Seguici su

Serie A

Verona-Lazio: orario, probabili formazioni e dove vederla in tv

esultanza gol Ciro Immobile Milinkovic-Savic Lazio
© imagephotoagency.it

Tutto quello che c’è da sapere su Verona-Lazio, match valevole per la 36^ giornata di Serie A: come arrivano le squadre, precedenti e statistiche

Verona-Lazio è uno dei match della 36^ giornata di Serie A con grande tasso tecnico in campo. I veneti sono ormai fuori dalla corsa all’Europa League ma il loro allenatore ha insegnato ai propri giocatori a non mollare mai e daranno il massimo anche nelle prossime gare. I biancocelesti hanno conquistato la matematica partecipazione alla prossima Champions League e hanno l’obiettivo di concludere il campionato al secondo posto.

La partita sarà affascinante e piena di spettacolo con due squadre abituate ad attaccare e pressare alti, probabilmente vincerà chi avrà più condizione fisica e farà meno in fase di impostazione che possono essere fatali. Tutto quello che c’è da sapere su Verona-Lazio.

Come arriva il Verona

L’ultima vittoria dell’Hellas risale al primo luglio contro il Parma, poi sono arrivati quattro pareggi e due sconfitte che hanno portato i gialloblu al nono posto con tredici punti di distanza dalla zona Europa. La dirigenza è rimasta comunque soddisfatta della stagione tanto da rinnovare il contratto Juric fino al 2023 dopo le voci che lo accostavano alla Fiorentina. A livello difensivo, la squadra è peggiorata considerando che nel girone di andata le reti subite erano 21 mentre a tre giornate dalla fine i gol presi sono già 22.

La partita con la Lazio serve per tornare alla vittoria e Juric non regalerà punti alle big come è successo con Atalanta e Inter, fermate entrambe sul pareggio. L’idea di gioco del tecnico del Verona è quella di pressare gli avversari e – nonostante la vittoria con il Cagliari – la Lazio come condizione non è al massimo, quindi i veneti potrebbero mettere in difficoltà gli avversari e portare a casa tre punti.

Come arriva la Lazio

Finalmente la vittoria: mancava da cinque giornate con quattro sconfitte e un pareggio, ma il successo raccolto contro il Cagliari ha portato matematicamente la Lazio nella prossima Champions League. Quelle davanti hanno rallentato e i biancocelesti hanno adesso l’opportunità di concludere al secondo posto in classifica che significa anche più soldi dai premi. La fase difensiva va migliorata perché ha subito dieci reti nelle ultime sei partite ma anche davanti qualcosa si è arrugginito con cinque gol nello stesso periodo.

Il Verona però è un avversario ostico che all’andata ha bloccato la Lazio sullo 0-0, per cui i biancocelesti devono stare molto attenti soprattutto a non lasciare molto spazio dietro le proprie spalle e tra le linee di difesa e centrocampo, dove i trequartisti veneti si inseriscono molto bene.

Verona-Lazio: orario e dove vederla in tv o streaming

La gara tra Verona e Lazio si disputerà allo stadio Bentegodi – chiuso ai tifosi a causa del coronavirus – domenica 26 luglio alle ore 19:30. La partita sarà trasmessa in diretta esclusiva su Sky sul canale Sky Sport (numero 253) e in streaming sulle piattaforme Sky Go e Now Tv per gli abbonati.

Calendario Serie A: date e dove vedere le partite della 36^ giornata

Probabili formazioni Verona-Lazio

Ancora ai box Kumbulla, per cui i centrali saranno Rrahmani, Gunter e Empereur. A centrocampo torna Amrabat dopo la squalifica e al suo fianco ci sarà Veloso mentre a sinistra ballottaggio Dimarco-Lazovic. Davanti toccherà a Salcedo con Zaccagni, Verre e Pessina che si giocheranno le due maglie disponibili da titolare. Ancora panchina per Di Carmine.

Si fermano Acerbi e Marusic ma partono uguale con la squadra con Bastose Felipe nei tre dietro, Patric prenderà il posto di Lazzari squalificato mentre Cataldi insidia Parolo nel ruolo di regista. In attacco Caicedo e Immobile dovrebbero essere confermati con Correa che avrà sicuramente spazio a partita in corso.

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Gunter, Empereur; Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic; Zaccagni, Pessina; Salcedo. All. Juric

Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos, Luiz Felipe, Acerbi; Patric, Milinkovic-Savic, Parolo, Luis Alberto, Jony; Caicedo, Immobile. All. Inzaghi

Consulta tutte le probabili formazioni della 36^ giornata di Serie A

Precedenti Verona-Lazio

Gli scontri tra le due società sono stati 62 – sei in Serie B e quattro in Coppa Italia – con i biancocelesti avanti 24 a 18. Il Verona non sconfigge la Lazio dal 2013 quando aveva vinto 4-1, da allora tre pareggi e cinque sconfitte. I veneti non segnano contro il club di Lotito da tre partite, gli ultimi sono stati Toni e Greco nel 5-2 per gli avversari.

Fabio Borini è stato un ex giocatore della Roma e nel 2012 ha segnato il momentaneo pareggio in un derby contro la Lazio, risolto poi da Mauri. Immobile invece ha segnato ai veneti tre gol quando era in Serie B a Pescara e due stagioni fa ha siglato contro due doppiette sia all’andata che al ritorno.

Verona-Lazio: i consigli per il fantacalcio

In attacco Juric cambia spesso i giocatori, per il fantacalcio si può dare una chance a quelli che giocano sempre: Lazovic e Faraoni. Giocatori molto importanti per il gioco proposto dall’allenatore del Verona perché spingono e aiutano nella fase offensiva ma anche nel rientrare in difesa sono molto utilissimi. Pessina invece è uno dei calciatori che Juric schiera sempre: la sua stagione è ottima con sette reti e il ruolo da trequartista è perfetto per lui. Sconsigliati invece Silvestri che ultimamente prende sempre gol e Empereur, non in un grande momento di forma.

Immobile e Luis Alberto sono i giocatori da schierare per la Lazio che, nella prima partita in cui sono tornati assieme hanno dimostrato che le loro combinazioni sono vincenti. L’attaccante è tornato al gol su azione mentre lo spagnolo è al quindicesimo assist in questa annata, per cui vanno sicuramente messi in campo. Milinkovic-Savic è l’uomo che non ha mai mollato nonostante tutti i problemi della Lazio dopo la ripresa del campionato. Ha segnato due reti – sei in stagione – e con il centrocampo che sta tornando quello titolare, può esaltarsi nuovamente. Da evitare Jony appena tornato dall’infortunio e poco utile al fantallenatore e Caicedo, che ha finito le energie e non riesce più a essere incisivo come prima.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
calciodangolo.com Collabora con noi
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Serie A