Seguici su

Fantaschede

Fiorentina, alla scoperta di Amrabat: statistiche e consigli per il fantacalcio

Sofyan Amrabat Verona
© imagephotoagency.it

La fantascheda di Sofyan Amrabat, nuovo acquisto della Fiorentina. Tutto per il fantacalcio: ruolo, caratteristiche e inclinazione a bonus, malus e infortuni

Nell’ultimo giorno della finestra invernale di calciomercato, la Fiorentina ha annunciato l’acquisto di Sofyan Amrabat dal Verona. Il centrocampista sarebbe però rimasto fino al termine della stagione in forza agli scaligeri, nelle cui casse è arrivata un’iniezione di 20 milioni di euro più 1,5 di bonus. La permanenza in Veneto del giocatore si è allungata poi di qualche mese per via dell’emergenza coronavirus, ma l’ora è scattata e la maglia viola è stata ormai indossata.

La redazione di Calcio d’Angolo ha analizzato il profilo del giocatore: caratteristiche, ruolo, inclinazione a bonus, malus, infortuni e consigli per il fantacalcio. Tutto quello che c’è da sapere prima di decidere se comprarlo o meno all’asta.

Chi è Sofyan Amrabat

Sofyan Amrabat nasce il 21 agosto 1996 a Huizen, cittadina nei sobborghi olandesi, da genitori immigrati dal Marocco. Il calcio non è arrivato per caso, basta considerare che anche suo fratello Nordin è divenuto professionista arrivando a disputare 21 partite di Champions League e ben 50 con la Nazionale marocchina. Sofyan parte dalla squadra vicino casa, la HSV De Zuidvogels, e a 11 anni passa già all’Utrecht, una delle più importanti società dei Paesi Bassi.

In quel periodo riceve la prima chiamata dalla Nazionale olandese U15, poi però decide di optare per il Marocco a partire dall’U17. Con la Primavera vince un campionato nel 2016, mentre l’esordio in Prima Squadra arriva a 18 anni appena compiuti. Le sue presenze in Eredivisie salgono dalle 4 del 2014/15 alle 7 del 2015/16, poi alla terza stagione si prende una maglia da titolare e riesce a incasellarne ben 31.

Arriva così anche il debutto con la Nazionale maggiore marocchina, nonché l’attenzione del Feyenoord, che nell’estate del 2017 lo paga circa 4 milioni di euro. A Rotterdam trascorre una sola stagione da 21 presenze in Eredivisie, gli esordi in Champions League (segnando anche una rete al Napoli), una Coppa e due Supercoppa olandese, ma svalutandosi leggermente rispetto all’anno precedente a livello personale. A campionato concluso, infatti, il Club Brugge lo acquista per 2,5 milioni e lo porta nella Jupiter League belga.

Nonostante firmi un quadriennale, ancora una volta il soggiorno di Amrabat si limita a una sola stagione. A quel punto arriva infatti l’intuizione del ds Tony D’Amico, che lo prende al Verona, in prestito con diritto di riscatto fissato a 3,5 milioni. Una cifra che gli scaligeri pagano già dopo la prima metà di campionato, perché nel frattempo è arrivata la Fiorentina con un gruzzolo decisamente superiore. Altro che svalutazioni.

Ruolo e caratteristiche di Sofyan Amrabat

Amrabat è un centrocampista centrale che nella sua ultima prodigiosa annata all’Hellas ha affiancato Miguel Veloso in una linea a quattro. In carriera, però, il classe ’96 ha giocato in tantissimi ruoli differenti: al Bruges ha fatto spesso il difensore centrale, in Olanda la mezzala oppure il mediano, persino il terzino alle volte.

Alto 185 centimetri, Amrabat è un centrocampista che fa del dinamismo e dell’abilità di recuperare palloni alcuni dei suoi principali punti di forza, ma che non si limita affatto al gioco “ruvido”. All’interdizione, il marocchino aggiunge infatti ottime qualità nella gestione della sfera (sia in quanto protezione individuale, sia in quanto dettatura dei tempi di gioco) e nella progressione palla al piede. Un mediano moderno: di tantissima quantità, ma anche di notevole qualità.

