gabbiadini e Caprari alle prese con diverse richieste di mercato. Maroni potrebbe trovare continuità se si dimostrerà pronto sin da subito.

Inclinazione ai bonus: 5

Fare la differenza avendo pochi minuti a disposizione non è mai facile, a maggior ragione se il giocatore in questione è un ragazzo appena arrivato nel calcio che conta. Maroni ha comunque fatto intravedere le sue qualità, sia dal punto di vista realizzato che come uomo-assist. Nella sua prima annata con il Boca Juniors, ha segnato un gol in una delle sue due apparizioni in gialloblù. Score più importante al Talleres, con due gol e un assist in 17 partite. Numeri che danno un’idea sul profilo del ragazzo. Non si tratta infatti di un talento già pronto per sfondare definitivamente nel calcio europeo, ma che ha ampi margini di miglioramento e a cui non mancano certo le qualità. Al momento i numeri non sono dalla sua parte, ma le prospettive ci sono.

Frequenza malus: 7

Nei suoi primi anni da calciatore professionista, Maroni non ha dato l’impressione di essere classico talento indolente che in più occasioni si fa prendere dal nervosismo. In 33 gare disputate tra Instituto, Boca Juniors e Talleres, ha messo insieme solo un’ammonizione e un’espulsione. Il cartellino rosso lo ha rimediato al Talleres, in occasione della sfida pareggiata per 1-1 contro il Velez Sarsfield e in modo diretto. Un peccato di gioventù, che comunque non inficia una carriera condotta per il momento all’insegna della correttezza sul rettangolo verde.

Frequenza agli infortuni: 7

In carriera Maroni non ha mai avuto particolari infortuni che lo hanno fermato per molto tempo. Un dato importante, visto che il classe ’99 è nei primi anni della sua vita agonistica e quindi un infortunio importante avrebbe potuto bloccarlo anche sul piano psicologico oltre che su quello fisico. La Sampdoria acquista dunque un talento integro fisicamente: a Di Francesco il compito di capire come sfruttarlo.

Prendere Maroni al fantacalcio? 6,1

Complessivamente, Maroni potrebbe essere un colpo interessante nella prossima asta estiva del fantacalcio. Un giocatore che ha fatto intravedere qualità interessanti, senza vantare numeri importanti in fatto di gol, assist e presenze. Il classico colpo economico che può rivelarsi con il passare delle settimane l’affare dell’anno. Da acquistare come sorpresa, il buco nell’acqua è dietro l’angolo.

La fantascheda di Maroni

Caratteristiche: 6,5

Titolarità: 6

Bonus: 5

Malus: 7

Infortuni: 7

Fantavalore: 6,1

Il fantavalore è la media aritmetica delle valutazioni assegnate dalla redazione di Calcio d’Angolo alle caratteristiche del giocatore, alla titolarità, alla frequenza dei bonus, alla capacità di evitare malus e all’inclinazione agli infortuni.


Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in anteprima la guida all’asta del fantacalcio. CLICCA QUI“Se vuoi vincere non puoi perderla!”

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Fantaschede