Seguici su

Rubriche

Calcio e marketing: le magliette più vendute in Serie A e nel mondo

Esultanza gol giocatori Juventus maglia nera

Juventus la prima italiana, poi Milan ed Inter: nel mondo domina il Manchester United, seguito da Real Madrid e Barcellona

Come tutti gli inizi di stagione, la presentazione delle nuove divise da gioco è sempre un momento emozionante. Nonostante ciò, le cose sono un po’ cambiate rispetto a qualche anno fa.

Adesso le squadre non aspettano più la nuova stagione per mostrare al pubblico le nuove magliette, ma spesso si serve già delle ultime gare della stagione precedente: questo dimezza la suspense e toglie quel pizzico di magia. Il resto lo fanno i social, che cercano di anticipare le scelte delle società tentando di indovinare la composizione e i colori dei nuovi kit da gioco.

Poco importa ai tifosi in realtà, che non aspettano altro che la nuova maglia della propria squadra del cuore. Che arrivi prima o alla fine dell’estate poco cambia: l’importante è acquistare la maglia del proprio beniamino prima che questa vada a ruba.

La creazione di nuove casacche però è tutt'altro che semplice da parte degli sponsor tecnici. L’obiettivo è quello di essere ogni anno sempre un po’ più creativi, ma non troppo: i colori e le grafiche delle formazioni di Serie A sono profondamente legati al passato, e distaccarsi troppo dalle tradizioni sarebbe un grave errore.

Azzeccare la novità giusta e fare breccia nel cuore dei tifosi ma, allo stesso tempo, non distaccarsi troppo dallo stile classico è tutt'altro che semplice. Quello però è l’obiettivo, perché quello è ciò che vuole il tifoso.

Magliette Serie A: Juventus sempre in cima

Da anni e anni, la Juventus è la prima squadra italiana (9^ in Europa) per magliette vendute nell'arco di una singola stagione. Il motivo è ovviamente da ricondursi alla potenza – nazionale e internazionale – del suo brand, riconosciuto in tutto il globo. Il marchio “Juventus” è sinonimo di tradizione, professionalità e vittoria: tantissimi bambini italiani sognano di indossare la casacca bianconera.

La differenza, però, oltre al prestigio dato dallo sponsor tecnico Adidas, la fanno ovviamente i giocatori in rosa. I numerosi campioni di proprietà della Vecchia Signora permettono alla società di vendere un numero maggiore di magliette (e di alzare anche i prezzi).

Fino a quest’estate, manco a dirlo, la maglietta bianconera più venduta era quella di Cristiano Ronaldo. Il marchio CR7 è uno dei più riconosciuti e amati al mondo, anche più di Leo Messi: è lui il calciatore con più magliette vendute di sempre (anche se nel caso di singoli giocatori si contano pure i numeri con le casacche nazionali). Il fenomeno portoghese è infatti una vera e propria azienda: il suo nome con il famigerato numero 7 formano una combinazione senza precedenti.

Non a caso, ovunque giochi Ronaldo, il trend di vendita delle magliette sale. È successo a Madrid per 9 anni, fino all'estate del 2018. Da qui in poi il club spagnolo ha avuto un piccolo calo, da cui appunto ne ha giovato la Juventus. Nonostante il boom a livello di marketing del primo anno (si stimano addirittura 1,6 milioni di magliette vendute nella stagione 2018/19), col passare dei mesi i numeri si sono decisamente livellati a quelli degli altri club italiani.

Al termine della scorsa stagione, la Juventus era nettamente in vetta per magliette vendute in Serie A: ben 452mila casacche vendute in un solo anno. Inutile dire che, oltre a Ronaldo, il forte contributo sia stato dato anche dai vari Dybala, Buffon, Bonucci, Chiellini e chi più ne ha più ne metta.

Tuttavia, è lecito aspettarsi un drastico calo al termine della nuova stagione. Nell'estate del 2022, quando verranno rifatti i conteggi, molto probabilmente la Juventus riporterà un ulteriore calo, dato ovviamente dalla partenza di Ronaldo – il quale ha alimentato lo strapotere mediatico del Manchester United, se mai ce ne fosse ancora bisogno.

