Seguici su

Pagelle

Juventus-Atalanta 1-1, le pagelle: Ronaldo stecca, Gollini e Szczesny sono da urlo

Cristiano Ronaldo-Pierluigi Gollini Juventus-Atalanta
© imagephotoagency.it

Termina 1-1 il match tra Juventus e Atalanta: apre le danze Chiesa, ma uno strepitoso Gollini rovina la festa. Le pagelle per il fantacalcio

Si torna in campo per la 12^ giornata di Serie A con il turno infrasettimanale che vede di fronte Juventus e Atalanta. Il match termina in un combattuto 1-1. Dopo la convincente vittoria contro la Fiorentina, l’Atalanta arriva a Torino e sfida una Juventus in formissima tra Champions League e campionato. Il match parte subito carico di emozioni, con un’Atalanta frizzante, che prova subito ad impensierire i bianconeri con ripartenze e tiri dalla distanza. Poco dopo la Juventus approfitta di un’errore madornale di Romero, con Morata che scippa il pallone al centrale bergamasco e serve Ronaldo. Il portoghese spara alto davanti a Gollini.

Al 13′ un’occasione d’oro per la squadra di casa, con McKennie che ruba un pallone a metà campo e serve con un pallone delizioso Morata. Dopo una carambola in area, il pallone torna buono per Morata, che a porta sguarnita prova un colpo di tacco e manda clamorosamente fuori. Nei primi venti minuti di gioco entrambe le squadre provano a sfondare offensivamente, ma tutte e due le difese si comportano egregiamente. Juventus che va però in vantaggio con una perla rara di Chiesa, che si era fatto vedere nei momenti prima. Il numero 22 scarica una saetta a giro dal limite dell’area che trafigge Gollini. L’Atalanta fa quel che può per reagire, ma un ottimo Szczesny nega più volte la gioia del gol. Il primo tempo si conclude sull’1-0 ma con un infortunio per Arthur e tante emozioni.

La ripresa parte fortissimo, con un filtrante preciso di McKennie per Morata, che si ritrova uno contro uno con Gollini. Ma il portiere ferrarese compie un intervento miracoloso, parando con la faccia una botta da pochi metri. Il match si accende e iniziano a fioccare anche numerosi cartellini. Al 60′ succede di tutto, l’arbitro concede un rigore ai bianconeri. Ronaldo si presenta dagli undici metri e sbaglia incredibilmente il rigore, che Gollini blocca fermamente. Pochi minuti dopo un altro prodigio del portiere della dea, che da terra para un tiro difficilissimo da pochi metri su Morata. La Juventus si riversa nella metà campo dell’Atalanta in cerca di un disperato gol, che non arriverà mai, grazie soprattutto ad uno strepitoso Gollini che assieme ai mediani, recuperano palloni importanti e blindano la porta. Verso la fine tutte e due le squadre sembrano stanche, e nonostante la voglia di vincere dovranno accontentarsi di un pareggio. Finisce dunque 1-1 all’Allianz Stadium, con i portieri protagonisti del match. Di seguito le nostre pagelle per anticipare i voti del fantacalcio.

Juventus-Atalanta 1-1: le pagelle del match

Juventus

Szczesny 7,5: nel primo tempo effettua una parata decisiva uno contro uno su un tiro di Duvan Zapata, salva i bianconeri dal possibile pareggio. Il polacco nonostante il gol subito continua a stupire, con un colpo di reni favoloso su un’incornata di Romero da pochi passi. Conclude con un gol subito, ma sono tanti i meriti per gli interventi prodigiosi.

Cuadrado 6: il colombiano non si accende come suo solito, manca il suo apporto nella manovra offensiva, non crea occasioni pericolose. In fase difensiva fa il suo, senza infamia e senza lode.

de Ligt 6,5: una parola per descriverlo sarebbe “insormontabile”. Nel primo tempo sovrasta gli attaccanti della dea con interventi duri e corretti, le palle alte sono tutte sue. Anche nella seconda frazione nonostante le tante energie spese, ed un’Atalanta decisamente più spigliata, chiude spesso la porta agli avversari. Forse, se non fosse per lui, la Juventus avrebbe subito più di un gol.

Bonucci 6,5: il suo carisma ed i suoi lanci sono una boccata d’aria fresca nel primo tempo per la Juventus. Sbaglia poco ed i suoi piedi educati aiutano tanto la squadra nella prima frazione. Nonostante il gol subito ci mette del suo per evitare che la dea crei un vero e proprio assedio in area. Preciso e puntuale quando serve.

Danilo 6: nonostante il gol subito, Danilo come suo solito non fa mancare la sua gamba nella fase difensiva. Chiude spesso e volentieri su Malinovskyi e sbaglia pochi passaggi. Non è il miglior Danilo della stagione, ma ha offerto sicuramente una prestazione sufficiente.

