Seguici su

Ultime notizie

Matìas Munua: “Oggi posso dire che sto realizzando il mio sogno”

Ha lasciato l'Argentina giovanissimo, ha attraversato diverse squadre tra Spagna ed Italia prima di arrivare a Stintino de la Promozione in Italia e all'ultimo appuntamento ha segnato il goal del pareggio. Dalla Sardegna, Matías Munua ha parlato con calciodangolo per raccontare la sua storia, la sua vita e quali sono i suoi obiettivi.

Intervista a Matías Munua

P: Com'è la tua vita in Italia?

R: Al di fuori del calcio, mi piace molto poter vivere vicino al mare. Vado sempre a bere lì con i miei compagni per staccare un po' la spina. Per il mio modo di essere ho trovato persone con cui vado d'accordo, non ho problemi con nessuno e ogni volta che posso e ho tempo, condivido il tempo con persone che conosco dentro e fuori dall'ambiente sportivo. Quasi sempre, nella maggior parte dei posti dove sono stato, c'è un argentino quindi non smetti mai di sentirmi da solo.

Matías Munua, Excursionistas, Argentinos por el mundo, Stintino, Promozione Calcio

Matías con la maglia degli Excursionistas in Argentina. Fonte: Matías Munua

Trascorro la maggior parte della giornata ad allenarmi, sia con i miei compagni di squadra del club che in palestra. Quando non lo faccio, cerco di riposarmi, fare i lavori domestici, viaggiare per la campagna, mi piace molto leggere e ho fatto un paio di corsi di lingua. Molto spesso trovo anche del tempo per chattare con i miei cari che si trovano in Argentina.

P: Prima di arrivare in Italia dove sei stato per tre anni, hai affrontato il calcio spagnolo in una squadra chiamata Young Promises. Come è successo tutto ció?

R: Stavo giocando a calcio negli Excursionistas in Argentina e ho avuto l'opportunità di iniziare questa avventura con le Jóvenes Promesas. Sono molto grato alle persone del club perché grazie a loro ho potuto inserirmi nel calcio europeo. Il club è una combinazione di calciatori sudamericani ed europei con l'idea di mostrare ai giovani il calcio spagnolo. Se hai raggiunto l'obiettivo di esibirti al meglio nei primi sei mesi, ti inseriscono in un club di livello superiore in Spagna o in un altro paese.

Essendo lì, ho avuto la prima opportunità di venire in Italia. Questa è stata la mia prima fase di adattamento ad un altro calcio, ad un altro ritmo di allenamento, ad un altro stile di gioco dove ho imparato molto. Ho avuto la fortuna di incontrare due argentini che oggi considero come fratelli. Ho raggiunto il mio obiettivo personale di mettermi in mostra con il Jóvenes Promesas e ho potuto fare il salto all'Eccellenza d'Italia per giocare a Castrocaro.

P: Tornando un po' indietro nel tempo, come hai spiegato, la tua carriera è iniziata negli Excursionistas. Come sono stati quegli anni nelle divisioni inferiori?

R: Prima di arrivare al club, ho attraversato il “Baby” Fútbol dell'Independiente de Avellaneda e poi la loro piccola scuola calcio. Da lì sono passato per il San Lorenzo Futsal e anche per il Vélez Sarsfield, prima di passare agli Excursionistas. Ho sempre giocato sulla fascia, a seconda dello stile dell'allenatore, a volte gioco di più come esterno offensivo e altre volte più difensivo. Col passare del tempo, preferisco giocare più indietro per svolgere entrambi i compiti (attacco e difesa) andando avanti e indietro lungo il fianco, a sinistra o a destra. Sono passato dall'essere un'ala completamente legata all'attacco in Argentina a essere più un'ala in Europa, ma continuo ad entrare in area e ho avuto la fortuna di segnare un gol nell'ultimo incontro.

P: Approfittando del fatto che hai detto di essere arrivato a segnare all'ultima giornata, come valuti la tua prestazione finora in questa stagione?

