Seguici su

Consigli Fantacalcio

Consigli fantacalcio, i giocatori su cui puntare nella stagione 2020/21

Palomino Gomez Zapata Atalanta
© imagephotoagency.it

Tempo di aste di fantacalcio. Tanti i dubbi su chi acquistare, squadra per squadra tre giocatori consigliati per la stagione 2020/21

Il momento dell’asta del fantacalcio è uno dei momenti fondamentali della stagione. È in quel momento che si sceglie con chi affrontare una battaglia lunga una stagione, a chi affidare la propria porta e a chi il compito di portare i bonus utili alla vittoria. Ecco perché è importante arrivare ben preparati. Avere ben chiara la strategia da adottare per un’asta perfetta, conoscere i giocatori, le squadre e i regolamenti, per poter capire cosa cercare nei vari giocatori per assemblare un team vincente.

sconto amazon

Oltre alla nostra guida all’asta del fantacalcio che è possibile consultare e scaricare in formato pdf, di seguito 3 giocatori su cui puntare squadra per squadra in vista della stagione 2020/21.

Atalanta

Alejandro Gomez Atalanta

© imagephotoagency.it

Gomez: se fosse un attaccante, qualche dubbio si potrebbe avere. Ma da centrocampista, il Papu è un vero e proprio lusso. Nel 2019/20 ha collezionato 7 reti e 13 assist per un bottino totale di bonus pari a +34. Quest’anno compirà 33 anni, quindi gli si potrebbe anche perdonare una lieve flessione.

Gosens: il tedesco gioca da esterno di centrocampo e lo scorso anno è arrivato così tanto in zona bonus da toccare quota 9 reti e 7 assist, eppure in lista è difensore. È un top di gamma, forse addirittura il vero e proprio top in difesa.

Malinovskyi: vista la tanta concorrenza nel reparto, arricchito questa estate anche dall’arrivo di Miranchuk, in alcune Leghe l’ucraino potrebbe esser considerato un rischio eccessivo e il suo prezzo potrebbe rimanere discretamente basso. Ma anche non partendo sempre da titolare, alla fine lo scorso anno è stato tra i più presenti della Dea ed è arrivato a segnare 8 gol. Insomma, è una scommessa che può pagare bene.

Benevento

Gianluca Lapadula Benevento

© imagephotoagency.it

Viola: giocando da trequartista è l’uomo che ha trascinato la squadra verso la promozione in Serie A. Nella scorsa stagione è stato autore di nove reti e cinque assist che se riuscisse a replicare in Serie A sarebbero oro colato per i fantallenatori che punteranno su di lui. Listato come centrocampista, è un altro punto a suo vantaggio.

Letizia: si è fatto conoscere nel 2016/17 grazie alla bella stagione disputata in Serie A col Carpi, poi retrocesso. In seguito c’è stato il passaggio al Benevento col quale ha disputato grandi campionati in Serie B. I cinque assist dell’ultima stagione potrebbero essere un bel biglietto da visita per chi cerca un titolare fisso a poco prezzo.

Lapadula: l’ex Milan si trova nella stessa situazione dell’anno scorso col Lecce, ovvero come riferimento in attacco di una neopromossa che dovrà guidare alla salvezza con i suoi gol. In Puglia non andò bene, ma a fine campionato lo score è stato di 11 gol – prima volta in doppia cifra in Serie A – in 25 presenze con una fanta media voto di 7,27. Da non sottovalutare l’aspetto di essere il rigorista della squadra.

Bologna

Roberto Soriano Bologna

© imagephotoagency.it

Barrow: il suo impatto con i rossoblu lo scorso anno è stato incredibile. L’ex atalantino ha segnato 9 reti in 18 presenze, prendendosi con carattere anche molte responsabilità su rigori e punizioni. Che giochi centravanti o esterno sinistro, cambia poco: a Bologna il gambiano è il più pericoloso in zona gol.

Soriano: giocando da trequartista, l’italo-tedesco si trova più spesso di altri centrocampisti in zona bonus. L’anno scorso ha trovato 5 gol e 4 assist, un bottino che supera le aspettative date da un costo all’asta che solitamente è inferiore a quello di colleghi più esosi.