McKennie 7: l’americano è una furia in mezzo al campo. Nei primi 45 minuti ringhia spesso sugli avversarsi, strappando palloni importantissimi. Nell’azione sprecata da Morata è suo il recupero palla ed il servizio. Non si smentisce nel secondo tempo, arriva su quasi ogni pallone e difficilmente sbaglia gli appoggi. Si fa ammonire poco dopo, colpa della stanchezza, ma è uno dei migliori giocatori di movimento della Juventus quest’oggi.

Arthur 6: si batte in mezzo al campo provando ad inventare per i suoi attaccanti ma con scarsirisultati. Al 22′ duro scontro di gioco con Romero, che calcia forte sulla gamba del brasiliano. Prova a rimanere in campo nonostante il dolore ma la sua gara finisce poco dopo, sostituito da Rabiot.

dal 27′ Rabiot 5: appena entra se la cava bene, facendo alcuni recuperi palla importanti. A pochi minuti dall’inizio della seconda frazione prende un giallo evitabile per un interventi irregolare. Praticamente inesistente anche il suo contributo in fase offensiva, sembra non essersi inserito bene nella gara.

Bentancur 6,5: parte un po’ indeciso all’inizio del primo tempo, ma appena entra nel match effettua recuperi palla importantissimi e fa girare il pallone bene per i suoi. L’assist per Chiesa è tutto suo. Anche nel secondo tempo la sua aggressività è oro per i bianconeri, decisivi i suoi interventi.

Chiesa 7: si fa notare poco, fino al 29′, in cui si accende improvvisamente e con un’azione personale si sposta la palla sul destro e calcia a giro, il gol è spettacolare. Va in calare il suo rendimento nei minuti successivi, forse dettato dalla stanchezza, e viene sostituito da Alex Sandro. Resta comunque una prova ottima.

dal 75′ Alex Sandro 6: non c’è troppo da dire sulla prestazione del brasiliano, entrato a gara in corso, quando la Juventus aveva appena subito il gol del pareggio. Prova a metterci del suo, ma i nerazzurri sono ben organizzati. Non sbaglia cose clamorose, ma non svolta neanche la partita. Sufficiente.

Morata 5: all’inizio del primo tempo spreca un gol praticamente già fatto, tentando un goffo colpo di tacco a porta sguarnita e mandando fuori. Nel secondo tempo tra sfortuna e nervosismo non si placa il suo momento no. Si fa ammonire per proteste e sbaglia davanti alla porta il gol del possibile vantaggio. Esce poi per dare qualche minuto a Dybala. Per lo spagnolo oggi, una prestazione da horror.

dall’84’ Dybala sv

Ronaldo 5: sfortunato e forse un po’ freddo nella prima frazione, spreca due occasioni davanti alla porta non da Ronaldo. Si pensava si trattasse solo di sfortuna e poche occasioni, ma anche nel secondo tempo sbaglia tanti appoggi facili e soprattutto si fa ipnotizzare da Gollini e sbaglia il rigore. Non cambia la partita come è suo solito fare e la Juventus gira poco offensivamente. Insufficiente a dir poco.

All. Pirlo 5,5: invece di cavalcar l’onda dell’ottimo periodo di forma bianconero, si fa fermare sull’1-1 dall’Atalanta. Bisogna riconoscere che non era un’avversaria semplice l’Atalanta, anzi. Ma forse qualche cambio anticipato e qualche modifica al sistema di gioco avrebbe fatto comodo ai bianconeri per svoltare il match. Dybala entra troppo tardi per offrire qualcosa. Morata forse doveva essere sostituito prima data la brutta prestazione. Per Pirlo c’è da lavorare, non completamente insufficiente quest’oggi, ma di sicuro non promosso.

Atalanta

Gollini 8: nel primo tempo, complice la tanta indecisione dei difensori davanti a lui si trova spesso in situazioni che fatica a gestire. Sul gol di Chiesa poco ci può fare, il tiro era davvero ben piazzato. Nella ripresa compie un intervento miracoloso da solo contro Morata. Nel secondo tempo il portiere ferrarese da il meglio di se, parando il rigore a Ronaldo. Poco dopo compie un altro miracolo da terra su un tiro da pochi metri di Morata. Se oggi l’Atalanta ha pareggiato è per merito suo, strepitoso a dir poco.

Palomino 5,5: perde il pallone sanguinoso che regala l’1-0 per la Juventus, un errore non da poco, nonostante i buoni interventi precedenti. Prova a rifarsi nei minuti dopo e ci riesce. Rialza la testa e gioca come sa fare, la Juventus non riesce più ad essere pericolosa e Palomino è un muro.

