Seguici su

Guida all'asta

Guida all’asta del fantacalcio, la scheda del Bologna: mercato importante per una salvezza tranquilla

Riccardo-Orsolini-Bologna
imagephotoagency.it

La malattia di Mihajlovic un fulmine a ciel sereno, ma potrebbe dare ancora più forza al gruppo. Tutto sul Bologna: formazione tipo, nuovi acquisti e consigli per il fantacalcio

Il Bologna sta vivendo una situazione tanto triste quanto singolare: l’allenatore Sinisa Mihajlovic è stato colpito da una leucemia acuta, costringendolo a fermarsi. Dovrà spesso stare lontano dal terreno di gioco per effettuare le cure chemioterapiche. La società ha però fortemente riconfermato il tecnico serbo, che l’anno scorso ha tirato fuori i rossoblu dal baratro. I felsinei non solo si sono salvati, ma hanno addirittura chiuso al decimo posto in classifica. L’obiettivo quindi ora è quello di alzare l’asticella, e con l’arrivo di Sabatini in società il Bologna punta alla parte sinistra della classifica.

Principali movimenti di mercato

Il Bologna si è mosso tantissimo sul mercato: la coppia Bigon-Sabatini ha lavorato molto bene, rinforzando ogni reparto come richiesto da Mihajlovic a partire dai riscatti di Soriano, Orsolini e Sanone. Persi Mattiello e Lyanco – ritornati rispettivamente ad Atalanta e Torino – i rossoblu hanno dovuto innanzitutto sistemare la difesa: sono infatti arrivati Tomiyasu del Sint-Truiden, Bani del Chievo e Denswil dal Club Brugge. A centrocampo ecco Schouten dall’Excelsior, mentre in attacco i rossoblu hanno vinto la concorrenza per Skov Olsen: il diavoletto danese ha lasciato il Nordsjaelland e ha scelto l’Italia, nonostante le offerte provenienti da Germania e Inghilterra. Edera ritorna al Torino. La cessione più importante riguarda Pulgar, passato alla Fiorentina. Tra gli altri addii si registrano le cessioni di Santurro, Valencia, Helander, Nagy, Donsah e Calabresi. Il baby Juwara ex Chievo è l’acquisto in prospettiva, mentre Medel porta esperienza a centrocampo.

La formazione tipo del Bologna

Formazione-tipo-Bologna

4-2-3-1: Skorupski; Mbaye, Danilo, Denswil, Dijks; Dzemaili, Medel; Orsolini, Soriano, Sansone; Santander. All. Mihajlovic

Variabili di formazione

4-3-3: Skorupski; Mbaye, Danilo, Denswil, Dijks; Soriano, Medel, Dzemaili; Orsolini, Santander, Sansone

Consulta le formazioni tipo delle 20 squadre di Serie A

Rosa Bologna

Portieri: Da Costa, Sarr, Skorupski

Difensori: Bani, Corbo, Danilo, Denswil, Dijks, Mbaye, Paz, Tomiyasu

Centrocampisti: Dzemaili, Krejci, Medel, Poli, Schouten, Soriano, Svanberg

Attaccanti: Destro, Juwara, Orsolini, Palacio, Sansone, Santander, Skov Olsen

I nuovi arrivi

Tomiyasu: giapponese classe 1998 atipico, ha fisico e qualità tecniche. Difensore centrale adattabile anche terzino, è stato acquistato a titolo definitivo dal Sint-Truiden per 9 milioni di euro.

Skov Olsen: su di lui c’erano squadre come Tottenham e Bayern Monaco, ma alla fine l’ha spuntata il Bologna con un’offerta da 6 milioni di euro. Esterno destro danese classe 1999, è dotato di grande qualità e velocità. Il suo pezzo forte è il dribbling abbinato al tiro in porta sul secondo palo. Nell’ultima stagione ha realizzato 26 gol in 44 presenze.

Denswil: arrivato per sostituire Lyanco, ha bisogno di ambientarsi al campionato italiano. Difensore centrale forte fisicamente e bravo nell’impostazione, vanta già una buona esperienza internazionale. Il Bologna lo ha prelevato dal Club Brugge per 6 milioni.

