Calciomercato

Chi è Viktor Kovalenko, trequartista dello Shakhtar Donetsk che piace all’Atalanta

Chi è Viktor Kovalenko, trequartista dello Shakhtar Donetsk che piace all’Atalanta

Alla scoperta di Kovalenko, bandiera dello Shakhtar Donetsk e capocannoniere del Mondiale U20 nel 2015. L'ucraino è vicino ad un accordo con l'Atalanta

L'Atalanta si conferma squadra sempre vigile ed attiva sul mercato. Dopo aver completato l'arrivo di Maehle dal Genk, la società bergamasca sta portando avanti altre trattative per rinfoltire la rosa a disposizione di mister Gasperini. Tra i reparti da rinforzare c'è il centrocampo e la prima scelta dei nerazzurri è rappresentata da Viktor Kovalenko, giocatore duttile ed in scadenza con lo Shakhtar Donetsk a giugno 2021.

La squadra di Percassi si sarebbe mossa per anticipare la concorrenza e garantirsi le prestazioni del giovane ucraino già da gennaio. L'Atalanta avrebbe fatto firmare un pre-accordo al giocatore che comunque potrebbe accasarsi a Bergamo in estate, arrivando a parametro zero. La sensazione è che un'eventuale partenza di Gomez – in rottura con il club – possa far anticipare i tempi d'arrivo di Kovalenko.

Chi è Viktor Kovalenko

Viktor Kovalenko è un centrocampista moderno capace di giocare in ogni ruolo della mediana. Nato a Cherson (Ucraina) il 14 febbraio 1996, il giocatore è già una bandiera dello Shakhtar Donetsk, unico club della sua ancora breve carriera. Cresciuto nelle giovanili del club arancionero, Kovalenko è stato aggregato in prima squadra nella stagione 2014/15, quando ha raggiunto la finale di UEFA Youth League poi persa per 3-2 contro il Chelsea. I numeri del campione li ha subìto palesati: appena 23 minuti d'impiego in due partite, ma due assist totalizzati.

Il suo minutaggio cresce una stagione dopo l'altra diventando presto titolare inamovibile dello Shakhtar Donetsk. Giunto alla settima annata con gli arancioneri, Kovalenko vanta ora 107 presenze in campionato condite da 20 gol e sette assist. In totale – tra coppe nazionali e competizioni europee – sono 215 gettoni, 38 reti e 16 assist. Un giocatore esperto – nonostante la giovane età – e che ha avuto modo di giocare anche in Champions League. Sono 24 le presenze nella massima competizione per club, l'ultima a San Siro contro l'Inter nella quale ha contribuito a raggiungere lo zero a zero finale che ha permesso agli ucraini di qualificarsi ai sedicesimi di Europa League.

Ruolo e caratteristiche di Viktor Kovalenko

Kovalenko nasce come trequartista, ma in carriera ha occupato quasi tutte le posizioni del centrocampo. I punti di forza del giocatore sono la capacità d'inserimento senza palla e la facilità nel trovare la porta. Caratteristiche venute fuori anche in Nazionale dove – nel 2015 – si è laureato capocannoniere del Mondiale U20 con l'Ucraina, segnando cinque reti. Attualmente nel giro della Nazionale maggiore, il ct Shevchenko lo utilizza come mezzala nel suo 4-3-3. Brevilineo (182 cm per 75 kg), il giocatore vede bene il gioco e ha ottime qualità in fase di impostazione, ma deve crescere in interdizione.

L'attuale allenatore della Roma, Paulo Fonseca – negli anni allo Shakhtar – lo ha spesso impiegato come mediano nel suo 4-2-3-1, ma i risultati migliori Kovalenko li ha fatti vedere nella posizione di trequartista. La stagione in corso lo ha visto protagonista di quattro gol in undici presenze. Il suo utilizzo è stato limitato da un problema muscolare che lo ha tenuto fuori un paio di settimane a fine ottobre. Poi, a novembre, il giocatore ha contratto il Coronavirus, ma ora è pienamente recuperato.

Come cambierebbe l'Atalanta con Kovalenko

Kovalenko sarebbe un innesto importante per Gasperini e darebbe un ricambio di qualità alle rotazioni del tecnico. L'ucraino troverebbe terreno fertile giocando dietro la prima punta, magari in coppia con Ilicic. La trequarti è il punto del campo nel quale risulta più letale. L'Atalanta – in quella posizione – ha già Malinovskyi e Pasalic, ma il giocatore dello Shakhtar Donetsk non faticherebbe a trovare spazio. Un giocatore duttile e di qualità che potrebbe anche essere spostato all'occorrenza più indietro per far rifiatare uno dei due mediani.

3-4-2-1: Gollini; Toloi, Romero, Djimsiti; Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens; Ilicic, Malinovskyi (KOVALENKO); Zapata

 

 


Marco Barbaliscia

Giornalista pubblicista, laureato in Scienze Politiche alla Luiss. Sono da sempre un grande appassionato di sport e ho il sogno di costruire intorno a questo mio hobby una vita professionale.

Commenta

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Serie A
# Squadra G V P S +/- Punti
1 Inter Milan

Inter Milan

38 29 7 2 67 94
2 AC Milan

AC Milan

38 22 9 7 27 75
3 Juventus

Juventus

38 19 14 5 23 71
4 Atalanta

Atalanta

38 21 6 11 30 69
5 Bologna

Bologna

38 18 14 6 22 68
6 Roma

Roma

38 18 9 11 19 63
7 Lazio

Lazio

38 18 7 13 10 61
8 Fiorentina

Fiorentina

38 17 9 12 15 60
9 Torino

Torino

38 13 14 11 0 53
10 Napoli

Napoli

38 13 14 11 7 53
11 Genoa

Genoa

38 12 13 13 0 49
12 Monza

Monza

38 11 12 15 -12 45
13 Verona

Verona

38 9 11 18 -13 38
14 Lecce

Lecce

38 8 14 16 -22 38
15 Udinese

Udinese

38 6 19 13 -16 37
16 Cagliari

Cagliari

38 8 12 18 -26 36
17 Empoli

Empoli

38 9 9 20 -25 36
18 Frosinone

Frosinone

38 8 11 19 -25 35
19 Sassuolo

Sassuolo

38 7 9 22 -32 30
20 Salernitana

Salernitana

38 2 11 25 -49 17

Rubriche

Di più in Calciomercato