Seguici su

Pagelle

Napoli-Atalanta 0-0, le pagelle: vincono le difese, Ospina ok

Kalidou-Koulibaly-Napoli
© imagephotoagency.it

Termina 0-0 Napoli-Atalanta, attacchi sterili e difese attente. Lozano e Politano non pervenuti, Muriel e Zapata un po’ meglio. Le pagelle della Coppa Italia

Game over al Maradona tra Napoli e Atalanta, gara finita 0-0. Dunque, il primo atto della semifinale di Coppa Italia si conclude senza reti e con le difese che dominano sugli attacchi . Il ritorno è atteso al Gewiss Stadium, mercoledì 10 febbraio.

La prestigiosa posta in palio si avverte tra le due squadre, le quali faticano durante la prima parte di gioco, a costruire importanti palle-gol. L’Atalanta tiene le redini del gioco, con i partenopei che provano a farsi vedere di ripartenza con le velocissime ali Insigne a sinistra e Politano a destra. Il primo tiro in porta arriva al settimo con il capitano del Napoli, che dalla distanza trova la buona respinta di Gollini. Dal 20 esimo in avanti, però, è monologo orobico: ci provano pericolosamente prima Pessina, che si fa neutralizzare il tap-in da Ospina e poi Toloi, che da pochi passi, spreca il possibile 1-0. A otto minuti dallo scadere del primo tempo, ci prova anche Muriel, che spara in curva a pochi metri dalla porta azzurra.

Ripresa che si apre con lo stesso canovaccio con cui si era chiuso il primo tempo, ovvero con un’Atalanta che fa la gara e un Napoli a giocare di rimessa. Pronti-via e al minuto 47, gli orobici si avvicinano al gol del vantaggio con Muriel, che suggerito in area trova ancora un attento Ospina. Il resto del secondo tempo appare abbastanza scialbo e giocato a dei ritmi addirittura più sostenuti rispetto a quelli della prima frazione di gioco. Praticamente, vincono le difese e tutto rinvato al Gewiss Stadium.

Napoli-Atalanta: le pagelle del match

Napoli

Ospina 7: sicuramente uno dei migliori della squadra di Gattuso, molto bravo a neutralizzare gli attacchi orobici, soprattutto quelli su Pessina e Muriel.

Maksimovic 6,5: viene collocato nella difesa a tre per coadiuvare con i due titolari del ruolo, non dispiacendo contro una coppia da urlo come quella formata da Zapata e Muriel.

Manolas 6,5: ingaggia per tutta la gara un bel duello contro il colosso Zapata, tutto forza e velocità. Vince sul secondo attributo, sul primo fa evidentemente più fatica, ma tiene botta.

Koulibaly 6,5: ha un avversario niente male davanti a se come Muriel, ma riesce ad arginarlo con la solita attenzione e presenza. Dei tre, è quello che da più sicurezza al reparto.

Di Lorenzo 6: in una posizione più avanzata rispetto a quella sua consueta, ingaggia un bel duello con il tedesco Gosens, facendo discretamente le due fasi.

Bakayoko 5,5: partita più di sacrificio del giocatore francese, costretto a tenere un baricentro basso per frenare le avanzate della banda di Gasperini. Manca, però, qualche attenta lettura sugli inserimenti pericolosi di Pessina.

Demme 6: solita gara di sostanza dell’italo-brasiliano, che fa da frangiflutti davanti la difesa, provando anche ad impostare qualche importante trama offensiva. Esce per un brutto colpo in testa.

dal 66′ Elmas 6: rispetto al gol meraviglia contro il Parma, stasera si trasforma in metronomo per sopperire all’uscita dello sfortunato Demme.

Hysaj 5,5: praticamente si annullano a vicenda con l’esterno orobico Maehle, non riuscendo quasi mai ad aiutare la squadra dal punto di vista offensivo.

Politano 5,5: più attivo nei primi minuti del primo tempo, dove prova a mettere in difficoltà Djmsiti, che appena gli prende le misure, non lo lascia più passare. L’ex Inter si conferma più un giocatore utile da subentrato che da titolare.

dal 66′ Petagna 6: prova a tenere qualche palla in avanti, facendosi fare fallo. Nel finale, condivide l’attacco con il nigeriano Osimhen, non riuscendo però a combinare nulla di rilevante.

