Seguici su

Serie A

Atalanta-Inter: orario, probabili formazioni e dove vederla in tv

esultanza gol Lautaro Martinez Lukaku
© imagephotoagency.it

Tutto quello che c’è da sapere su Atalanta-Inter, partita della 38^ giornata di Serie A: come arrivano le squadre, precedenti e statistiche

La 38^ e ultima giornata del campionato si giocherà per la prima volta nel mese di agosto: tra sabato 1 e domenica 2. Pochi obiettivi rimasti per le squadre, ma molti i big match che offre il turno: Atalanta-Inter, Juventus-Roma e Napoli-Lazio. Inoltre ci sono anche le gare del Genoa e Lecce – rispettivamente contro Verona e Parma – che si giocano l’ultimo posto disponibile per la prossima Serie A.

Le due squadre nerazzurre sono divise in classifica da un solo punto e sono in piena lotta per il secondo posto, con un occhio alla Lazio che è in agguato. Per entrambe sarà un importante test in vista delle fasi finali delle coppe europee che vedranno le due squadre lombarde impegnate in Champions League (l’Atalanta) e in Europa League (l’Inter). Tutto quello che c’è da sapere sul match tra Atalanta e Inter.

Come arriva l’Atalanta

L’Atalanta occupa attualmente la terza posizione in classifica con 78 punti. Gli orobici hanno gli stessi punti della Lazio, ma rispetto ai biancocelesti hanno il vantaggio degli scontri diretti. L’obiettivo della squadra di Gasperini è il secondo posto che costituirebbe la miglior prestazione in Serie A nella storia dei bergamaschi. Per riuscirci hanno un solo risultato a disposizione: la vittoria.

Gli orobici non perdono dalla 20^ giornata – prima di ritorno – per mano della Spal, dopo d’allora hanno avuto un cammino pazzesco: 13 vittorie e quattro pareggi in 17 partite. Con gli attuali 78 punti hanno già battuto il precedente record di 72 ottenuto nella stagione 2016/17, grazie ai 98 gol sono ad un passo da quota 100 che non viene raggiunta da 50 anni e hanno stabilito un altro record per la propria storia portando tre giocatori sopra quota 15 reti (Zapata 18, Muriel 18 e Ilicic 15).

Coma arriva l’Inter

L’Inter arriva da quattro vittorie nelle ultime sei partite che hanno fatto risalire al secondo posto – dopo essere scivolata in quarta piazza – la squadra di Conte. I nerazzurri in questa stagione hanno ottenuto il miglior risultato degli ultimi dieci anni e con una vittoria a Bergamo eguaglierebbero i punti ottenuti nell’ultima stagione di Mourinho, quella del triplete.

I nerazzurri si trovano in seconda posizione in classifica con 79 punti. È importante riuscire ad evitare il quarto posto, perchè l’eventuale concomitante vittoria nelle coppe europee di Napoli e Roma farebbe scivolare la squadra quarta classificata in Europa League. L’Inter ha il vantaggio di poter giocare anche per il pareggio, e addirittura potrebbero anche perdere – con una contemporanea sconfitta o pareggio della Lazio – perchè arrivando a pari punti con i biancocelesti avrebbero la differenza reti dalla loro parte.

Orario di Atalanta-Inter e dove vederla in tv o in streaming

La partita Atalanta-Inter verrà disputata sabato 1 agosto alle ore 20:45 al Gewiss Stadium di Bergamo, senza la presenza dei tifosi a causa delle restrizioni dovute alla pandemia per il coronavirus. Il match sarà trasmesso in diretta su Dazn e sul canale DAZN1 di Sky (canale 209 del satellite), solo per i clienti Sky che hanno aderito all’offerta Sky-DAZN. Sarà visibile anche in streaming per gli abbonati sulle piattaforme che consentono la presenza dell’app Dazn.

Calendario Serie A: date e dove vedere le partite della 38^ giornata

Probabili formazioni Atalanta-Inter

Gasperini non avrà a disposizione Ilicic, alle prese con problemi personali, mentre è in dubbio la presenza di Palomino uscito malconcio dalla trasferta di Parma. Quindi davanti a Gollini, la linea difensiva dovrebbe essere composta da Toloi, Caldara e Djimsiti. A centrocampo dovrebbero giocare de Roon e Freuler, con Hateboer a destra e Gosens a sinistra, anche se Castagne è pronto a subentrare. Davanti giocherà da punta centrale Zapata, con Gomez e Pasalic a sostegno del colombiano. Muriel e Malinovskyi sono pronti a prendere il posto dell’ucraino.