Schouten: centrocampista dinamico e duttile, Schouten arriva dall’Excelsior per 3 milioni di euro. Olandese classe 1997, arriva a Bologna per sostituire Pulgar nei due davanti alla difesa.

Bani: dopo due stagioni al Chievo, Bani lascia Verona per rimanere in Serie A. Lo acquista a sorpresa il Bologna per 2,5 milioni di euro. Difensore centrale classe 1993, è forte fisicamente e attento nel posizionamento. Non avrà un ruolo centrale nei rossoblu, ma può essere una valida alternativa ai titolari.

Juwara: baby ala sinistra – che all’occorrenza può fare anche la punta centrale – classe 2001 proveniente dal Chievo.

Medel: il mediano cileno ritorna in Serie A dopo due anni in Turchia con il Besiktas. Porta grande esperienza, ma non è propriamente un giocatore da fantacalcio considerato il rapporto bonus-malus.

I ballottaggi

Denswil-Danilo-Tomiyasu per due maglie
Dzemail-Svanberg
Sansone-Olsen
Santander-Palacio-Destro per una maglia

I tiratori

Rigori: Dzemaili, Destro, Sansone
Punizioni: Sansone, Dzemaili, Orsolini
Angoli: Sansone, Orsolini

I giocatori consigliati

Dijks: il “trattore” è pronto a stupire. Dopo una stagione apprendistato in Italia, Dijks è pronto ad arare la fascia sinistra. Titolarissimo come terzino sinistro nella linea a 4 di Mihajlovic, l’olandese ha piede e fisico per darvi soddisfazioni.

Orsolini: il miglior giocatore del 2019 rossoblu, completamente rinato con la cura Sinisa. Da esterno destro nel suo 4-2-3-1, Orsolini ha trovato sicurezza e fiducia nei propri mezzi: 6 gol e 3 assist nelle ultime 15 partite della scorsa Serie A per lui. Sarà l’uomo a cui il Bologna si aggrapperà nelle situazioni più difficili.

Denswil: 8 partite in Europa nella scorsa stagione, di cui 6 in Champions League. L’esperienza e la personalità non mancano al difensore olandese, che è pronto a tuffarsi nella nuova avventura in Italia. Il vizietto del gol non gli manca, con una media di 1-2 reti stagionali.

I giocatori sconsigliati

Mbaye: terzino destro di ruolo, non ha mai entusiasmato. Nella scorsa stagione ha ottenuto una misera media voto di 5,86. Spesso lascia a desiderare nell’impostazione del gioco, inoltre ha raccolto ben 5 ammonizioni in 23 presenze l’anno passato.

Poli: era in partenza, poi la situazione Mihajlovic gli ha fatto cambiare idea. È uno dei leader dello spogliatoio, ma ormai non è più in cima alle gerarchie. Per caratteristiche, Poli è diventato un ottimo rincalzo. Nella mediana a due farà fatica ad essere titolare, e dovrà accettare tanti spezzoni di partita.

Santander: l’attaccante paraguayano dovrà sgomitare tanto per meritare la maglia di titolare nel 4-2-3-1 di Mihajlovic, e dietro di lui ci sono Destro e Palacio che scalpitano. L’anno scorso ha comunque fatto registrare 8 gol – non pochi al suo primo anno in Italia – ma l’impressione è che questa non sarà la sua stagione.

La possibile sorpresa

Olsen: arrivato dopo mille peripezie, Skov Olsen potrebbe davvero esser la sorpresa del Bologna. E perché no, forse anche del campionato. Esterno destro ma mancino naturale, ama puntare l’uomo per poi rientrare sul suo piede forte. Molto simile a Robben come tipo di giocatore – con le dovute proporzioni – occupa esattamente la posizione in campo di Orsolini. Non partirà dunque titolare inizialmente, ma Mihajlovic potrebbe studiare per lui una nuova soluzione tattica. Lo scorso anno con il Nordsjaelland ha totalizzato – fra tutte le competizioni – 26 gol e 6 assist in 44 partite.

Gli infortunati

CLICCA QUI per scaricare la nostra guida all’asta del fantacalcio. Se vuoi vincere non puoi perderla!

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Guida all'asta