Tomiyasu: alla fine della stagione, il giapponese è stato in realtà il terzo miglior difensore per media voto del Bologna dopo Danilo e Bani. Se quest’ultimo ha trovato però una stagione eccezionalmente prolifica (4 gol) e il brasiliano ormai ha 36 anni e potrebbe ragionevolmente calare un pochino, Tomiyasu sembra tra tutti quello più in grado di ripetersi o anche migliorarsi. Da terzino destro poi, ha dimostrato di saper pescare qualche +1.

Cagliari

Giovanni Simeone Cagliari

© imagephotoagency.it

Cragno: se lo si mette a paragone con i portieri d’alta classifica, ovviamente non c’è partita. Il Cagliari subisce molte più reti di Inter o Juventus, quindi sicuramente non va pagato quanto i loro estremi difensori. Ma tra quelli di fascia media, il rossoblu si distingue in modo particolare per una media voto altissima – 6,47, primo tra chi ha disputato più di 5 gare la passata stagione – che si può rivelare una manna soprattutto per chi utilizza il bonus difesa.

Nandez: Di Francesco punta molto sugli inserimenti delle mezzali e – sebbene anche Rog potrà far molto bene – l’uruguaiano è un giocatore più dinamico e potrà andare leggermente di più dell’altro a bonus. L’unico vero difetto sono le troppe ammonizioni, ma se arrivano con un 7 in pagella fanno soffrire meno.

Simeone: favorito per essere il centravanti titolare, l’argentino potrà avere una stagione anche più prolifica della scorsa (da 12 reti), anche perché Joao Pedro dovrebbe allargarsi e lasciargli il dominio dell’area di rigore avversaria. Prendendolo in coppia con Pavoletti, però, si può stare più al sicuro.

Crotone

Simy Crotone

© imagephotoagency.it

Simy: è stato il protagonista indiscusso della cavalcata che ha portato il Crotone al secondo posto nella passata Serie B. Nelle ultime due stagioni – entrambe in cadetteria – ha messo a segno 34 reti, di cui 20 nel 2019/20 gli hanno permesso di essere il primo calciatore africano a vincere il titolo di capocannoniere. Ha all’attivo anche dieci gol in Serie A, messi a segno nelle prime due stagioni passate in maglia rossoblu.

Benali: il centrocampista libico è il giocatore chiave del Crotone in mezzo al campo. Nel 3-5-2 di Stroppa ha un ruolo focale, giocando da play davanti alla difesa con compiti di impostazione e di finalizzazione. Nella passata stagione è stato autore di sette gol e un assist per i compagni. Altro punto a suo vantaggio è il fatto di essere uno specialista dei calci piazzati, situazione che può fruttare bonus.

Molina: un giocatore di categoria per la Serie B che avrà la possibilità di dimostrare il suo valore anche in A. Esterno sinistro instancabile, nella passata stagione è stato il migliore del Crotone come numero di assist (10). Arriva dall’Atalanta con la quale aveva esordito da giovanissimo in Serie A nel 2014, ma senza successive fortune.

Fiorentina

Milenkovic esultanza Fiorentina

© imagephotoagency.it

Castrovilli: dovrà ritornare sui livelli dell’inizio dello scorso campionato, altrimenti rischia anche il posto da titolare vista la tanta concorrenza a centrocampo. Nella passata stagione ha sofferto il cambio tattico con Iachini, ma si è ripreso col passaggio al centrocampo a cinque. La sua quotazione non è nemmeno tanto elevata e potrebbe non essere considerato da tanti visti i risultati deludenti nella seconda parte della Serie A 2019/20.

Milenkovic: 23 anni ancora da compiere per il centrale difensivo viola che è diventato dalla passata stagione un punto fermo della squadra. Doveva essere lanciato poco per volta accumulando esperienza dietro Astori e Pezzella, ma la tragedia che ha colpito il centrale azzurro l’ha catapultato improvvisamente in un’altra realtà. Prestazioni eccellenti accompagnate anche da alcuni gol – cinque nella passata stagione – che l’hanno fatto risaltare agli occhi di molti grandi club. Ormai è diventato un top player e la Fiorentina cercherà in tutti i modi di puntare su di lui anche per il futuro.

