Seguici su

Fantaschede

FANTASCHDE – Fiorentina, ecco Ribery: campione senza età

Franck-Ribery-Fiorentina
© imagephotoagency.it

I viola si assicurano il campione francese. Tutto su Franck Ribery per il fantacalcio: ruolo, caratteristiche e inclinazione a bonus, malus e infortuni

La Fiorentina fa sul serio: il nuovo presidente Commisso ha blindato Chiesa e ha intenzione di restituire ai gigliati almeno la metà sinistra della classifica di Serie A. I Viola hanno perso uno dei perni del centrocampo – Veretout passato alla Roma – ma hanno rimpiazzato il francese con il ritorno di Badelj in Toscana e l’acquisto di Pulgar dal Bologna. Le manovre più roboanti hanno riguardato tuttavia l’attacco con il trasferimento di Boateng dal Sassuolo e l’ingaggio di una stella del calcio mondiale come Ribery. L’ex ala offensiva del Bayern Monaco, svincolato dal club tedesco, si è legato alla Fiorentina per le prossime due stagioni alla ricerca di nuovi stimoli nella nostra Serie A. La redazione di Calcio d’Angolo ha analizzato il profilo del giocatore: caratteristiche, ruolo, inclinazione a bonus e malus e continuità di rendimento. Tutto quello che c’è da sapere prima di decidere se comprarlo o meno al fantacalcio.

Chi è Franck Ribery

Franck Ribery è uno dei calciatori tecnicamente più forti e vincenti della sua generazione, soprattutto in virtù dei successi conseguiti a livello internazionale. L’esterno offensivo francese è nato a Boulogne-sur-Mer nell’aprile 1983 e ha mosso i primi passi nella sua terra natia militando nelle giovanili del Boulogne, formazione con cui poi giocherà anche nella prima squadra dal 2000 al 2002. Poche presenze – appena 28 – e 6 reti che gli varranno come trampolino di lancio per le successive esperienze in patria con l’Olympique Alès, il Brest e il Metz dal 2002 al 2005: nessuna di queste avventure si concluderà tuttavia con numeri esaltanti a livello di presenze e di realizzazioni tanto che il Metz lo lascia partire senza rimpianti nel gennaio 2005 in direzione Turchia. L’attaccante si accasa al Galatasaray senza però riuscire a timbrare alcuna rete fino a fine stagione, prima di fare ritorno in Francia tra le fila dell’Olympique Marsiglia. In Provenza Ribery inizia a dare sfoggio delle qualità che abbiamo ammirato nel corso degli anni – dribbling, gol e spunti sulla fascia – che gli frutteranno il trasferimento al Bayern Monaco nell’estate 2007 dopo 18 reti e 20 assist in 89 presenze totali. Alla corte dei tedeschi Franck frantuma record su record, presentandosi subito con due gol e un assist nella gara di esordio contro il Werder Brema di Coppa di Germania, e diventando il giocatore straniero con il maggior numero di presenze (425) nella storia del club. In Baviera conquista 24 titoli – uno in più del leggendario portiere Kahn – di cui tre di questi arrivano nella storica annata 2013: in quella stagione infatti il Bayern riuscì a mettere a segno lo storico triplete piegando in finale di Champions League i connazionali del Borussia Dortmund. Più avara di soddisfazioni invece la sua carriera in Nazionale: con i galletti infatti Ribery ha segnato 16 reti in 81 presenze, ma ha dovuto smaltire la delusione del secondo posto ai Mondiali 2006 alle spalle dell’Italia.

Consulta tutte le fantaschede degli ultimi arrivati in Serie A

Ruolo, caratteristiche e rendimento: 7,5

Ribery è tecnicamente un calciatore fuori dalla norma, un lusso per il nostro campionato. Nonostante le 36 primavere, infatti, il francese ha ancora nelle corde dribbling e assist di alta qualità. La sua posizione preferita è quella di esterno alto a sinistra, zolla di campo da cui può rientrare in maniera imprevedibile sul destro e servire assist geniali ai compagni oppure tentare la conclusione diretta in porta. Può mancargli qualcosa in termine di progressione rispetto ai primi anni di carriera, ma il suo movimento ad accentrarsi può liberare spazi preziosi anche al terzino difensivo. L’inserimento come centrocampista nel listone è un punto a suo favore.

Indice di titolarità: 8,5

L’acquisto di Ribery è un segnale importante della voglia di “Rinascimento” dalle parti di Firenze dopo il finale della scorsa stagione vissuto a ridosso del baratro della retrocessione. Difficile quindi che Montella lasci in panchina un top player come il francese, che punta a spostare le convinzioni tattiche del tecnico verso un 4-3-3 in cui Chiesa e l’ex Bayern presidieranno le corsie laterali. Anche la concorrenza è limitata sull’out sinistro avanzato, con il solo Sottil che si è disimpegnato in quella porzione di campo nel corso delle amichevoli estive dei viola.

Inclinazione ai bonus: 8

Le ultime stagioni di Ribery non sono state caratterizzate da numeri entusiasmanti dal punto di vista realizzativi: il francese, infatti, non ha più superato la doppia cifra dalla Bundesliga 2013/14 in cui riuscì a collezionare 10 reti in campionato. L’attaccante non ha fatto però mai mancare il proprio apporto ai compagni in termini di assist avendo servito 182 passaggi decisivi con la maglia dei rossi di Germania nelle sue 425 apparizioni in tutte le competizioni.

Frequenza malus: 6,5

L’inclinazione del giocatore verso il cartellino ha registrato un valore stabilmente basso – per la gioia di allenatori e fantallenatori – nella seconda parte di carriera. L’ultima espulsione diretta di Ribery risale infatti alla stagione 2012/13 in Coppa di Germania, mentre in campionato il francese ha raggiunto la quota di 5 ammonizioni soltanto nell’annata 2010/11.

Frequenza agli infortuni: 6,5

La condizione fisica di Ribery può essere uno dei principali ostacoli all’esplosione del francese nel nostro campionato: l’ex asso del Bayern Monaco ha infatti patito diversi infortuni alla caviglia e alla schiena. Problemi che lo hanno limitato in campo nel’’ultima stagione, facendogli saltare 8 partite con i tedeschi. Più critica la situazione dell’annata 2017/18 in cui il francese ha subito la rottura del legamento collaterale con annesso stop per 56 giorni.

Prendere Ribery al fantacalcio? 7,4

Il francese potrebbe non essere l’ala devastante che abbiamo ammirato fino a qualche stagione fa. Il fantacalcio non si fa con le figurine dei grandi campioni, ma è giusto ricordare che le qualità di Ribery – anche all’età di 36 anni – possono creare superiorità numerica e occasioni da rete anche sui campi della Serie A. Il +3 nelle ultime stagioni non è stato il suo forte, ma la capacità di servire i compagni potrà regalarvi numerosi assist nel corso della stagione. Ad incrementare la sua appetibilità anche la quotazione come centrocampista che lo colloca tra le prime scelte del reparto.

La fantascheda di Ribery

Caratteristiche: 7,5

Titolarità: 8,5

Bonus: 8

Malus: 6,5

Infortuni: 6,5

Fantavalore: 7,4

Il fantavalore è la media aritmetica delle valutazioni assegnate dalla redazione di Calcio d’Angolo alle caratteristiche del giocatore, alla titolarità, alla frequenza dei bonus, alla capacità di evitare malus e all’inclinazione agli infortuni.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Pubblicità Fantacalcio Fantardore 2020-21
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Fantaschede