Seguici su

Fantaschede

Juventus, alla scoperta di Chiesa: statistiche e consigli per il fantacalcio

Federico Chiesa Fiorentina
© imagephotoagency.it

La fantascheda di Federico Chiesa, nuovo acquisto della Juventus. Tutto per il fantacalcio: ruolo, caratteristiche e inclinazione a bonus, malus e infortuni

Quasi sulla sirena finale la Juventus piazza il colpo del calciomercato estivo con l’acquisto di Federico Chiesa dalla Fiorentina. Il giocatore arriva in prestito biennale oneroso a dieci milioni di euro – tre per la stagione 2020/21 e sette per quella successiva – con diritto di riscatto fissato a 40 milioni più altri dieci di bonus. Questo può trasformarsi in obbligo al verificarsi di determinati obiettivi – facilmente raggiungibili – nel corso della stagione 2021/22. Chiesa va a rinforzare qualitativamente il reparto offensivo dei bianconeri, e il tecnico Pirlo avrà a disposizione un giocatore in più sul quale fare affidamento per cercare di scardinare le difese avversarie.

La redazione di Calcio d’Angolo ha analizzato il profilo del giocatore: caratteristiche, ruolo, inclinazione a bonus, malus, infortuni e consigli per il fantacalcio. Tutto quello che c’è da sapere prima di decidere se comprarlo o meno all’asta.

Consulta tutte le fantaschede dei nuovi acquisti della Serie A

Chi è Federico Chiesa

Federico Chiesa è nato a Genova il 25 ottobre 1997, si può dire che il calcio fa parte della sua vita da sempre visto che il padre Enrico è stato un calciatore professionista con oltre 138 gol in Serie A. Federico cresce calcisticamente nella Settignanese – formazione di Coverciano, vicino Firenze – ma già all’età di 10 anni passa nel settore giovanile della Fiorentina.

Effettua tutta la trafila delle giovanili viola, fino a diventare uno dei punti fermi della formazione Primavera 2015/16 con sette gol segnati in 23 presenze. Dalla stagione dopo viene aggregato alla prima squadra dall’allenatore Paulo Sousa ed esordisce in Serie A il 20 agosto nella sconfitta 2-1 proprio contro la Juventus, subentrando a Tello nel finale di partita.

Segna il suo primo gol da professionista l’8 dicembre nell’ultima partita del girone di Europa League contro il Qarabag nella sfida vinta 5-1 dalla squadra viola. Conclude la prima stagione con quattro gol segnati – tre in campionato – e tre assist in 34 partite disputate. Dal campionato successivo – con l’arrivo di Pioli sulla panchina della Fiorentina – si prende anche la maglia da titolare imponendosi come attaccante esterno. E termina il campionato con sei reti e sette assist in 38 presenze.

Le due stagioni successive sono le migliori per lui ma non per la sua squadra che in entrambe le occasioni riesce ad acciuffare la salvezza nelle ultime giornate. Nel 2018/19 segna 12 gol totali con cinque assist in 41 partite disputate, raggiungendo la semifinale in Coppa Italia prima di venire eliminato dall’Atalanta. Nel 2019/20 raggiunge per la prima volta in carriera la doppia cifra in campionato con dieci reti e nove assist in 34 presenze. Nelle prime tre partite della stagione in corso mette a referto un assist e un gol con la maglia viola, prima di essere ceduto alla Juventus. 

Il 23 marzo 2018 il ct ad interim Di Biagio lo fa esordire con la maglia della Nazionale Italiana nell’amichevole contro l’Argentina persa 2-0. In totale sono 19 le presenze in azzurro, con un gol segnato il 18 novembre 2019 nella partita di qualificazione all’Europeo 2020 contro l’Armenia vinta 9-1. Ha anche disputato 13 match con la maglia dell’Under-21 segnando sei reti, e disputando i Campionati Europei di categoria nel 2017 e nel 2019.

