Seguici su

Serie A

Serie A, Inter campione d’inverno: come cambia la classifica del girone d’andata rispetto al 2020/2021

Inter Milan Dzeko

Ecco la classifica del girone d’andata rispetto a quella della passata stagione: l’Inter supera il Milan, delude la Juventus e rinasce la Fiorentina

Il turno infrasettimanale ha finalmente sancito la fine del girone d’andata del campionato di Serie A 2021/22. Tra mille emozioni e gol, come al solito, le sorprese non sono mancate. Ma nemmeno le conferme, sia in positivo che in negativo.

Alcune squadre hanno ribadito la loro forza sul campo, mentre altre hanno continuato a faticare e ad essere al di sotto delle aspettative di inizio stagione; alcune formazioni hanno fatto decisamente meglio rispetto all’anno scorso, mentre altre non sono riuscite a ripetersi.

Con l’Inter che questa volta guarda tutti dall’alto in basso, ecco la classifica della fine del girone d’andata di quest’anno a confronto con quella della passata stagione.

 

Scambio di posizioni in testa tra Inter e Milan, in ritardo Juventus e Roma

Il primo grosso cambiamento si nota subito in testa alla classifica: quest’anno è l’Inter ad essere campione d’inverno, e non il Milan. Questo onore l’anno scorso era capitato proprio al Diavolo, che a fine dicembre era arrivato con un vantaggio di 2 punti sui cugini nerazzurri. La squadra di Inzaghi, però, spera ovviamente di non ripetere quanto fatto dagli avversari, che nel corso del girone di ritorno hanno rallentato e perso così lo scudetto, proprio per mano dell’Inter.

I nerazzurri hanno meritato il titolo di campione d’inverno nel girone d’andata 2021/22, e infatti hanno chiuso l’anno davanti a tutti: a +4 sul Milan e +7 sul Napoli, sconfitto clamorosamente mercoledì sera in casa dallo Spezia.

La squadra di Pioli e quella di Spalletti erano partite meglio dell’Inter, ritrovandosi a novembre entrambe in testa al campionato. Poi però i ragazzi di Inzaghi hanno cominciato a comprendere meglio le richieste dell’allenatore, chiudendo la prima parte di campionato con 8 vittorie consecutive, ma soprattutto hanno saputo approfittare delle molteplici battute d’arresto delle avversarie: qualche passaggio a vuoto dei rossoneri, ma troppi punti persi dai partenopei nell’ultimo mese. Con 3 sconfitte consecutive allo stadio Diego Armando Maradona, il Napoli si ritrova giustamente al 3^ posto al giro di boa.

Non delude mai invece l’Atalanta, che riconferma lo strepitoso lavoro dell’anno scorso: 36 punti un anno fa, 38 quest’anno. La Dea è ormai una costante del calcio italiano, una vera e propria grande squadra che ha tutto per lottare fino alla fine per le primissime posizioni.

Quelle che invece sono riuscite a deludere ancora sono la Juventus e la Roma. Sia bianconeri che giallorossi hanno cambiato allenatore in estate, ma entrambi sono riusciti a fare peggio. Se però dalla squadra di Mourinho ce lo si poteva aspettare – vista soprattutto la perdita di un giocatore come Dzeko – di sicuro nessuno avrebbe mai immaginato una partenza del genere da parte della formazione di Allegri.

La Vecchia Signora è riuscita a rimettere in piedi le cose nelle ultime settimane, ma in autunno inoltrato era ancora a metà classifica. Ora, dopo 19 partite, si ritrova al 5^ posto con 34 punti in classifica: è a -12 dall’Inter capolista, ma probabilmente fino ad un paio di mesi fa ci avrebbe messo la firma. Pirlo in panchina l’anno scorso, classifica alla mano, aveva fatto meglio: 39 punti e 3^ posto, in ritardo dalla vetta di appena 4 lunghezze.

32 invece i punti conquistati in questo girone d’andata dalla Roma di Mou, contro i 37 – con 4^ posto in solitaria – dalla squadra di Fonseca lo scorso anno.

 

Super Fiorentina, Torino e Bologna, rallentano Sassuolo e Verona

Le squadre che sono più migliorate rispetto al girone d’andata della stagione 2020/21 sono sicuramente Fiorentina e Torino (+11).

Un anno fa, la Viola – guidata da Iachini in panchina – ha chiuso la prima parte di campionato a quota 21 punti in classifica, appena 7 punti sopra la zona retrocessione. Con l’arrivo di Italiano – e la consacrazione definitiva di Vlahovic – quest’anno è tutta un’altra storia: calcio spettacolo, gol e vittorie meritate. Adesso infatti la Fiorentina si ritrova a 32 punti, al 7^ posto in classifica al pari della Roma 6^ – addirittura solo a -6 dalla zona Champions League.

