Seguici su

Fantaschede

FANTASCHEDE – Spal, ecco Berisha: esperiente portiere per la porta degli spallini

Etrit Berisha Spal
© imagephotoagency.it

Colpo in porta per la Spal, direttamente dall’Atalanta. Tutto su Etrit Berisha per il fantacalcio: ruolo, caratteristiche e inclinazioni a bonus, malus e infortuni

Conquistata abbastanza agevolmente la salvezza nel corso della scorsa stagione, la Spal cerca rinforzi per ripetersi anche nel prossimo campionato. Uno dei reparti bisognosi di rinforzi era quello arretrato, e proprio in questo senso è stato fatto un grande colpo. Dall’Atalanta è infatti stato acquistato l’esperto portiere Etrit Berisha. La redazione di Calcio d’Angolo ha analizzato il profilo del giocatore: caratteristiche, ruolo, inclinazione a bonus e malus e continuità di rendimento. Tutto quello che c’è da sapere prima di decidere se comprarlo o meno al fantacalcio.

Chi è Etrit Berisha

Nato a Pristina – in Albania – il 10 marzo del 1989, cresce calcisticamente nel 2 Korriku, dove approda all’età di nove anni e resta fino a 19. Nel 2008 passa al Kalmar, con il quale completa il percorso delle giovanili e un anno dopo fa il suo esordio tra i professionisti, il 28 aprile 2010 contro l’Orebro. Con il passare delle settimane trova sempre più spazio e finisce per diventare il titolare degli svedesi. Il 12 luglio del 2012 va anche in gol con la maglia del Kalmar, realizzando il calcio di rigore contro il Cliftonville, nel match valido per l’Europa League. Dopo cinque anni decide di lasciare gli svedesi ed accettare le avance della Lazio, che per il suo cartellino paga 400mila euro.

Con i biancocelesti ricopre inizialmente un ruolo di secondo piano, facendo il vice di Federico Marchetti. Nella seconda metà, complici i problemi fisici del portiere titolare, conquista un ruolo di primo piano. Chiude il primo anno con 23 presenze. La seconda stagione va leggermente peggio della prima, con l’albanese che colleziona 17 partite, grazie al ruolo da titolare ricoperto in Coppa Italia. Nel terzo anno con la Lazio arriva l’esordio in Champions League, il 18 agosto del 2015 contro il Bayer Leverkusen. Nei biancocelesti è però ancora una seconda scelta e chiude l’anno con 20 presenze. A fine stagione decide dunque di salutare e su di lui finisce l’Atalanta, che lo strappa alla Lazio in prestito con diritto di riscatto.

Nei bergamaschi trova subito una maglia da titolare e diventa un punto di riferimento. Chiude la prima stagione con 27 apparizioni e 11 reti inviolate. Stagione che gli vale la conferma, con l’Atalanta che paga i 5,5 milioni pattuiti e lo riscatta dalla Lazio. La terza stagione è forse la peggiore stagione con gli orobici, dopo essere partito titolare, l’albanese finisce infatti per perdere il posto a favore di Gollini. Al termine dell’anno decide quindi di lasciare i bergamaschi, complice anche il posto da titolare ormai perso, e passa alla Spal, che lo prende in prestito dall’Atalanta.

La prima convocazione in nazionale arriva nel 2012. Per il debutto bisogna aspettare il 27 maggio, nel match contro l’Iran, valido come amichevole. Nel 2014 diventa anche capitano della nazionale albanese. Con l’Albania ha totalizzato finora 57 presenze.

Consulta tutte le fantaschede degli ultimi arrivati in Serie A

Ruolo, caratteristiche e rendimento: 6,5

Berisha è un portiere. Nel corso degli anni l’albanese ha dimostrato di poter ricoprire un ruolo importante anche in squadre con grandi ambizioni. Dopo due anni da protagonista con l’Atalanta, nel corso dell’ultimo anno ha perso il posto a favore di Gollini, nonostante prestazioni abbastanza positive.

Indice di titolarità: 9

Esperienza con la Lazio a parte, Berisha ha sempre ricoperto un ruolo da titolare nelle squadre nelle quali ha giocato. Alla Spal arriva per fare il titolare.

Inclinazione ai bonus: 6

Dei 28 rigori fronteggiati in carriera, Berisha ne ha parati otto. Buona anche la statistica delle reti inviolate, che dice 89 in 255 presenze complessive.

Frequenza malus: 6

Buono anche il suo rapporto con i malus. Solo nove i cartellini gialli rimediati nel corso della sua carriera, appena uno invece quello rosso. Per quanto riguarda le reti incassate, sono 276, con una media di 1,08 gol subito a partita.

Frequenza agli infortuni: 6

Anche se in passato gli infortuni sono stati uno dei suoi punti deboli, negli ultimi anni l’albanese è migliorato anche sotto questo punto di vista, adesso però di mezzo si ci mette anche l’età. L’infortunio più grave è arrivato nel corso della stagione 2016/17, quando a causa di un problema al ginocchio è stato costretto a stare fuori 40 giorni, saltando sei partite.

Prendere Berisha al fantacalcio? 6,7

Prendere il portiere di una delle squadre che lottano per non retrocedere come portiere titolare è senza ombra di dubbio un azzardo. Considerata però l’esperienza dell’albanese, puntarci come secondo potrebbe essere una buona idea, considerando che il prezzo all’asta non sarà elevatissimo.

La fantascheda di Berisha

Caratteristiche: 6,5

Titolarità: 9

Bonus: 6

Malus: 6

Infortuni: 6

Fantavalore: 6,7

Il fantavalore è la media aritmetica delle valutazioni assegnate dalla redazione di Calcio d’Angolo alle caratteristiche del giocatore, alla titolarità, alla frequenza dei bonus, alla capacità di evitare malus e all’inclinazione agli infortuni.

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Fantaschede