Seguici su

Comunicati

Serie A, le decisioni del Giudice Sportivo dopo la 5^ giornata

Kalidou-Koulibaly-Napoli
© imagephotoagency.it

Tutti i provvedimenti del Giudice Sportivo dopo la 5^ giornata di Serie A: mini stangata per Koulibaly, chiuso un settore dello stadio del Brescia

Sono tre i giocatori fermati dal Giudice Sportivo dopo la 5^ giornata di Serie A. Koulibaly è stato squalificato per due turni dopo le proteste in Napoli-Cagliari, stop anche per Reina e Murillo. Per quanto riguarda i cori discriminatori all’indirizzo di Pjanic in Brescia-Juventus, il Giudice Sportivo ha sanzionato “la Soc. Brescia con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato Curva Nord privo di spettatori, disponendo che l’esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l’avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione”.

Calciatori espulsi

(Squalifica per due giornate effettive di gara ed ammenda di €10.000)

KOULIBALY Kalidou (Napoli): per avere, al 43° del secondo tempo, assumendo un atteggiamento irriguardoso, rivolto del Direttore di gara un’espressione gravemente ingiuriosa, reiterando tale comportamento mentre usciva dal terreno di giuoco dopo la conseguenziale espulsione.

(Squalifica per una giornata effettiva di gara ed ammenda di €5.000)

REINA Jose (Milan): per avere, al 27° del secondo tempo, alzandosi dalla panchina ed entrando sul terreno di giuoco, contestato una decisione arbitrale con atteggiamento e parole irrispettosi.

(Squalifica per una giornata effettiva di gara)

MURILLO Jeison (Sampdoria): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario

Società

Ammenda di 3.000,00 euro: alla Soc. BRESCIA per avere i suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato nel recinto di giuoco una bottiglia di plastica ed altri oggetti; sanzione attenuata ex art. 29, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Ammenda di 3.000,00 euro: alla Soc. BRESCIA a titolo di responsabilità oggettiva, per avere ingiustificatamente ritardato l’inizio del primo tempo di circa tre minuti.

Ammenda di 3.000,00 euro: alla Soc. LECCE per avere i suoi sostenitori, all’11° del primo tempo, lanciato nel recinto di giuoco un petardo; sanzione attenuata ex art. 29, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Ammenda di 3.000,00 euro: alla Soc. ROMA a titolo di responsabilità oggettiva, per avere ingiustificatamente ritardato l’inizio del primo tempo di circa due minuti.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Pubblicità Fantacalcio Fantardore 2020-21
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Comunicati