Seguici su

Serie A

Serie A, la classifica avulsa e scontri diretti: chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti?

inter milan serie a

Dopo la sosta nazionali entreremo nel rush finale in Serie A, otto giornate che decideranno tutte le lotte: in particolare quella per lo scudetto, che vede coinvolte Milan, Napoli, Inter e Juventus. Tutte le combinazioni

Si prospetta un finale di stagione più che entusiasmante in Serie A. Al rientro dalla sosta si dovranno infatti giocare le rimanenti otto partite di campionato, che saranno utili per definire tutte le lotte: da quella per la salvezza a quelle per le varie zone europee (Champions League, Europa League e Conference League); passando per la più importante di tutte, quella che assegnerà il titolo di campione d'Italia: la lotta scudetto, con tutte le combinazioni in caso di arrivo a pari punti.

Ed è proprio della lotta scudetto che parleremo oggi. Essendo coinvolte ancora ben quattro squadre: Milan, Napoli, Inter e Juventus, sono numerose le combinazioni che potrebbero portare ad un arrivo a pari punti al gong finale. Al momento sono i rossoneri a guidare il quartetto con un vantaggio di tre punti sul Napoli secondo, di sei punti sull'Inter terza (che ha però la partita contro il Bologna da recuperare), e di sette punti sulla Juventus quarta. Tutte le squadre hanno inoltre ancora dei big match da giocare, quindi non c'è niente di deciso ed ogni giornata potrebbe riservare numerose sorprese, come è stato negli ultimi tre mesi.

Ovviamente ci sono dei criteri già stabiliti dal regolamento della Lega Serie A che specificano le varie cose da tenere in considerazione in caso di arrivo a pari punti tra due o più squadre. Tali criteri sono cinque e vengono analizzati in ordine, se nel primo vige ancora una situazione di parità si passa a considerare il secondo e via dicendo. I criteri sono: 1) punti negli scontri diretti; 2) differenza reti negli scontri diretti; 3) differenza reti in generale in campionato; 4) reti totali realizzate in generale in campionato; 5) sorteggio. Solamente nel caso in cui – oltre ai pari punti finali – dovessero risultare pari anche i primi quattro criteri, si procederà dunque con il sorteggio, che assegnerà il titolo di campione d'Italia in maniera del tutto casuale.

La situazione è quasi del tutto analoga in caso di arrivo a pari punti di tre o più squadre. In questo caso si stilerebbe una classifica avulsa, che sarebbe una classifica con solamente le squadre che hanno chiuso il torneo a pari punti. Una volta stilata tale classifica, si procederà con i criteri sopra elencati, considerando però – al posto di due squadre – gli scontri diretti e la differenza reti di tutte le squadre coinvolte. Andiamo quindi a scoprire tutte le combinazioni possibili di arrivo a pari punti e cosa succederebbe per ognuna di esse.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Milan e Napoli

In caso di arrivo a pari punti tra Milan e Napoli sarebbe pari anche il primo criterio, negli scontri diretti hanno infatti ottenuto una vittoria per parte. Si passerebbe dunque al secondo criterio, ovvero la differenza reti negli scontri diretti, anche in questo caso vige però una situazione di parità, essendo terminate entrambe per 1-0 le sfide. Verrebbe dunque preso in considerazione il terzo criterio, la differenza reti in generale in campionato. Al momento la differenza reti del Milan è di +27 (in virtù dei 56 gol fatti e dei 29 subiti), mentre quella del Napoli è di +31 (in virtù dei 53 gol fatti e dei 22 subiti). In caso di arrivo a pari punti tra Milan e Napoli, restando così il distacco tra le differenze reti delle due formazioni, a vincere il campionato sarebbero dunque i ragazzi di Spalletti. Se invece il Milan dovesse rimontare nella differenza reti, finendo la stagione al pari con il Napoli, si prenderebbe in considerazione il quarto criterio, quello sulle reti totali. In questo momento i rossoneri hanno segnato 56 gol, contro i 53 del Napoli, quindi – stando così le cose – sarebbero i milanesi i campioni d'Italia. Anche questo criterio potrebbe però clamorosamente finire in parità, lasciando l'assegnazione dello scudetto alla sorte ed alla monetina.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Milan ed Inter

In caso di arrivo a pari punti tra Milan ed Inter basterebbe solo il primo criterio. Gli scontri diretti sono infatti terminati 1-1 e 2-1 in favore del Milan, che quindi è in vantaggio. In questo caso a vincere lo scudetto sarebbe dunque la formazione allenata da Pioli.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Milan e Juventus