Conte dovrà rinunciare agli infortunati Sensi e Vecino. In difesa dovrebbe tornare Skriniar dal primo minuto, facendo reparto con de Vrij e Bastoni, anche se D’Ambrosio è sempre in agguato. A centrocampo rientra Gagliardini dopo la giornata di squalifica, ma dovrebbe accomodarsi in panchina. A giocare dovrebbero essere Brozovic e Barella centrali, Candreva e Young sulle fasce, anche se Biraghi è in forma e potrebbe sostituire l’inglese. Dubbio sull’utilizzo dal primo minuto di Eriksen, nel caso non dovesse giocare spazio a Borja Valero o a Gagliardini con conseguente passaggio al centrocampo a cinque. In attacco dovrebbe esserci la coppia Lukaku-Lautaro, con Sanchez pronto a subentrare anche a partita in corso.

Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Caldara, Djimsiti; Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens; Pasalic, Gomez; Zapata. All. Gasperini

Inter (3-4-1-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Candreva, Brozovic, Barella, Young; Eriksen; Lautaro Martinez, Lukaku. All. Conte

Consulta tutte le probabili formazioni della 38^ giornata di Serie A

Precedenti Atalanta-Inter

Le due squadre si sono affrontate 117 volte in Serie A col bilancio di 24 vittorie per l’Atalanta, 31 pareggi e 62 successi per l’Inter. I nerazzurri negli ultimi 12 anni sono riusciti ad imporsi solo in due occasioni a Bergamo: nelle stagioni 2014/15 e 2007/08, per il resto hanno subito quattro sconfitte e cinque pareggi.

L’11 gennaio scorso si è giocata la partita di andata al Meazza che è terminata col risultato di 1-1. Al vantaggio dei nerazzurri firmato da Lautaro Martinez dopo pochi minuti, ha risposto nel secondo tempo Gosens per gli orobici, con Handanovic che nel finale ha parato un rigore a Muriel.

Atalanta-Inter: i consigli per il fantacalcio

Gli attaccanti della squadra di Gasperini sono in formissima. Gomez è tornato al gol dopo un girone intero nel quale è rimasto a secco, ed è in piena corsa con Luis Alberto per la corona di miglior assist-man del campionato. Zapata viene da quattro gol nelle ultime sei giornate e vuole essere il miglior marcatore della squadra che ha segnato di più in stagione. Malinovskyi è sempre pericoloso – anche da subentrato – ed è in un momento di forma eccellente. Muriel è il miglior dodicesimo uomo del campionato grazie ai suoi 11 gol da subentrato e con la sua velocità e la sua freschezza può mettere in serio rischio la stabilità della difesa interista. Attenzione anche a Gosens che è ad un passo dalla doppia cifra stagionale, e all’andata ha fatto male all’Inter. Di contro potrebbe non essere la giornata perfetta per Hateboer che – come per tutta la stagione – ha dimostrato di essere meno performante del compagno di reparto. E sarà anche tosta per Caldara, Toloi e Djimsiti contro la coppia di attaccanti interista, che ha dimostrato di essere molto in forma nelle ultime uscite.

A fare la differenza per l’Inter sarà la forma dei suoi attaccanti. Lautaro viene dal bellissimo gol segnato contro il Napoli che gli ha ridato fiducia in vista di questo finale di stagione. Lukaku è a quota 23 in campionato ed è a caccia del record di gol alla prima stagione in nerazzurro, stabilito da Ronaldo con 25. Inoltre è quello che nella storia della Serie A ha segnato più gol in trasferta in una singola stagione (13). Occhio anche a Sanchez che entrando a partita in corso e con la sua freschezza atletica potrebbe creare più di qualche difficoltà alla difesa avversaria. Sarà bella la sfida sulle fasce: Candreva è più in forma di Young ma contro Gosens potrebbe essere costretto a stare più coperto, mentre l’inglese contro Hateboer potrebbe avere più spazio per spingere. Quindi stavolta è consigliato al fantacalciol’utilizzo di Young piuttosto che quello di Candreva. Sarà importante anche la facilità con cui difesa e centrocampo dell’Inter riusciranno a saltare il pressing alto dell’Atalanta. Per questo potrebbe essere una giornata difficile per Skriniar e per Barella che potrebbero spendere anche falli pericolosi, mentre la forma di Brozovic e Bastoni  – che potrebbero essere le due “sorprese” – sarà la chiave di volta per la squadra di Conte.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Serie A