Magliette Serie A: seguono Milan ed Inter

Come prevedibile, la Juventus è seguita a ruota da Milan e Inter nella classifica di vendita delle magliette in Serie A.

Sono anni che il podio italiano è composto da queste tre formazioni. Al di là della sana rivalità sportiva, il loro appeal è riconosciuto in tutta la penisola. Insieme alla Juve, Milan ed Inter sono colonne portanti del nostro calcio, e quindi non c’è da stupirsi nel vederle nelle primissime posizioni.

L’anno scorso, il Milan – che ha chiuso il campionato al 2^ posto – ha potuto godere delle magliette targate “Zlatan Ibrahimovic 11”. Il ritorno al Diavolo dell’attaccante svedese ha esaltato i tifosi, in campo e fuori. La corsa agli shop rossoneri c’è stata eccome: nella stagione 2020/21, infatti, il Milan ha contato circa 200mila magliette vendute.

Discorso molto simile per i cugini nerazzurri, che l’anno scorso sono tornati in vetta sul campo: l’Inter ha infatti vinto lo scudetto dopo l’egemonia juventina che durava da 9 stagioni consecutive. Nomi come Lukaku, Lautaro Martinez e Barella hanno fatto estremamente comodo alle casse del Biscione. In attesa quindi delle nuove statistiche, l’Inter si è collocata subito dopo i rivali con 199mila magliette vendute ai propri tifosi.

Diversamente dalla Vecchia Signora, le due squadre milanese sono fuori dalla top 10 europea: al termine della stagione 2020/21, infatti, il Milan era 16^ e l’Inter 17^.

A seguire, Lazio, Roma e Napoli, ma anche piazze meno importanti calcisticamente come Verona e Sassuolo.

Campionati europei: domina il Manchester United, poi Real Madrid e Barcellona

Da tanti anni, il mondo del merchandising è letteralmente dominato dal Manchester United.

La generazione di fenomeni che ha vinto tutto a livello internazionale sotto la guida di Sir Alex Ferguson ha creato un vero e proprio vuoto tra i Red Devils e le altre formazioni d’Europa. I “rossi” di Manchester sono una delle squadre più titolate al mondo, ed il totale dei suoi tifosi ammonta a circa 650 milioni (soprattutto negli Stati Uniti e in Asia).

È quindi logico che sia il Manchester United la squadra che vende il maggior numero di magliette (e ancora non ha beneficiato appieno del clamoroso ritorno di Cristiano Ronaldo!). Al termine della stagione 2020/21, i Red Devils hanno venduto addirittura 1 milione e 750mila magliette. Anche per questo motivo, la casacca più venduta al mondo (dopo quella del campione portoghese) è quella del centrocampista francese Paul Pogba. E pensare che adesso giocheranno insieme.

Dopo gli inglesi, ci sono i due principali club spagnoli: Real Madrid e Barcellona. Le due formazioni sono da anni sul podio, ma la sensazione è che presto qualcosa cambierà. I Blancos stanno perdendo nomi importanti – su tutti quello del capitano e bandiera Sergio Ramos – mentre i blaugrana hanno dovuto dire addio alla leggenda Lionel Messi. In attesa del ricalcolo, però, le due società occupano rispettivamente il 2^ e 3^ posto del podio: 1 milione e 650mila per il Real Madrid, 1 milione e 278mila per il Barcellona.

Subito sotto, il Bayern Monaco con 1 milione e 200mila magliette vendute nella stagione 2020/21. Poi Chelsea, Liverpool, Arsenal e Psg. Anche qui, qualcosa si muoverà nei prossimi mesi: i Blues devono ancora beneficiare della vendita di casacche in seguito alla vittoria della Champions League, mentre i francesi in estate hanno acquistato un certo Leo Messi (che ha scelto di portare lo storico numero 30).


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Rubriche