Lozano 5,5: delude come quasi tutto l’attacco azzurro. Sia da falso nove che da esterno destro appare poco ispirato, non riuscendo mai a farsi pericoloso dalle parti di Gollini.

dall’82’ Osimhen sv

Insigne 6: è il più attivo del reparto offensivo azzurro, cercando il più delle volte il tiro da fuori per sorprendere Gollini. Per il 100 esimo gol in maglia napoletana c’è ancora da aspettare un po’.

dal 68′ Zielinski 6: si fa vedere poco in fase offensiva, nonostante la sua grande qualità nei piedi. Pensa nel finale più a difendere lo 0-0 che ad aiutare a fare gol.

All. Gattuso 6: si mette a specchio contro il re della difesa a tre come Gasperini, ma non riesce a trovare il coniglio dal cilindro. Anzi, subisce la pressione avversaria, ma alla fine riesce a portare a casa un buon pareggio.

Atalanta

Gollini 6: quasi mai impegnato per tutta la gara, eccetto per un tiro di Insigne nel primo tempo. Sicuramente, il suo collega del Napoli ha avuto maggior da fare.

Toloi 6,5: attent0o in fase difensiva, propositivo in quella offensiva, come quando nel primo tempo sfiora la rete con una bella incursione dentro l’area di rigore partenopea.

Romero 6,5: tiene bene sia Lozano come falso nove che il boa Petagna quando entra in campo. Unica pecca del match, il giallo per fallo ai danni di Insigne.

Djmsiti 6,5: prende le misure a Politano nel giro di qualche minuto e da lì in poi e praticamente insuperabile. Prestazione molto buona di un giocatore cresciuto senza le solite prime pagine.

Maehle 6: terza gara consecutiva per l’esterno belga, poteva fare qualcosa in più contro un Hysaj che non spinge quasi mai e relativamente adattato. Meglio nella ripresa, dove sembra scrollarsi di dosso un po’ di timidezza.

de Roon 6: è colui che il compito di arginare gli attacchi avversari e lo fa come sempre abbastanza bene, pecca un po’ in fase di impostazione.

Freuler 6: rispetto al partner olandese, lavora in una zona di campo leggermente più avanzata, che gli facilità qualche incursione all’interno dell’area azzurra. Pericoloso nel primo tempo, quando raccoglie la respinta di Ospina sul tap-in di Pessina.

Gosens 6: spinge come suo solito, pensando più alla fase offensiva che a quella difensiva. Ma contro una difesa napoletana attenta, c’è poco da fare.

Pessina 6,5: uno dei più pericolosi della squadra di Gasperini, con un paio di inserimenti di difficile lettura per la formazione partenopea. Nel primo tempo, va vicino alla rete con una conclusione respinta prontamente da Ospina.

dal 73′ Pasalic 6: rispetto al compagno uscito, ha meno doti offensive, non riuscendo a farsi pericoloso dalle parti di Ospina. Deve, comunque, ritrovare la miglior condizione.

Muriel 6: ha davanti a se un cliente veramente difficile da passare come Koulibaly. Fa fatica a superarlo nell’ 1vs1, ma si rende pericoloso nella ripresa con un tap-in neutralizzato da Ospina.

dal 73′ Ilicic 6: non gioca dal primo minuto, ma entra nella seconda parte di gara per riuscire a trovare il guizzo vincente. Ma al Maradona, non è serata da reti.

Zapata 6: il colombiano ingaggia un duello molto bello con Manolas, lottando a dividendosi l’attacco con l’altro cafeteros Muriel. Meglio nel creare palle-gol per i propri compagni, che nel finalizzare in piena autonomia.

dall’80’ Lammers sv

All. Gasperini 6: la squadra mantiene il pallino del gioco per tutto il tempo, dominando a tratti il Napoli gattusiano, ma alla fine non riesce a segnare. E se non si segna, non si vince. Tutto rinviato a Bergamo.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Probabili formazioni Serie A
Annuncio pubblicitario

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Pagelle

Calciodangolo.com fornisce pronostici sulle principali competizioni calcistiche, confronta quote e offerte dei Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità.   Loghi AAMS   © Calciodangolo.com - Testata reg. Trib. Locri (RC) n.1175/2016 del 18/07/2016 - P.IVA 03039540806 - Tutti i diritti riservati