Ribery: i tifosi viola hanno sognato a lungo una prima punta nell’ultima finestra di mercato, alla fine non è arrivato nessuno in attacco e, anzi, hanno visto partire il beniamino Chiesa. L’impressione è che la maggior parte delle azioni offensive passeranno dai piedi dell’ex Bayern che nell’ultima stagione ha collezionato 3 gol e 3 assist e una fantamedia voto di 6,95 nonostante l’infortunio. L’unico difetto è il suo status di attaccante in lista.

Genoa

esultanza Goran Pandev Genoa

© imagephotoagency.it

Criscito: avere uno specialista su rigore in difesa è una rarità, e un vanto. E nonostante possa capitare un -3 di tanto in tanto, il gioco vale la candela. Basti ricordare che l’ultimo anno Criscito ha segnato 8 gol, quanti Insigne e Higuain.

Pandev: nonostante l’età che avanza, lo scorso anno il macedone è stato il più schierato dal Grifone e ha trovato 9 reti in campionato. Saprà trovarsi il suo spazio anche stavolta e come quinto o sesto slot ci può star bene.

Zappacosta: ha esordito con il botto e può continuare a esser pericoloso da quinto di centrocampo (ma listato difensore). Vista la recente cartella clinica, però, converrebbe prenderlo in coppia con Ghiglione. Gli assist arriveranno.

Inter

Achraf Hakimi Inter

© imagephotoagency.it

Lukaku: al primo anno con la maglia dell’Inter ha messo a segno 34 reti tra tutte le competizioni, eguagliando il precedente primato di Ronaldo. In Serie A i gol sono stati 23 in 36 partite giocate, con una fanta media voto di 8,33 la quinta tra gli attaccanti della stagione 2019/20. Inoltre, il gioco di Conte gli permette ancora di più di essere centrale e decisivo.

Handanovic: è stato il portiere della squadra che ha subito meno reti nella stagione scorsa, e con la terza fanta media voto migliore tra i portieri che hanno giocato almeno dieci partite (5,30). Col rigore parato a Muriel nel corso di Atalanta-Inter nell’ultimo campionato è salito a 30 calci dal dischetto neutralizzati, portandosi ad una sola lunghezza dal primato all-time di Pagliuca (31).

Hakimi: ha il compito di sostituire Candreva – autore di una stagione stupenda – ma i numeri sono dalla parte del marocchino che nelle due precedenti annate giocate in Bundesliga ha fornito 17 assist ai compagni, andando 12 volte in rete. Essendo listato difensore, rischia di diventare presto un top di ruolo. Sarà ulteriormente favorito dal modulo di Conte che permette agli esterni di centrocampo di andare spesso in bonus.

Juventus

Paulo Dybala Juventus

© imagephotoagency.it

Cuadrado: già lo scorso anno ha giocato quasi sempre da terzino trovando 2 gol e 3 assist. Stavolta, però, sarà addirittura listato difensore: un’occasione da non perdere, nonostante possa lasciare il posto di quando in quando a Danilo.

De Ligt: se al primo anno serviva qualche tempo per adattarsi, ora l’olandese è davvero pronto al 100%. La sua fantamedia dello scorso anno (6,38) è viziata da un inizio claudicante, ma era preventivabile visto che era alla sua prima esperienza lontano da casa. E comunque, ha confermato di essere un ariete avendo segnato 4 volte.

Dybala: consigliare Ronaldo sarebbe troppo scontato, ma forse con l’argentino non ci si va poi così lontano. Può essere il centravanti titolare dei campioni in carica e migliorare così il suo score di 11 reti della passata stagione. Senza dimenticare che sa anche regalare tanti assist (7).

Lazio

Ciro Immobile Lazio

© imagephotoagency.it

Immobile: ha riportato la Scarpa d’oro in Italia dopo un digiuno lungo 13 anni – Totti nel 2007 – ed è diventato il primo laziale a conquistare questo trofeo, battendo la concorrenza di Lewandowski e Cristiano Ronaldo. Con i 36 gol della scorsa stagione ha eguagliato il record di reti in una stagione in Serie A di Higuain, aggiudicandosi per la terza volta il titolo di capocannoniere. A completare il tutto la fantamedia voto più alta della stagione (9,49) e i sette assist serviti ai compagni di squadra.