Ruolo e caratteristiche di Federico Chiesa

Si tratta di un giocatore che può ricoprire tutti i ruoli nel reparto offensivo in appoggio ad un attaccante centrale, anche se predilige il ruolo di attaccante esterno destro in un tridente. Però nella sua breve carriera ha saputo adattarsi anche al ruolo di seconda punta e a quello di esterno destro in un centrocampo a cinque, oppure come trequartista. Ha un’ottima capacità nel dribbling ed è molto rapido, grazie a queste caratteristiche riesce sia ad andare sul fondo e crossare per i compagni sia accentrarsi per andare al tiro.

Indice titolarità di Federico Chiesa alla Juventus

Nella Juventus di Pirlo sicuramente saprà ritagliarsi il suo spazio. Ha dimostrato di sapersi sacrificare per la squadra come centrocampista di fascia nel 3-5-2 di Iachini alla Fiorentina e questo gli sarà molto utile per inserirsi al meglio nel modulo dei bianconeri. Ancora non è chiaro il modulo che il tecnico juventino adotterà, ma se fosse proprio il 3-5-2 potrebbe andare ad occupare la fascia destra del centrocampo, mentre con un 3-4-3 verrebbe schierato nella sua posizione ideale di esterno nel tridente offensivo. Si adatta molto bene ai ruoli offensivi ed incarna il prototipo di calciatore ideale per Pirlo: giovane, tecnico e intercambiabile. Dovrà vedersela con Kulusevski e Bernardeschi per una maglia da titolare, ma con i molti impegni dei bianconeri – e il grande esborso economico speso nei suoi confronti – potrebbero anche trovarsi a giocare insieme.

Inclinazione bonus di Federico Chiesa al fantacalcio

Chiesa è migliorato costantemente nelle ultime stagioni: dai tre gol segnati nel 2016/17, ai sei di 2017/18 e 2018/19, fino ai dieci nel passato campionato. È cresciuto anche in termini di assist fino ad arrivare a sfiorare la doppia cifra (9) nella scorsa Serie A. Il passaggio alla Juventus potrebbe far crescere queste statistiche per riuscire a stare stabilmente sopra quota dieci in entrambe le classifiche.

Inclinazione malus di Federico Chiesa al fantacalcio

Per un centrocampista offensivo come lui sono tante le sanzioni disciplinari che subisce nel corso dell’anno. Sono stati sette i gialli nel 2019/20, mentre otto nel 2017/18. È spesso troppo irruento nel cercare di recuperare immediatamente il pallone, e incappa in falli che sono dettati dalla troppa voglia.

Frequenza infortuni di Federico Chiesa

Finora la sua carriera non è stata bloccata da problemi fisici che l’hanno costretto a stare fermo per tante partite. Nella passata stagione sono state solo due le gare saltate per problemi fisici causati da affaticamenti muscolari, dunque non da veri e propri infortuni.

Prendere Federico Chiesa al fantacalcio?

Lo scorso anno è stato il settimo centrocampista per media voto e fantamedia, sarà uno dei top player del campionato e tra i più ricercati nelle aste di inizio anno. Il fatto di essere listato come centrocampista lo aiuta notevolmente, perchè i numeri della passata stagione sono assimilabili a quelli di un attaccante (dieci gol e nove assist). Già con la Fiorentina ha fatto vedere cose notevoli, il trasferimento alla Juventus non può che far accrescere il suo appeal.

Consulta e scarica la guida all’asta del fantacalcio 2020/21: il manuale per una rosa perfetta

La fantascheda di Federico Chiesa per il fantacalcio

Caratteristiche: 9

Titolarità: 7,5

Bonus: 8

Malus: 6

Infortuni: 7,5

Fantavalore: 7,6

Il fantavalore è la media aritmetica delle valutazioni assegnate dalla redazione di Calcio d’Angolo alle caratteristiche del giocatore, alla titolarità, alla frequenza dei bonus, alla capacità di evitare malus e all’inclinazione agli infortuni.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Fantaschede