Seguici su

Serie A

Verona-Milan: orario, probabili formazioni e dove vederla in tv

Esultanza giocatori Milan
© imagephotoagency.it

Tutto quello che c’è da sapere su Verona-Milan, partita della 26^ giornata di Serie A: come arrivano le squadre, precedenti e statistiche

La Serie A torna in campo nel weekend per onorare la 26^ giornata di campionato. Il treno viaggia spedito, non c’è un attimo di sosta, e nel lungo e gustoso “spezzatino” del fine settimana è in programma anche la sfida tra Verona Milan, con fischio d’inizio previsto per domenica 7 marzo alle ore 15:00. La partita del ‘Bentegodi’ rievoca sempre brutti fantasmi ai rossoneri, ma la storia di questo campionato è ancora da scrivere. C’è però da sottolineare il trend sbalorditivo dell’undici di Juric, in serie positiva da quattro giornate consecutive.

Dall’altra parte il Milan in crisi di continuità dopo un 2020 vissuto a livelli supersonici: una sola vittoria nelle ultime quattro giornate di campionato e tre sconfitte – su quattro totali – arrivate in questi primi mesi nel nuovo anno. La squadra di Pioli è ancora aggrappata al sogno scudetto ed in corsa in Europa League, dove affronterà il Manchester United agli ottavi nella settimana a venire. All’andata finì 2-2 con i rossoneri che ripresero il match al 93′ grazie ad un gol di Ibrahimovic: la partita vanta la curiosità di due autogol – Calabria e Magnani – mentre Barak aveva aperto le marcature. Tutto quello che c’è da sapere sul match tra Verona e Milan.

Come arriva il Verona

Il Verona è tra le squadre più in forma del campionato. Gli scaligeri si possono considerare ormai la vera sorpresa stagionale visto che i gialloblù non hanno peggiorato il loro trend dopo un girone d’andata ad alti livelli. La classifica dice ottavo posto solitario con 38 punti, frutto di 10 vittorie, 8 pareggi, 7 sconfitte. Gran parte dei buoni risultati sono stati costruiti in casa, dove sono arrivati 21 punti. Il Verona è ancora imbattuto al ‘Bentegodi’ nel 2021: tre vittorie ed un pareggio (vs la Juventus per 1-1) ed ultima sconfitta che risale al 23 dicembre (Verona-Inter 1-2).

La squadra di Juric ha il suo punto di forza nella difesa: sono 27 i gol subiti, terzo miglior dato in Serie A dopo Juventus (20) ed Inter (24). Qualche difficoltà in più si registra in attacco, dove ha segnato appena 34 gol, peggior dato – insieme alla Sampdoria – tra le prime dieci in classifica. Il miglior marcatore stagionale è Barak (6), mentre Zaccagni è il giocatore con più assist (7). Curiosità. Verona-Milan è la sfida tra le squadre che hanno colpito più pali in Serie A, ben 16, nonché il confronto tra due formazioni che – dopo la Juventus (74) – vanno più in fuorigioco: il Milan è a 72, il Verona terzo a 67.

Come arriva il Milan

Il mese di marzo sarà decisivo per capire i veri obiettivi stagionali del Milan. Il primo scopo dei rossoneri è tornare a vincere da subito dopo lo stop inaspettato contro l’Udinese (1-1). La squadra di Pioli è seconda in campionato a quota 53 punti e a confortare l’allenatore in vista dell’insidiosa trasferta di Verona sono proprio i numeri esterni del ‘Diavolo’: 31 punti conquistati (record in Serie A) e una sola sconfitta (vs lo Spezia) in 12 gare a fronte di 10 vittorie. Punto di forza del Milan è l’attacco, capace di segnare 48 gol in campionato: solo in tre occasioni la squadra è rimasta a secco su 25 gare giocate.

Le reti subite sono invece 30, ma Donnarumma ha tenuto inviolata la sua porta già in otto occasioni in campionato, tre delle quali in trasferta: meglio solo Handanovic (9). Il miglior marcatore in campionato del Milan è Ibrahimovic (14), mentre Calhanoglu il giocatore con più assist a referto (9). Curiosità: il Milan non fa del possesso palla una delle sue armi vincenti, ed è appena nono in Serie A con una media a partita di 26’14”. Il Verona è addirittura penultimo a quota 22’51”, peggio solo il Benevento (20’34”).

Orario di Verona-Milan e dove vederla in tv o in streaming

Verona-Milan si gioca domenica 7 marzo alle 15:00 allo stadio ‘Bentegodi’. La gara si disputa a porte chiuse per il Dpcm del governo in seguito all’aumento dei casi di Coronavirus in Italia. Il match è trasmesso in diretta e in esclusiva su Sky Sport (canale 252 del satellite)Sky Sport Serie A (canale 202 del satellite, 473 del digitale terrestre). La partita è visibile anche in streaming per gli abbonati sulle piattaforme Sky Go e Now Tv.

Probabili formazioni di Verona-Milan

Il Verona si avvicina al match contro il Milan con la rosa quasi al completo. Mister Juric ha fuori Colley (trauma al ginocchio), Kalinic (lesione al bicipite femorale) e Ruegg (problema alla caviglia). Ampie scelte di formazione, con gli scaligeri che opteranno per le soluzioni migliori, a partire dal modulo che sarà un 3-4-2-1 con Silvestri in porta. Il terzetto difensivo è guidato da Gunter, con Magnani e Ceccherini – in vantaggio su Dimarco – ai suoi lati. Dawidowicz, diffidato, dovrebbe partire dalla panchina, così come Lovato.