In caso di arrivo a pari punti tra Milan e Juventus sarebbe pari anche il primo criterio, essendo terminati in pareggio entrambi gli scontri diretti, 1-1 all'andata e 0-0 al ritorno. Si passerebbe quindi a considerare il secondo criterio, la differenza reti negli scontri diretti. Anche in questo caso si tratterebbe però di un pareggio. Verrebbe dunque preso in considerazione il terzo criterio, la differenza reti generale in campionato. Ad oggi il Milan come detto si trova a +27 (in virtù dei 56 gol fatti e dei 29 subiti), la Juventus è invece a +21 (in virtù dei 47 gol fatti e dei 26 subiti). In caso di arrivo a pari punti tra Milan e Juventus, restando così anche il distacco della differenza reti, a vincere il campionato sarebbe dunque la squadra di Pioli. Come nel primo caso però, anche qua la Juventus potrebbe rimontare clamorosamente il Milan rimandando il verdetto per l'assegnazione del titolo al quarto criterio, quello sulle reti realizzate in generale in campionato. Anche in questo caso a trionfare sarebbe però il Milan, sempre stando così le cose, dato che i rossoneri hanno segnato 56 gol, contro i 47 dei bianconeri. Anche questo criterio potrebbe però finire in parità, lasciando l'assegnazione dello scudetto alla sorte ed alla monetina.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Inter e Napoli

In caso di arrivo a pari punti tra Inter e Napoli basterebbe solo il primo criterio. Gli scontri diretti sono infatti terminati 1-1 e 3-2 in favore dell'Inter, che quindi è in vantaggio. In questo caso a vincere lo scudetto sarebbe dunque la formazione allenata da Inzaghi.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Inter e Juventus

In caso di arrivo a pari punti tra Inter e Juventus potrebbe risultare decisivo lo scontro diretto del prossimo 3 aprile (qui anticipi e posticipi delle prossime tre giornate). Essendo infatti il match di andata finito 1-1, chi vince lo scontro diretto dell'Allianz Stadium avrebbe il vantaggio degli scontri diretti del primo criterio, e sarebbe dunque anche campione d'Italia in caso di arrivo a pari punti. Ipotizzando invece un pareggio nella prossima gara di Torino, sarebbero dunque pari sia il primo che il secondo criterio, quello della differenza reti negli scontri diretti. Si passerebbe allora al terzo criterio, la differenza reti in generale in campionato. In questo caso ad oggi l'Inter è a +38 (in virtù dei 62 gol fatti e dei 24 subiti), la Juventus invece a +21 (in virtù dei 47 gol fatti e dei 26 subiti). A trionfare, restando così la differenza, sarebbe dunque la squadra meneghina. In caso di arrivo a pari punti anche in questo criterio, andrebbe considerato il quarto, le reti realizzate in generale in campionato. Anche questa ipotesi, al momento, favorirebbe i nerazzurri, avanti di 62 gol a 47. Anche questo criterio potrebbe però finire in parità, lasciando l'assegnazione dello scudetto alla sorte ed alla monetina.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Napoli e Juventus

In caso di arrivo a pari punti tra Juventus e Napoli basterebbe solo il primo criterio. Gli scontri diretti sono infatti terminati 1-1 e 2-1 in favore del Napoli, che quindi è in vantaggio. In questo caso a vincere lo scudetto sarebbe dunque la formazione allenata da Spalletti.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Milan, Inter e Napoli

In caso di arrivo a pari punti tra Milan, Inter e Napoli basterebbe solamente il primo criterio. Considerando infatti i sei scontri diretti: Milan-Napoli, Milan-Inter ed Inter-Napoli, con rispettive gare di ritorno, in vantaggio ci sarebbe il Milan. Per i rossoneri sette punti (due vittorie, un pareggio e una sconfitta), per i nerazzurri cinque punti (una vittoria, due pareggi e una sconfitta), per i partenopei quattro punti (una vittoria, un pareggio e due sconfitte). In questo caso il Milan sarebbe dunque campione d'Italia.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Milan, Juventus e Napoli

In caso di arrivo a pari punti tra Milan, Juventus e Napoli basterebbe solamente il primo criterio. Considerando infatti i sei scontri diretti: Milan-Napoli, Milan-Juventus e Juventus-Napoli, con rispettive gare di ritorno, in vantaggio ci sarebbe il Napoli. Per i partenopei sette punti (due vittorie, un pareggio e una sconfitta), per i rossoneri cinque punti (una vittoria, due pareggi e una sconfitta), per i bianconeri tre punti (tre pareggi e una sconfitta). In questo caso il Napoli sarebbe dunque campione d'Italia.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Inter, Juventus e Napoli