Romero 5,5: aggressivo e spesso fuori tempo, fa tanti falli ed è impreciso nei passaggi, spesso ciò favorisce la Juventus. Nel secondo tempo commette un fallo evitabilissimo su Morata e reagisce verbalmente, rischiando l’espulsione. Si rifà nel finale, dove tira fuori il suo agonismo e sbarra la strada a Ronaldo e compagni. Per poco non sorprende Szczesny con un colpo di testa da pochi passi.

Djimsiti 6: nella confusione più totale nella prima frazione, come tutto il reparto difensivo atalantino d’altronde. L’albanese rialza la testa come i suoi compagni di reparto nel secondo tempo, che si compattano e negano ai bianconeri la gioia del gol. Pareggio allo Stadium e sufficienza portata a casa.

Hateboer 5,5: commette il fallo che concede il rigore alla Juventus. Spesso è impreciso ed in ritardo negli interventi. Per sua fortuna Gollini intercetta il rigore, se no erano guai. Come Gosens non riesce a dare lo spunto offensivo adatto per mettere in difficoltà Danilo, che lo chiude quasi sempre.

de Roon 6: giocare contro i fenomeni della Juventus non è semplice, non per l’olandese. Se la cava bene nonostante qualche intervento sporco. Le sue giocate non hanno di certo cambiato la partita, ma è stato calibrato in quasi ogni sua giocata. Verso la fine della partita i suoi interventi sono decisivi per evitare le ripartenze bianconere.

Freuler 7: è suo il gol del pareggio, sradica un pallone sulla trequarti e scarica un tiro violentissimo che buca Szczesny con l’aiuto della traversa. Sempre preciso nei passaggi e mai scorretto, i suoi interventi decisi ed efficaci fanno spesso ripartire la manovra atalantina.

Gosens 5,5: McKennie gli fa vedere i sorci verdi, non riesce a contenerlo e viene pressato fortissimo dall’americano, che lo mette in condizione di sbagliare. Non riesce a bruciare la sua fascia come fa solitamente. Il tedesco, oggi, si è trovato notevolmente in difficoltà.

Malinovskyi 5,5: assieme a Zapata è l’unico che nel primo tempo riesce a mettere in difficoltà la Juventus. I suoi tiri da fuori sono un must, e più volte tenta la botta, quasi sempre centrando lo specchio, purtroppo più volte sbaglia appoggi facili. Nel secondo tempo si spegne pian piano, la stanchezza si fa sentire.

dal 71′ Miranchuk 5,5: sostituire il ruolo di Malinovskyi non è affatto semplice, ed oggi il Miranchuk non è riuscito nell’impresa. A differenza di Gomez, anche lui entrato al posto di un trequartista, non da quel guizzo in più ai suoi compagni.

Pessina 5,5: non sfrutta a pieno l’occasione concessa dal primo minuto, facendosi vedere poco e non creando mai pericoli alla Juventus. L’avversario era tosto, ma ci si aspettava qualche spunto offensivo in più dal talentino ex Verona.

dal 53′ Gomez 6: entra per dare nuova linfa alla sua squadra, ed il cambio di passo si sente. La qualità in campo non gli manca, ci mette grinta e tecnicamente sbaglia poco. Non è di certo un caso che appena sia entrato in partita l’Atalanta abbia segnato.

Zapata 5,5: nella prima frazione è l’unico riferimento offensivo dell’Atalanta. I bergamaschi si affidano a lui, e più volte impensierisce la retroguardia bianconera con il suo fisico e calciando in porta, ma trova contro uno Szczesny strepitoso. Viene sostituito a metà secondo tempo, non riuscendo a lasciare il segno nel match.

dal 71′ Muriel 5,5: si sa, giocare a Torino contro la Juventus non è facile. Il colombiano entra per provare un clamoroso ribaltone e agguantare la vittoria ma combina poco.

All. Gasperini 6,5: arrivare a Torino con una mentalità così decisa e tanta motivazione non è da tutti. Al di la di ogni risultato la prestazione dei suoi uomini è stata eccelsa, di grinta e passione. Ha messo inoltre da parte l’orgoglio ed ha fatto entrare il Papu Gomez, e questo cambio ha svoltato decisamente la partita. Pareggio d’oro per Gasperini ed i suoi uomini.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Probabili formazioni Serie A
Annuncio pubblicitario

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Pagelle

Calciodangolo.com fornisce pronostici sulle principali competizioni calcistiche, confronta quote e offerte dei Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità.   Loghi AAMS   © Calciodangolo.com - Testata reg. Trib. Locri (RC) n.1175/2016 del 18/07/2016 - P.IVA 03039540806 - Tutti i diritti riservati