Seguici su

Calciomercato

Calciomercato Udinese, l’Europa impazzisce per Beto: dall’Inter al Newcastle, le squadre pronte a fare follie

Beto Udinese

Beto è il terzo calciatore lusitano a raggiungere la doppia cifra in serie A, sono 11 i centri in campionato per il gigante dell’Udinese che sta facendo impazzire i club europei. In questo articolo vedremo quali sono le squadre sulle tracce dell’attaccante portoghese.

Beto Betuncal, quando scade e le condizioni del contratto con l’Udinese

L’ennesimo capolavoro di Giampaolo Pozzo si chiama Norberto Bercique Gomes, noto a tutti come Beto. Qui in Friuli sono passati già campioni che prima erano dei semi-sconosciuti, da Nestor Sensini ad Abel Balbo fino ai più recenti Alexis Sanchez e Samir Handanovic – solo per citarne alcuni. Il bomber portoghese è arrivato all’Udinese in prestito con diritto di riscatto dal Portimonense per 7 milioni di euro + 3 milioni in bonus – in caso di qualificazione per le competizioni europee e se Beto giocherà almeno il 50% delle partite. La squadra portoghese avrà diritto al 50% sull’eventuale cessione del giocatore. Se il club bianconero deciderà di riscattarlo, firmerà un contratto fino al 30 giugno 2026. Il valore attuale del classe 1998 è di 10 milioni di euro, è già raddoppiato rispetto alla scorsa estate quando Beto venne acquistato dall’Udinese.

Beto all’Udinese, i numeri dell'attaccante portoghese sotto la guida di Cioffi

Ha fatto letteralmente impazzire la difesa del Cagliari, Beto, dopo un periodo di astinenza dal gol, ha realizzato una tripletta che ha steso la squadra isolana.“Partita grandissima della nostra squadra, abbiamo giocato molto bene, sapevamo che poteva essere difficile ma noi l’abbiamo resa facile e abbiamo lavorato molto per questo. 11 gol? Io credevo quando sono arrivato che dovevo imparare molto. 11 gol qui alla prima stagione è molto bello, ma io voglio di più. Voglio aiutare la mia squadra a salvarsi. Cioffi per me è molto importante. Lui crede molto in me e abbiamo parlato di tutto: profondità, palla al piede, intesa con i compagni, l’intesa con i compagni di reparto. È stato il top”. La replica di mister Gabriele Cioffi non è tardata ad arrivare, il tecnico dei friulani si gode il suo bomber portoghese e ha replicato così ai microfoni di DAZN: “Beto è un giocatore che ha fame e quindi merita di essere coltivato e innaffiato quotidianamente. Ma al di là di Beto tutti devono essere coltivati e innaffiati quotidianamente ed è questo che porta a risultati come quello contro il Cagliari.” Beto quest’anno ha segnato 11 reti in 27 partite di Serie A, prima di sbloccarsi nell’ultima giornata con questa splendida tripletta, non riusciva più a trovare la via del gol. Infatti l’astinenza durava dal 9 gennaio nella sconfitta contro l’Atalanta per 6-2.

Idea Beto per l’attacco nerazzurro, la strategia di Giuseppe Marotta

Torna in voga il nome di Beto, dopo la tripletta rifilata al Cagliari, nella vittoria per 5-1 dell’Udinese. Al suo primo anno in Serie A, il centravanti ex Portimonense si è ambientato alla grande e anche l’Inter ha messo gli occhi sul gigante portoghese. Beto è un calciatore con caratteristiche non comuni, si sacrifica molto per la squadra – oltre ad essere cinico sotto porta. Gli addetti ai lavori lo hanno battezzato come un Haalandlow cost’, ultimamente è stato accostato anche a Victor Osimhen del Napoli – tuttavia ci piace pensare che questo giocatore sia unico e avrà certamente ampi margini di miglioramento. L’Inter continua a far fatica in attacco, anche nell’ultimo big match contro la Juventus ha vinto per 1-0 con il contestatissimo calcio di rigore trasformato al secondo tentativo da Hakan Çalhanoğlu. Beto Betuncal ha forza fisica e senso del gol per arginare le difese del campionato di serie A e Giuseppe Marotta ha la chiave per convincere la dirigenza friulana. Non sarà facile tuttavia indurre in tentazione la famiglia Pozzo, sicuramente sparerà alto per il suo gioiello in attacco. La strategia del direttore sportivo della Beneamata è di aggiungere al cash anche il talentuoso Martin Satriano, attaccante uruguaiano che sta facendo molto bene al Brest in Ligue 1. Anche se l’Inter è restia a sacrificare questo baby-prodigio, lo sforzo sarà necessario per poter provare a prendere un attaccante del calibro di Beto.

Dal Milan al Newcastle, Le altre squadre interessate a Beto

Il Fondo Arabo vuole fare grande il Newcastle e riportarlo ai fasti del passato. Anche se sino ad ora l’impressione è che la presidenza abbia speso tanto e a caso, con i colpi conclusi nel calciomercato invernale. Di certo non bada a spese il ricco fondo saudita che ha messo nel mirino anche Beto dell’Udinese. I Magpies stanno preparando una campagna acquisti faraonica e se dovesse arrivare un'offerta monstre, sarà davvero dura per la famiglia Pozzo resistere alle avances della società inglese. Oltre ad Inter e Newcastle, il giocatore nato a Lisbona ha anche suscitato la curiosità del Milan. Paolo Maldini in caso di trionfo scudetto vuole regalare un centravanti letale sotto porta a Mister Pioli da affiancare a Olivier Giroud, in attesa di sapere cosa vorrà fare da grande Zlatan Ibrahimovic. Tutte le squadre in lizza per Beto continuano a monitorare la situazione, nonostante il classe 1998 sia in prestito, se verrà esercitata l’opzione di acquisto dal club friulano, permetterebbe di ottenere una vendita molto lucrativa per le casse della società di Giampaolo Pozzo.

 


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Calciomercato