In caso di arrivo a pari punti tra Inter, Juventus e Napoli potrebbe bastare il primo criterio, ma a deciderlo sarà il prossimo ed ultimo scontro diretto in programma per la prossima giornata tra Juventus ed Inter. Considerando i sei scontri diretti: Inter-Juventus, Inter-Napoli e Juventus-Napoli, con rispettive gare di ritorno, la situazione potrebbe ancora infatti vertere in favore di ognuna delle tre squadre coinvolte. Per i partenopei cinque punti (una vittoria, due pareggi e una sconfitta), per i nerazzurri cinque punti (una vittoria e due pareggi), per i bianconeri due punti (due pareggi e una sconfitta), con appunto ancora la partita tra Juventus ed Inter mancante all'appello. In caso di vittoria nerazzurra o pareggio, sarebbero proprio i ragazzi di Inzaghi a vincere il campionato in caso di arrivo a pari punti con Napoli e Juventus, in virtù degli otto punti negli scontri diretti nel primo caso e dei sei punti nel secondo. Se a vincere dovesse invece essere la Juventus, tutte e tre le squadre raggiungerebbero quota cinque punti, rimandando il discorso al secondo criterio, la differenza reti negli scontri diretti. Differenza reti negli scontri diretti che al momento recita Napoli +0, Inter +1 e Juventus -1. Quindi in caso di pareggio nel match tra Juventus ed Inter, sarebbero i nerazzurri a laurearsi campioni d'Italia, stessa cosa in caso di vittoria da parte della formazione di Inzaghi. La situazione potrebbe cambiare solo in caso di vittoria della Juventus. Ed in particolare, se la Juventus dovesse vincere con due o più gol di scarto, sarebbero proprio i ragazzi di Allegri a laurearsi campioni d'Italia. Se la Juventus dovesse invece vincere con un solo gol di scarto, tutte e tre andrebbero a differenza reti +0 negli scontri diretti, rimandando il verdetto al terzo criterio, ovvero la differenza reti in generale in campionato. Al momento la situazione sarebbe Inter +38, Napoli +31 e Juventus +21, quindi rimanendo invariato il distacco sarebbe l'Inter ad avere la meglio ed a vincere il titolo. Nel quasi impossibile caso in cui tutte e tre le formazioni dovessero chiudere la stagione con la stessa differenza reti, si passerebbe al quarto criterio, ovvero le reti segnate in totale in campionato. In questo caso al momento la situazione sarebbe invece Inter 62 gol fatti, Napoli 53 e Juventus 47, anche qui sarebbero dunque i meneghini a laurearsi campioni d'Italia in caso di distacco invariato al termine della stagione. Nell'assurdo caso in cui anche questo criterio dovesse chiudersi in una situazione di triplice parità, si passerà al quinto ed ultimo criterio: il sorteggio, lasciando l'assegnazione dello scudetto alla sorte ed alla monetina.

Chi vince lo scudetto in caso di arrivo a pari punti tra Milan, Inter, Juventus e Napoli

Lo scenario più difficile quanto bello da immaginare (per i tifosi neutri) è infine l'arrivo a pari punti di tutte e quattro le formazioni al momento coinvolte nella lotta scudetto. Anche in questo caso potrebbe bastare il primo criterio, ma anche in questo caso tutto dipenderà dal risultato del prossimo big match in programma tra Juventus ed Inter. Considerando i dodici scontri diretti: Milan-Napoli, Milan-Inter, Milan-Juventus, Napoli-Inter, Napoli-Juventus ed Inter-Juventus, con rispettive gare di ritorno, la situazione potrebbe ancora vertere in favore di due delle quattro squadre coinvolte: Milan ed Inter. Tutto dipenderà proprio dal risultato di Juventus-Inter. Se si vanno a considerare i punti negli scontri diretti infatti si nota che il Milan ha nove punti (due vittorie, tre pareggi e una sconfitta), il Napoli ha otto punti (due vittorie, due pareggi e due sconfitte), l'Inter ha sei punti (una vittoria, tre pareggi e una sconfitta) e la Juventus ha quattro punti (quattro pareggi e una sconfitta). Dunque se la Juventus dovesse vincere il derby d'Italia o la partita dovesse finire in pareggio, il Milan sarebbe campione d'Italia in virtù dei nove punti guadagnati negli scontri diretti. L'unica possibilità che apre le porte al secondo criterio, ovvero la differenza reti negli scontri diretti, è una vittoria dell'Inter nella prossima partita dell'Allianz Stadium. In questo caso i nerazzurri andrebbero infatti a nove punti, eguagliando il Milan. Al secondo criterio non ci sarebbe però storia, il confronto sarebbe infatti solamente tra le due squadre alla pari al comando della classifica avulsa, quindi tra Milan ed Inter, e si avrebbe dunque la combinazione sopra analizzata in caso di arrivo a pari punti tra rossoneri e nerazzurri. In caso di arrivo a quattro, in qualsiasi circostanza e con qualsiasi risultato nella partita tra Juventus ed Inter a laurearsi campione d'Italia sarebbe quindi il Milan.

Milan, Napoli, Inter e Juventus possono davvero arrivare prime a pari punti?

Ci sono diverse possibilità che prevedono un arrivo a pari punti di tutte e quattro le squadre in cima alla classifica di Serie A, ognuna più assurda della precedente. La più probabile è decisamente quella che prevede il pareggio del quartetto a quota 81 punti. Più probabile perché, al momento, è la Juventus la squadra che deve recuperare più punti alle tre che la precedono. Entrando nello specifico se, nelle restanti otto partite, la Juve fa sette vittorie ed un pareggio, arriva proprio a quota 81. Nel contempo, per arrivare ad 81, il Milan deve fare cinque vittorie e tre sconfitte, il Napoli sei vittorie e due sconfitte, e l'Inter sette vittorie e due sconfitte (una delle quali in Juventus-Inter della prossima giornata). In questo caso arriverebbero dunque tutte e quattro ad 81 punti e si applicherebbe la situazione analizzata nel paragrafo precedente, con il Milan che si laureerebbe campione d'Italia per i motivi sopra elencati.


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Serie A