Luis Alberto: nella passata stagione è stato il re degli assist con 15 passaggi vincenti, arricchendo lo score con sei gol e una fanta media voto di 7,31. È uno di quei centrocampisti sui quali basare l’intero reparto e su cui puntare per la buona riuscita dell’intero fantacalcio.

Acerbi: è il punto fermo della difesa laziale, Inzaghi fa a meno di lui solo se è squalificato o impossibilitato da un infortunio. Nella passata stagione nelle 36 partite giocate ha messo a segno due reti e due assist, dimostrandosi molto pericoloso nel gioco aereo. La media voto di 6,26 – con appena quattro partite nelle quali ha preso un voto inferiore al 6 – è molto utile nel modificatore difesa utilizzato in molte fanta leghe.

Consulta anche: Fantacalcio, come scegliere i giocatori da acquistare all’asta

Milan

Theo Hernandez Milan

© imagephotoagency.it

Calhanoglu: ci è voluto il girone di ritorno del suo terzo anno in rossonero a far vedere finalmente alla Serie A di che pasta sia fatto il turco. Con un totale di 9 reti e 8 assist realizzati, Calhanoglu è stato tra i migliori centrocampisti della passata stagione e, non essendo cambiata la guida tecnica, può riprendere proprio da dove ha lasciato.

G. Donnarumma: nonostante il Milan abbia avuto solo la quarta miglior difesa dello scorso anno, al fantacalcio Gigio è stato il miglior portiere per fantamedia (5,39) tra quelli con più di 10 presenze e dietro solo a Musso nella classifica dei clean sheet. E nonostante abbia solo 21 anni, del suo talento non serve più neanche parlare.

Hernandez: quarto miglior marcatore (6) tra i difensori, terzo con la miglior fantamedia (6,73) tra quelli con più di 10 gettoni. Theo garantisce spinta continua al Milan e per questo è pericolosissimo al fantacalcio. Se migliora coi -0,5 (10 lo scorso anno), bisognerà considerarlo alla stregua di un fuori ruolo.

Napoli

Napoli Victor Osimhen

© imagephotoagency.it

Osimhen: il suo biglietto da visita sono i 38 gol segnati nelle due stagioni precedenti con le maglie di Charleroi e Lille. I dieci assist sono un altro punto a suo vantaggio perchè significano che gioca anche per la squadra valorizzando gli inserimenti dei compagni. La velocità e la potenza fisica di cui dispone si adattano benissimo al calcio di Gattuso che punta tanto sul pressing e sulle ripartenze. Inoltre finalmente la squadra potrebbe avere un centravanti potente fisicamente e in grado di garantire una certa continuità.

Insigne: è il capitano dei partenopei e a 29 anni – dopo otto passati con la maglia azzurra – ha imparato a non dare ascolto alle critiche che spesso il suo pubblico gli riserva. Nella scorsa stagione è stato una pedina imprescindibile nello scacchiere tattico di Gattuso: 37 presenze con otto gol e quattro assist. Il bottino sale fino a 13 reti se si considerano anche le marcature in Coppa Italia (3) e in Champions League (2).

Ruiz: è il metronomo del centrocampo del Napoli e dà ritmo e velocità alla manovra partenopea. Nella passata stagione si è ripreso nella parte finale della stagione con due gol e quattro assist messi a segno nelle ultime 12 partite. Con la squadra non impegnata in Champions League, dovrebbe essere uno dei titolari inamovibili in campionato.

Parma

Juraj Kucka Parma

© imagephotoagency.it

Inglese: la scorsa stagione è stata segnata da molti problemi fisici che ne hanno limitato le prestazioni. A fine campionato sono state solo 17 le presenze e in appena otto occasioni dal primo minuto, con quattro gol messi a segno. Con Liverani in panchina e il suo gioco offensivo potrebbe essere davvero il suo anno migliore al Parma e potrebbe superare quota dieci gol stagionali.

