Seguici su

Serie A

Serie A, le decisioni del Giudice Sportivo dopo l’11^ giornata

Josip Ilicic Atalanta
© imagephotoagency.it

Tutti i provvedimenti del Giudice Sportivo dopo l’11^ giornata di Serie A: mini stangata per Ilicic, decisione sul caso Balotelli

Sono cinque i giocatori fermati dal Giudice Sportivo dopo l’11^ giornata di Serie A. Ilicic è stato squalificato per due giornate dopo il calcio tirato ad un avversario in Atalanta-Cagliari, un turno di stop per Matri e Cetin e anche per i diffidati Igor e Obiang. C’era tanta attesa riguardo i cori razzisti rivolti a Balotelli: è stata disposta la “chiusura per una giornata effettiva di gara, con decorrenza immediata, del settore denominato “poltrone est”.

Calciatori espulsi

(Squalifica per due giornate effettive di gara)

Ilicic Josip (Atalanta): condotta gravemente antisportiva: per avere, al 39° del primo tempo, a giuoco fermo, colpito un avversario con un calcio ad una gamba; senza conseguenze lesive.

(Squalifica per una giornata effettiva di gara ed ammenda di €15.000)

Matri Alessandro (Brescia): per avere, al termine della gara, sul terreno di giuoco, con atteggiamento intimidatorio rivolto al Direttore di gara un’espressione gravemente irrispettosa.

(Squalifica per una giornata effettiva di gara)

Cetin Yildirim Mert (Roma): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.

Calciatori non espulsi

(Squalifica per una giornata effettiva di gara)

Igor Dos Santos Julio (Spal): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).

Obiang Avomo Pedro Mba (Sassuolo): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).

Società

Ammenda di 30.000,00 euro con diffida: alla Soc. ROMA per avere i suoi sostenitori intonato più volte cori insultanti di matrice territoriale nei confronti della tifoseria avversaria che portavano il Direttore di gara, al 23° del secondo tempo, ad interrompere la gara per circa un minuto; sanzione attenuata per il fattivo ed efficace comportamento del capitano della Soc. Roma, non registrandosi ulteriori cori durante la gara dopo l’annuncio e l’intervento del suddetto calciatore. Dispone altresì, a cura della Procura federale, la trasmissione di maggiori elementi di dettaglio circa l’effettivo settore di provenienza dei suddetti cori, ai fini dell’eventuale adozione di ulteriori provvedimenti da parte di questo Giudice in ordine dell’accaduto.

Ammenda di 3.000,00 euro: alla Soc. VERONA per avere i suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato un petardo nel recinto di giuoco; sanzione attenuata ex art. 29, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Ammenda di 3.000,00 euro: alla Soc. INTER per avere i suoi sostenitori, prima dell’inizio della gara, lanciato un petardo nel recinto di giuoco; sanzione attenuata ex art. 29, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Ammenda di 2.500,00 euro: alla Soc. LECCE per avere i suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato due fumogeni nel recinto di giuoco; sanzione attenuata ex art. 29, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Ammenda di 2.000,00 euro: alla Soc. BOLOGNA per avere i suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato un bengala nel recinto di giuoco; sanzione attenuata ex art. 29, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Serie A