Indice titolarità di Sofyan Amrabat alla Fiorentina

Lo scorso anno, nel trio centrale del 4-3-3 viola c’erano due sicurezze più un jolly. Al fianco di Pulgar e Castrovilli si sono infatti alternati Benassi e Duncan, che non hanno convinto appieno. Ecco perché Amrabat arriva a colmare un vuoto perfetto per lui, che lo lancerà con tutta probabilità da subito tra gli undici titolari di Iachini.

Il 24enne, nonostante non si risparmi mai, è poi tra quei giocatori che non ne saltano una. “Amrabat gioca finché muore” diceva qualche mese fa il suo allenatore Juric a chi gli chiedeva se non fosse giunto il momento di fargli tirare il fiato.

L’unica incognita è il cambio di ruolo: da un centrocampo a due, Amrabat andrà a ricoprire le funzioni della mezzala in una linea a tre (più difficilmente sarà mediano, vista la presenza di Pulgar), dove non ha fatto altrettanto bene in passato. La maturazione della scorso anno, però, potrà sicuramente dare i suoi benefici e difficilmente uno spostamento minimo potrà inficiarne le prestazioni.

Inclinazione bonus di Sofyan Amrabat al fantacalcio

Tra le tante, il gol non è una delle principali qualità di Amrabat. In 34 partite con l’Hellas lo scorso anno ne è arrivato solo uno e, da quando gioca nei grandi, non è mai andato oltre in un singolo campionato. Di assist può invece sfornarne un paio come lo scorso anno, anche se per i fantallenatori c’è l’annata 2016/17 all’Utrecht a far sperare: quell’anno, i +1 furono ben 7.

In carriera ha poi tirato anche tre calci di rigore, realizzandoli tutti. Ma alla Fiorentina le gerarchie sono abbastanza consolidate e ci dovranno essere almeno un paio di assenze importanti per farne il tiratore designato.

Inclinazione malus di Sofyan Amrabat al fantacalcio

Facendo un grandissimo lavoro in fase difensiva e coprendo una zona di campo molto ampia, Amrabat si è trovato spesso lo scorso anno a finire nella lista dei cattivi, chiudendo l’annata con 10 ammonizioni e 2 espulsioni. Un dato davvero negativo per il fantacalcio, anche se si tratta di una prima volta: non era mai andato sopra ai 5 gialli, prima.

Frequenza infortuni

Un infortunio importante finora nella carriera di Amrabat, arrivato a cavallo tra Brugge e Hellas per dei problemi alla caviglia che comunque non gli hanno fatto saltare partite di Serie A. Per il resto solo piccoli stop, come quello più recente dovuto a un affaticamento lo scorso luglio. A meno di sorprese, che gli auguriamo di poter scampare, ci si può aspettare un campionato sufficientemente “sano”.

Prendere Sofyan Amrabat al fantacalcio?

Dipende dalle necessità. Amrabat non è un giocatore “fantacalcistico” ed è sconsigliato puntare su di lui per formare il pacchetto titolare del centrocampo. Può invece essere molto più utile come quinta-sesta scelta, per poterlo far sedere in panchina tutte le settimane e dormire sonni tranquilli nel caso in cui i titolari prendano sv: lui le gioca tutte. Proprio per questa sua funzione da riserva, però, non bisogna pagarlo tanto. Altrimenti conviene lasciarlo. Come giocatore vale tanto, quindi può salire, ma come fantagiocatore non ha lo stesso valore.

La fantascheda di Sofyan Amrabat per il fantacalcio

Caratteristiche: 6,5

Titolarità: 8,5

Bonus: 5

Malus: 5

Infortuni: 7

Fantavalore: 6,4

Il fantavalore è la media aritmetica delle valutazioni assegnate dalla redazione di Calcio d’Angolo alle caratteristiche del giocatore, alla titolarità, alla frequenza dei bonus, alla capacità di evitare malus e all’inclinazione agli infortuni.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Pubblicità Fantacalcio Fantardore 2020-21
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Fantaschede