Kucka: nel campionato appena concluso sono stati sei i gol segnati dallo slovacco con due assist serviti ai compagni in 26 presenze. È anche il rigorista della squadra, dopo l’uscita di Kulusevski e gli errori di Inglese e Gervinho della scorsa stagione. Ha avuto anche una fantamedia voto abbastanza alta: 6,67 è un buon risultato per un centrocampista di una squadra di metà classifica.

Gagliolo: partito dietro a Pezzella nelle gerarchie della difesa parmense nello scorso anno, ha concluso la stagione con tre gol e tre assist in 32 partite giocate, una media voto di 6 e una fanta media voto di 6,27. Potrebbe essere molto utile soprattutto per le sue qualità nell’inserimento che sono fondamentali per il nuovo tecnico Liverani.

Consulta le formazioni tipo delle 20 squadre di Serie A

Roma

Edin Dzeko Roma

© imagephotoagency.it

Dzeko: capitano, fulcro e terminale offensivo. Il bosniaco è centrale per il gioco dei giallorossi e le gioca praticamente tutte. In media non lotta per il primo posto in classifica marcatori, quindi preferirlo a Ronaldo o Immobile può essere un azzardo. Ma in pagella viene premiato per il suo lavoro (6,59 media voto, 8,01 fantamedia).

Veretout: l’anno scorso ha trovato 6 reti, tutte da rigore tranne una. Non è un centrocampista offensivo, quindi sicuramente c’è di meglio. Ma essendo un mediano può costare meno, e in quella fascia di prezzo è un buon affare.

Mkhitaryan: con 9 reti e 5 assist all’attivo, l’armeno è stato il secondo miglior centrocampista della passata stagione, dietro al solo Papu. Per quel ruolo è un lusso e, in virtù dello sfortunato ko di Zaniolo, per lui ci sarà ancora più spazio.

Sampdoria

Maya Yoshida Sampdoria

© imagephotoagency.it

Gabbiadini: con Quagliarella che inevitabilmente ha iniziato a calare dal punto di vista dei gol segnati, l’ex Southampton ha preso maggiori responsabilità andando per la prima volta in doppia cifra in campionato. Sarà ancora importante il suo apporto e in blucerchiato sembra essere a suo agio. Non una prima scelta, ma ottimo per chiudere il tridente.

Ramirez: con lui si segue la solita storia dei giocatori talentuosi che però sono discontinui. A volte sparisce dai radar dei suoi allenatori per un po’, poi torna fa doppietta. Bisogna star bravi a capire quando schierarlo, ma alla fine comunque riesce sempre a fare bene: 7 gol e 2 assist lo scorso anno.

Yoshida: non è una prima scelta in difesa, chiaramente. Ma Ranieri nel finale ha dimostrato di fidarsi del giapponese più di ogni altro compagno di ruolo e lui nelle ultime 13 giornate ha giocato sempre, stando appena sotto la sufficienza come fantamedia. Da valutare verso il quarto-quinto slot.

Sassuolo

esultanza gol Manuel Locatelli Sassuolo

© imagephotoagency.it

Caputo: con i 21 gol della scorsa stagione è riuscito a migliorare la già stupenda annata di Empoli (16 reti). Per lui ci sono stati anche sei assist e una fanta media voto di 8,31 che non lo fanno passare inosservato. È anche il rigorista del Sassuolo e in una squadra che ha un gioco offensivo superlativo può disputare un’altra stagione da record.

Berardi: da anni classificato come promessa del calcio italiano, forse ha subìto troppo la pressione non riuscendo ad esprimersi al meglio nelle precedenti quattro stagioni. Ma nell’ultima è ritornato finalmente in doppia cifra con i gol (14) ritornando ad essere decisivo per la sua squadra.

Locatelli: a 22 anni è stato una pedina imprescindibile per De Zerbi nello scorso campionato. Ottima la sua media voto di 6,24 e con i quattro assist ha fatto felice più di qualche fantallenatore. È pronto a fare il definitivo salto di qualità.

Spezia

Matteo Ricci Spezia

© imagephotoagency.it

Ricci: è alla terza stagione con la maglia dello Spezia e nelle due precedenti ha messo insieme 58 presenze con otto reti e sette assist, divenendo una pedina fondamentale nel centrocampo spezzino. È lo specialista dei calci piazzati della squadra – tira rigori e punizioni – e questo è un altro punto a suo favore.