Discorso simile per i granata, che devono questa favolosa rinascita a mister Juric. Nella passata stagione, a quest’ora, con Giampaolo in panchina, il Toro navigava nelle zone più rosse della classifica: appena 14 punti ottenuti e 4^ ultimo posto, insieme al Cagliari 3^ ultimo. Con l’ex tecnico del Verona, però, le cose sono cambiate decisamente: ora la squadra è più tosta e propositiva, e i 25 punti in classifica lo dimostrano.

Molto bene anche il Bologna di Mihajlovic, che sembra finalmente aver trovato un suo equilibrio tattico. Il passaggio dalla difesa a 4 dell’anno scorso a quella a 3 di questa stagione ha giovato molto ai rossoblu: ora gli emiliani si ritrovano a 27 punti e al 10^ posto in classifica, insieme all’Empoli 9^. Crescita quindi di 7 punti rispetto al girone d’andata precedente, dove il Bologna era solo 6 punti sopra alla zona retrocessione.

Quelle che invece a sorpresa non hanno confermato le attese sono due formazioni che giocano bene e fanno divertire, ma che fin qui hanno raccolto meno di quanto seminato: si tratta di Sassuolo ed Hellas Verona.

I neroverdi hanno sostituito De Zerbi con Dionisi, e lo spettacolo non manca. Spesso però i ragazzi sono inconcludenti; inoltre, le troppe disattenzioni difensive hanno spesso punito il Sassuolo, che ora si ritrova con 24 punti invece dei 30 dell’anno scorso.

Discorso identico per gli scaligeri, che vanno a braccetto con i neroverdi e contano 6 punti in meno. La squadra di Tudor ha stupito contro le grandi, ma poi non è riuscita a ripetersi con le formazioni più alla sua portata.

Galleggia invece nella colonna di sinistra la Lazio di Sarri, che però fatica ancora ad ingranare del tutto: oggi i biancocelesti sono un po’ in ritardo (31 punti contro i 34 dell’anno scorso).

In ritardo anche Sampdoria (-6) e Spezia (-2), mentre ha fatto 2 punti in più l’Udinese.

 

Super Empoli, disastro Genoa e Cagliari

Una delle squadre che ha più stupito fin qui è senza dubbio l’Empoli di Andreazzoli. Neopromossa dalla Serie B, non ha accusato per niente l’impatto con la massima serie – anche grazie ad un reparto avanzato a livello dei “grandi”. L’anno scorso ovviamente non era in classifica, ma quest’anno ha già 27 punti dopo 19 giornate: al 9^ posto, ha già un bel pezzo di salvezza in tasca.

Decisamente bene anche il Venezia, che nonostante sia salito dalla serie cadetta vanta già 17 punti nel girone d’andata, con un buon vantaggio sulla zona retrocessione.

Quelle che invece sono riuscite a fare ancora peggio rispetto al disastro dell’anno scorso sono Genoa e Cagliari. Il Grifone ha da poco preso Shevchenko, che sembra aver dato nuova verve ai giocatori. I sardi invece hanno riposto la loro fiducia in autunno in Mazzari, ma ancora non hanno ottenuto la rinascita che speravano.

Se al termine del girone d’andata della passata stagione la situazione era complicata (18 punti il Genoa e 14 il Cagliari), oggi è a dir poco drastica. Il Grifone ha 11 punti ed è al 3^ ultimo posto in classifica, mentre i sardi sono fermi a 10 e al penultimo posto in classifica. La cosa più preoccupante però è che queste due formazioni non riescono a segnare, e senza gol non si vince. E senza vittorie, rimontare i già 5 punti sullo Spezia (6 per il Cagliari) è davvero dura.

Infine, malissimo la neopromossa Salernitana che è ultima con solo 8 punti: la situazione societaria di certo non aiuta. Non sono più in Serie A invece Parma, Crotone e Benevento.

 

Classifica Serie A 2021/22: girone d’andata

Inter 46

Milan 42

Napoli 39

Atalanta 38

Juventus 34

Roma 32

Fiorentina 32

Lazio 31

Empoli 27

Bologna 27

Torino 25

Verona 24

Sassuolo 24

Udinese 20

Sampdoria 20

Venezia 17

Spezia 16

Genoa 11

Cagliari 10

Salernitana 8

 

Classifica Serie A 2020/21: girone d’andata

Milan 43

Inter 41

Juventus 39

Roma 37

Atalanta 36

Napoli 34

Lazio 34

Verona 30

Sassuolo 30

Sampdoria 26

Benevento 22

Fiorentina 21

Bologna 20

Udinese 18

Spezia 18

Genoa 18

Torino 14

Cagliari 14

Parma 13

Crotone 12


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Serie A