Seguici su

Serie A

Milan-Brescia: orario, probabili formazioni e dove vederla

Krzysztof Piatek Milan
imagephotoagency.it

Tutto quello che c’è da sapere su Milan-Brescia, match valido per la 2^ giornata di Serie A: come arrivano le squadre, precedenti e statistiche

Ultimo aggiornamento

Milan e Brescia si affrontano in una sfida che mancava in Serie A dal 2010-2011. Il derby lombardo sarà un’incrocio tra due squadre in momenti opposti: i rossoneri – dopo la sconfitta di Udine – sono alla ricerca della propria identità tattica mentre le Rondinelle di Corini sono reduci dal successo e dall’ottima prestazione al debutto contro il Cagliari. Tutto quello che c’è da sapere sulla sfida tra rossoneri e bresciani.

Come arriva il Milan

I rossoneri non hanno inaugurato nel migliore dei modi la nuova era Giampaolo. L’ex allenatore della Sampdoria ha confermato il suo trend negativo sul campo dell’Udinese, dopo aver perso in Friuli anche nella prima gara dello scorso torneo con lo stesso punteggio (1-0). Il Milan non si è ancora calato nelle vesti del 4-3-1-2 e Piatek – dopo un precampionato con 0 reti all’attivo – deve ancora trovare il feeling con il modulo e i movimenti richiesti dal nuovo tecnico. La gara della Dacia Arena ha inoltre lasciato in eredità un dato assolutamente negativo con gli 0 tiri in porta riusciti: urge quindi una reazione di fronte al proprio pubblico nel derby lombardo.

Come arriva il Brescia

Le Rondinelle di Corini hanno festeggiato il loro ritorno in Serie A dopo otto stagioni con una prestigiosa vittoria sul campo del Cagliari. I lombardi – in attesa di poter contare anche su Balotelli – sono stati trascinati dalla rete di Donnarumma. Dopo i 27 centri della scorsa stagione l’attaccante bresciano ha timbrato il cartellino anche all’esordio in massima serie, come capitato ad un illustre predecessore come Hubner nell’agosto 1997.

Leggi anche > I top e i flop al fantacalcio dopo la 1^ giornata

Orario Milan-Brescia e dove vederla in tv

La gara tra Milan e Brescia si disputerà sabato 31 agosto 2019 alle ore 18:00. La sfida di San Siro sarà visibile in esclusiva in streaming su DAZN.

Probabili formazioni Milan-Brescia

Giampaolo deve trovare una nuova alchimia tattica che possa esaltare Piatek, ancora a secco tra precampionato e Serie A. Il tecnico rossonero potrebbe quindi rispolverare il 4-3-3 riportando Suso sul binario di destra e Calhanoglu a sinistra, inserendo Bennacer in cabina di regia e Kessié dall’inizio. Confermata la difesa e Paquetà nel ruolo di mezzala. Il Brescia non rinuncia invece al trequartista con un ballottaggio aperto tra Spalek e Tremolada. Indisponibile Cistana, al suo posto Gastaldello affiancherà il gigante Chancellor al centro della difesa.

Milan (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Bennacer, Paquetà; Suso, Piatek, Calhanoglu. All. Giampaolo

Brescia (4-3-1-2): Joronen, Sabelli, Gastaldello, Chancellor, Martella; Bisoli, Tonali, Dessena; Spalek; Donnarumma, Ayè. All. Corini

Le probabili formazioni della 2^ giornata

Precedenti Milan-Brescia

I rossoneri vantano uno score ampiamente positivo in casa contro le Rondinelle: 14  i successi del Milan contro le sole due vittorie degli ospiti nel 1935 e nel 1967. L’ultimo incrocio tra le due squadre a San Siro risale al 3-0 della stagione 2010-2011 griffato dalle reti di Boateng, Robinho e Ibrahimovic, ma va ricordato anche il match del 16 maggio 2004 in cui Baggio fece la sua ultima apparizione in campo.

I consigli per il fantacalcio

Seconda trasferta consecutiva per il Brescia, ma Donnarumma non perde appeal in termini di fantacalcio. L’attaccante delle Rondinelle ha dimostrato di poter timbrare il cartellino anche nella massima categoria e va schierato contro un Milan ancora alla ricerca dei migliori movimenti sul rettangolo di gioco. Stesso discorso per Bisoli, premiato con un meritato 7,5 in pagella nell’ultima gara. Merita una considerazione anche Joronen, tra i migliori a Cagliari, ma di fronte alla voglia di rivalsa di Piatek può essere un pericoloso azzardo. Il bomber polacco, infatti, è atteso al riscatto e con il possibile ritorno al 4-3-3 può ritrovare la zampata vincente sorretto da Suso e Calhanoglu.

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Serie A