Gyasi: lo Spezia l’ha acquistato dal Sudtirol nel 2018 e dopo una stagione di adattamento ha dato il suo meglio nel passato campionato con nove gol e cinque assist in 37 presenze (compresi i play-off). Con la sua velocità sulla fascia ha messo in difficoltà molte difese.

Bartolomei: il centrocampista centrale è stato il re degli assist nell’ultima stagione. Sono stati dieci i passaggi vincenti forniti ai suoi compagni – più uno nei play-off e uno in Coppa Italia – a cui si aggiungono anche le due reti segnate. Altro punto in suo favore sono le poche ammonizioni che subisce, appena quattro in 35 presenze.

Torino

Andrea Belotti Torino

© imagephotoagency.it

Ansaldi: da centrocampista poteva essere nella media, ma quest’anno l’argentino è difensore e al fantacalcio può essere un gran colpo. Viene da 4 gol, 4 assist e 6,52 di fantamedia, che in quel reparto sarebbero un lusso. E si dice che Giampaolo possa dargli spazio anche da mezzala, cosa che lo porterebbe ancor più vicino alla zona bonus. Unica nota negativa sono i frequenti infortuni, quindi occhio a non esagerare con il prezzo.

Belotti: è da anni il miglior marcatore granata e la cosa non cambierà. Se dovesse esser pagato quanto i centravanti delle prime tre-quattro della classifica, allora potrebbe non convenire. Ma se così non fosse, la garanzia di una quindicina di reti a stagione parlerebbe per lui.

Linetty: nomi come Verdi e Zaza sarebbero più altisonanti ed effettivamente potranno fare molto bene quest’anno anche dal punto di vista dei bonus. Il polacco invece ha dalla sua che le giocherà praticamente tutte, perché Giampaolo ci ha puntato forte sapendo cosa potesse avere da lui. Lo scorso anno ha trovato 4 gol e 3 assist e all’asta può essere un colpo low cost. Se invece il costo si alzasse, giusto mollare la presa per un centrocampista che non è comunque un top nel ruolo.

Udinese

De Paul Udinese

© imagephotoagency.it

De Paul: è l’uomo di maggiore qualità della squadra e nella passata stagione ha messo a segno sette gol e cinque assist in 34 presenze. È lo specialista dei calci piazzati dell’Udinese ed essendo un centrocampista ha statistiche di tutto rispetto.

Musso: sempre presente nella scorsa stagione, nonostante i 51 gol subiti è stato protagonista di un’annata strepitosa. Con 14 partite a reti inviolate è stato il migliore della Serie A 2019/20 per clean sheets. Ha avuto una buona media voto di 6,28 e un’altrettanto buona fantamedia voto 5,08.

Larsen: a listino è inserito come difensore ma nel 3-5-2 dell’Udinese gioca come esterno destro nel centrocampo a cinque. Tre assist e un gol nella passata stagione con una media voto superiore al sei (6,06), numeri ottimi per un difensore.

Verona

Davide Faraoni Verona

© imagephotoagency.it

Kalinic: prima di passare in top club come Milan, Atletico Madrid e Roma, l’attaccante croato ha dimostrato di saper trovare con facilità i gol. Lo provano i 27 in Serie A con la maglia della Fiorentina. Senza la pressione che mettono ambienti che puntano in alto, Kalinic potrebbe ritrovare felicità e bonus perduti.

Lazovic: lo scorso anno ne ha giocate 38 su 38, con 3 gol e 7 assist all’attivo che lo hanno portato ad avere una fantamedia del 6,57. La sua titolarità non è in discussione e ogni tanto viene schierato anche sulla trequarti. Colpo low cost molto interessante.

Faraoni: gioca come esterno di centrocampo pur essendo listato difensore, e già questo potrebbe valere il costo del biglietto. Ma c’è di più. I 5 gol, 3 assist e un 6,51 di fantamedia lo hanno portato a battere rivali come Acerbi o Bonucci da questo punto di vista. Se non sale quanto i top di ruolo, è un colpo importante.

Consigli fantacalcio, i giocatori da evitare nella stagione 2020/21


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Consigli Fantacalcio