A centrocampo sicuro di un posto Tameze, mentre resta vivo il ballottaggio tra Veloso e Ilic, ma il primo dovrebbe spuntarla. A destra confermato Faraoni, a sinistra c’è Lazovic. In attacco la punta di riferimento è Lasagna, a caccia ancora del suo primo gol in casa con la nuova maglia: alle sue spalle la qualità e l’imprevedibilità di Barak e Zaccagni. Dovrebbe partire dalla panchina Favilli, così come Bessa e Sturaro.

Tanti problemi, invece, in casa Milan, soprattutto in attacco. Mister Pioli ha fuori sia Ibrahimovic (lesione all’adduttore) che Mandzukic (problema muscolare), i quali si aggiungono a Calhanoglu (edema muscolare) e Bennacer (infortunio al flessore). Uscito malconcio dall’Udinese – e da valutare – Kalulu. Tante difficoltà, ma modulo confermato: avanti con il 4-2-3-1 con Donnarumma tra i pali. In difesa sicuro di un posto Romagnoli, mentre resta vivo il ballottaggio tra Kjaer e Tomori, con il secondo in vantaggio.

Il momento no non finisce qui e mister Pioli deve rinunciare all’ultimo anche ad Hernandez: il brasiliano – non al meglio – parte dalla panchina: sulle fasce i terzini sono Calabria a destra e Dalot a sinistra. A centrocampo la diga è formata da Kessié e Tonali, ma Meitè potrebbe avere la meglio sull’azzurro. In attacco la punta di riferimento è Leao, mentre la batteria di trequartisti dovrebbe essere formata da Saelemaekers, Krunic e Castillejo: Diaz in panchina, non convocato invece Rebic per infortunio.

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Magnani, Gunter, Ceccherini; Faraoni, Veloso, Tameze, Lazovic; Barak, Zaccagni; Lasagna. All. Juric

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Calabria, Tomori, Romagnoli, Dalot; Kessié, Meité; Saelemaekers, Krunic, Castillejo; Leao. All. Pioli

Consulta tutte le probabili formazioni della prossima giornata di Serie A

Precedenti Verona-Milan

Sono 57 i precedenti tra Verona e Milan in Serie A con un bilancio pende nettamente a favore dei rossoneri: 26 vittorie, 21 pareggi ed appena 10 successi Verona. Prendendo in esame solo le partite giocate al ‘Bentegodi’ però, l’equilibrio regna sovrano: su 28 incontri risultano infatti dieci vittorie a testa a fronte di 18 pareggi. La trasferta in terra veneta è storicamente difficile per il Milan, a partire dal 1973 quando la sconfitta costò uno scudetto. L’ultimo pareggio risale alla stagione 2000/01 (1-1, gol di Bonazzoli ed Ambrosini), poi tre vittorie per parte. Lo scorso anno vinse il Milan 1-0 con la rete di Piatek, ma la stagione precedente fu tripudio Verona: 3-0 con i gol di Bessa, Kean e Caracciolo.

Verona-Milan: i consigli per il fantacalcio

Passando ai consigli per il fantacalcio, nel Verona la coppia dei trequartisti Barak-Zaccagni è sempre da tenere in considerazione visto che dai loro piedi sono arrivate 11 reti sulle 34 totali e viaggiano rispettivamente con 7,14 e 7,15 di fantamedia. Faraoni sulla fascia è ritornato a macinare chilometri e bonus utilissimi contro un Milan in completa emergenza. Sconsigliato, invece, Lazovic che dalla parte opposta dovrà vedersela contro Hernandez. Possibile sorpresa del match Lasagna, reduce dal gol contro il Benevento e con una buona tradizione contro i rossoneri: tre reti, solo ai campani (4) ne ha fatte di più. Da evitare Lovato e Gunter che sono spesso insufficienti nonostante i pochi gol incassati da Silvestri che costituisce un’ottima scelta anche contro il Milan che potrebbe essere orfano di tanti calciatori offensivi.

Nel Milan è consigliato l’impiego di Leao, sempre decisivo quando è stato schierato nel ruolo di prima punta in assenza di Ibrahimovic: cinque gol e cinque assist per lui in campionato, ma non segna da otto partite. Buona tradizione, invece, per Rebic, reduce dalla rete decisiva nell’ultima trasferta di Roma. Come sempre Kessie in mezzo è una garanzia e punta dritto verso la doppia cifra in termini di realizzazioni. Difficile invece puntare su Meite che sembra ancora un corpo estraneo alla squadra. Hernandez e Calabria con la loro spinta sulla fascia devono però stare attenti alle micidiali ripartenze del Verona che potrebbero prenderli alle spalle, meglio puntare su Romagnoli che contro Lasagna ha un avversario sicuramente abbordabile per le sue caratteristiche di gioco.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Probabili formazioni Serie A
Annuncio pubblicitario

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Serie A

Calciodangolo.com fornisce pronostici sulle principali competizioni calcistiche, confronta quote e offerte dei Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità.   Loghi AAMS   © Calciodangolo.com - Testata reg. Trib. Locri (RC) n.1175/2016 del 18/07/2016 - P.IVA 03039540806 - Tutti i diritti riservati