Seguici su

Serie A

Allarme coronavirus: cosa succede se si ferma la Serie A

Tabellone Tim serie A
© imagephotoagency.it

L’emergenza sanitaria dilaga e l’ipotesi di bloccare il campionato diventa sempre più concreta. Gli scenari possibili e le conseguenze sul fantacalcio

Dopo il decreto che allarga la zona rossa a tutta la regione Lombardia e ad altre 14 province, è evidente come la situazione si stia facendo sempre più grave, e adesso anche il campionato rischia di fermarsi. Nella giornata di sabato 7 marzo 2020, Damiano Tommasi, presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, ha tuonato sul suo profilo Twitter invocando lo stop del campionato. “La Uefa deve prendere in considerazione la possibilità di far slittare gli Europei per dare più tempo ai campionati di concludersi. Il problema Coronavirus riguarda tutta l’Europa e anche i calciatori, ma nel calcio non c’è tempo e non ci si può fermare come hanno fatto altri sport”.

Il presidente della FIGC ha spiegato che nel caso in cui un giocatore risultasse positivo al tampone, il rischio di dover interrompere le competizioni sarebbe alto.

Anche Mario Balotelli ha lanciato un appello dai suoi profili social, ribadendo la necessità di interrompere subito lo svolgimento delle gare. Nella giornata in cui verranno recuperate le partite del 26^ turno non disputate lo scorso weekend, le voci riguardo un’interruzione della Serie A si fanno sempre più numerose e concrete.

Cresce la preoccupazione tra le società, e c’è chi propone una “pausa di riflessione” fino all’attuale data di scadenza del decreto (3 aprile), proponendo dunque il rinvio delle prossime due giornate in attesa di capire come si evolverà la situazione.

Cosa succede se si ferma il campionato di Serie A

Risposte certe non ce ne sono, poiché non esiste una norma che regoli una simile situazione. Potrebbe dunque essere convocato a breve un Consiglio federale straordinario per regolamentare la situazione. Oltre al problema di capire a chi assegnare il titolo, le altre due grandi questioni sono legate ai posti nelle competizioni europee e alla retrocessione.

Se lo scudetto potrebbe semplicemente non essere assegnato – come avvenuto nella stagione 2004/05 per Calciopoli – il discorso per le altre due decisioni è più complesso. Un’ipotesi è il congelamento della classifica considerata fino all’ultimo turno disputato regolarmente, il 24^ in questo caso.

Potrebbe anche esserci la possibilità di procrastinare la decisione fino al completamento dei recuperi della 25^ giornata, ma in tal caso ci sarebbe il problema di Inter-Sampdoria, che non ha ancora una data stabilita, a differenza delle altre gare che si recupereranno il 18 marzo.

Più drastica decisione sarebbe quella di interrompere momentaneamente il campionato per poi riprenderlo in estate, costringendo così la UEFA a rimandare di un anno l’Europeo. L’unico precedente simile risale alla stagione 1914/15, quando l’entrata dell’Italia nella prima Guerra Mondiale sancì l’interruzione del campionato e l’assegnazione dello scudetto al Genoa, all’epoca 1^ in classifica nel girone nord.

Cosa succede al fantacalcio in caso di sospensione del campionato

Tutto è ovviamente legato alla decisione che si dovesse prendere in caso di sospensione della Serie A. Se si decidesse di rimandare tutte le partite al periodo estivo, una possibilità per il fantacalcio è quella di attendere tale periodo e terminare “regolarmente” il torneo.

Se le gare non verranno riprese, o se i partecipanti all’interno della propria lega non vorranno aspettare, una possibilità è quella di considerare l’attuale classifica, assegnando già da ora il titolo a chi detiene il 1^ posto in classifica. Se si dovessero disputare i recuperi del 25^ turno, si potrebbe attendere il completamento dei recuperi in modo da convalidare la 25^ giornata e tenerne conto nella classifica finale.

Ogni decisione in merito spetterà ai partecipanti di ciascuna lega, che sarebbero verosimilmente chiamati a votazione per stabilire come procedere. Si attendono ulteriori aggiornamenti dagli organi competenti per saperne di più.

Parma-Spal rinviata

Alle 12.30 di domenica 8 marzo, avrebbe avuto avere inizio la gara tra Parma e Spal. Gara valida per il primo recupero della 26^ giornata. Ad 1′ minuto dall’inzio della gara, mentre i giocatori erano pronti a scendere in campo, è arrivata il richiamo da parte dell’arbitro Pairetto. Gravina, infatti, ha chiamato il delegato Figc, che a sua volta ha chiamato Rizzoli. Gara sospesa in attesa di comunicazioni da parte della Lega Serie A riguardo l’emergenza Coronavirus.

Arrivata l’ufficialità: Parma-Spal si gioca alla 13:45


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Pubblicità Fantacalcio Fantardore 2020-21
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Serie A