Seguici su

Serie A

Il Crotone ritorna in Serie A dopo una stagione da sogno

Esultanza giocatori Crotone
fccrotone.it

Partiti senza i favori del pronostico e dopo una disastrosa fase centrale, i rossoblu sono riusciti a riemergere con un finale da sogno

Il Crotone è in Serie A. Dopo il Benevento è un’altra squadra del Sud ad ottenere la promozione diretta nel massimo campionato italiano. I pitagorici ritornano in Serie A dopo due stagioni di cadetteria, compiendo un’altra impresa storica per la città e per tutta la Calabria che ritorna protagonista.

A permettere i festeggiamenti è stata la vittoria per 5-1 contro il Livorno e il contemporaneo pareggio dello Spezia contro la Cremonese che hanno fatto aumentare il distacco in classifica a otto punti, rendendo il Crotone irraggiungibile per gli avversari quando alla fine della stagione mancano solo due giornate.

La stagione del Crotone

Il Crotone non è partito con i favori del pronostico infatti ad inizio stagione erano altre le squadre destinate e designate a doversi giocare la promozione. La corazzata Benevento ha “ammazzato” il campionato. Si è portato in testa quasi subito senza mai abbandonare la prima posizione e ottenendo la matematica promozione in Serie A – e la vittoria del campionato – con sette giornate di anticipo.

Empoli, Frosinone e Chievo Verona erano le squadre retrocesse dalla Serie A che avevano il vantaggio dei pronostici, ed erano quelle indicate insieme a Benevento, Pescara e Perugia per giocarsi la promozione. Anche il mercato estivo faceva presagire un campionato del genere, ma il Crotone ha saputo sovvertire le previsioni della vigilia. Uno dei punti di forza è stata la conferma di mister Stroppa che aveva portato nella stagione precedente la squadra alla salvezza, dopo essere stato esonerato e richiamato in seguito.

I pitagorici sono stati protagonisti di una partenza in sordina, con una sola vittoria – proprio contro lo Spezia – nelle prime quattro giornate. A questa sono seguiti tre successi e un pareggio che hanno permesso ai ragazzi allenati da Stroppa di raggiungere la prima posizione in classifica, unica giornata al vertice. Questo ha forse causato nella squadra un’eccessiva consapevolezza nei propri mezzi, infatti nelle successive sette partite è arrivata una sola vittoria.

Il Crotone è precipitato al decimo posto in classifica, ma la società ha saputo resistere non togliendo la fiducia al tecnico e continuando a credere nel progetto di inizio stagione. Infatti a cavallo della sosta invernale sono arrivate quattro vittorie consecutive che hanno rilanciato la squadra e le ambizioni dei crotonesi.

La svolta vera e propria è arrivata dalla 25^ giornata in poi. Tre vittorie prima dello stop forzato in seguito alla pandemia, a cui sono seguiti tre pareggi alla ripresa del campionato i quali hanno fatto pensare che la serie positiva era stata interrotta. Ma così non è stato, infatti nelle ultime cinque partite sono arrivate quattro vittorie che hanno permesso ai pitagorici di scavare il solco decisivo nei confronti degli avversari che non hanno saputo tenere il ritmo della squadra allenata da Stroppa.

I protagonisti della promozione del Crotone

La dedica di tutta la società e dei calciatori del Crotone è andata a Sergio Mascheroni, preparatore atletico della squadra venuto a mancare il 2 ottobre scorso in seguito ad un tragico incidente in montagna. Le parole di mister Stroppa appena saputa la notizia della matematica promozione sono state per il suo collaboratore: “Questa sera con noi manca Sergio Mascheroni che chiaramente avremmo voluto qui vicino a festeggiare insieme a noi e quindi la dedica è sicuramente per lui”.

Calcisticamente parlando il protagonista della promozione del Crotone è Simy. Il nigeriano arrivato nella città pitagorica nell’estate del 2016 – primo anno di Serie A per il Crotone – da sconosciuto, si è fatto apprezzare a partire dalla seconda stagione per i sette gol tra i quali la splendida rovesciata alla Juventus, che però non sono stati utili alla squadra per raggiungere la seconda salvezza. Cercato da molti club, è però rimasto divenendo un punto fisso della squadra. Quest’anno è in lotta per diventare il primo nigeriano ad ottenere il titolo di capocannoniere della Serie B, è in testa con 20 reti.

Altro grande merito va attribuito al capitano Alex Cordaz, che è alla settima stagione con la maglia rossoblu. Il portiere veneto è diventato un pezzo pregiato della squadra, e le sue parate spesso hanno permesso al Crotone di portare a casa risultati importanti.

Però il principale merito per la costruzione di una squadra sempre competitiva va al direttore sportivo Giuseppe Ursino, che da sempre lega il suo nome a quello del Crotone Calcio. Ha saputo creare una piazza ideale dove poter far crescere tantissimi giovani calciatori che sono diventati in seguito dei campioni: Florenzi, Pellè, Mirante, Bernardeschi, Konko, Ceccherini, Ferrari, solo per citarne qualcuno. Ha anche l’onore di non aver esonerato il tecnico Stroppa quando la stagione stava andando male, dopo un inizio scintillante, mantenendo fede ai progetti iniziali e credendo sia nell’allenatore sia nei calciatori.

Crotone 2019/20: curiosità e statistiche

Il Crotone in questo campionato ha il secondo miglior attacco con 62 gol fatti, naturalmente dietro al Benevento ma staccato di una sola rete. Ha anche la seconda miglior difesa con 38 gol subiti, davanti c’è sempre il Benevento che però stavolta stacca nettamente la concorrenza con 24 reti incassate.

Simy – come detto in precedenza – lotta per la conquista del titolo di capocannoniere della Serie B. Al momento è in testa con 20 gol, incalzato da Iemmello del Perugia con 19 e da Pettinari (Trapani) e Forte (Juve Stabia) con 17. Il nigeriano ha raggiunto la vetta grazie alle sette reti segnate nelle ultime cinque partite.

Nelle ultime 12 partite non ha mai perso. Sono otto vittorie e quattro pareggi con 28 punti conquistati che hanno permesso ai pitagorici di fare lo scatto decisivo verso la promozione, ottenuta matematicamente con due turni di anticipo.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
calciodangolo.com Collabora con noi
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Serie A