R: A livello personale, penso che sia andata molto bene per me perché ho potuto giocare molto e ho aggiunto molti minuti alle gambe. Oltre al gol dell'altro giorno, sono riuscito a dare diversi assist ai miei compagni. Per questo lavoro ogni giorno, per aiutare la squadra nel migliore dei modi. Sono arrivato al club con molta motivazione perché l'obiettivo era lottare per il campionato e diventare campione, ma sfortunatamente abbiamo avuto una serie negativa di risultati nelle partite chiave e siamo finiti al quarto posto in classifica, senza possibilità di lottare per il titolo. La stagione non è andata male, ma è stata una piccola delusione, visto che ci prepareremo adesso per lottare per la promozione.

Matías Munua, Excursionistas, Argentinos por el mundo, Stintino, Promozione Calcio

Matías con la maglia del Tricase. Fonte: Matías Munua

Oltre a ciò, ho trovato diversi colleghi argentini che mi fanno stare bene, che mi fanno sentire amato. Non è facile trovare aziende molto oneste in Italia e a Stintino ho conosciuto persone molto laboriose, persone di parola e che aiutano il proprio popolo e la propria città a funzionare al meglio. La città è molto tranquilla, sono felice di essere qui. Speriamo che il prossimo anno si riesca a raggiungere l'obiettivo di essere promossi in Eccellenza.

P: Prima di arrivare al club sei passato per l'Eccellenza e ora sei nella Promozione. Puoi vivere di calcio?

R: Penso che siano processi, come tutto nella vita, poiché quando sono arrivato per la prima volta ho vissuto un po' con quello che bastava. Qui devi guadagnarti il nome, perché quando vieni dall'estero nessuno ti conosce e devi mostrare perché sei venuto qui. Nel tempo, se ti esibisci nel migliore dei modi e mantieni il rispetto sopra ogni cosa, puoi aspirare ad altri benefici. Ad esempio: un appartamento solo per te smettendo di condividere la casa con altri calciatori. All'inizio ti danno casa e cibo, ma in base alle tue prestazioni guadagni lo stipendio. Oggi posso dire che vivo di calcio e sto realizzando il mio sogno, ma con la mentalità di continuare a crescere e raggiungere obiettivi diversi.

La realtà è che giocando nella promozione italiana non si risparmia economicamente, ma è molto redditizio e questa è una differenza importante con la promozione argentina. Lo stile di gioco è molto simile, ma la realtà economica è completamente diversa e c'è molta differenza. Qui puoi goderti il calcio tranquillamente in Serie D, Eccellenza e Promozione, ma non in Argentina. Certo, per non spaventarti, devi raggiungere gli obiettivi e saperti gestire perché ci sono persone che si fanno guidare solo dai risultati, ma se fai le cose per bene, verrai riconosciuto per ciò che hai fatto.

P: Al di là degli obiettivi, che hai spiegato bene, sapersi gestire gioca un ruolo importante. Dalla Spagna si va in Italia a firmare per Castrocaro. Come è stato giocare in quel club? 

R: Purtroppo, a causa della pandemia, mi sono allenato a lungo, ma senza troppi risultati. Ho giocato pochissime partite, ma è stata la mia prima esperienza qui in Italia. La cosa più bella è stata la città di Rimini, che pur essendo la mia prima città qui, è una delle più belle che abbia mai visto e sono stato molto felice di poterci abitare. Alla ripresa del campionato ho lasciato il club e ho firmato per l'Atlético Tricase dalla Regione Puglia. Sono venuto al club attraverso Giuseppe Mariano, che ha fatto da mio rappresentante, e la verità è che è stato molto buono con me e per questo gli sono molto grato.

P: Cosa ti ha permesso di migliorare/imparare durante la tua permanenza all'Atlético Tricase?

R: Mi sono divertito moltissimo, ho imparato molto e soprattutto con il capitano della squadra mi sono sentito molto supportato sin da quando sono arrivato. Quello che mi ha sorpreso di più della mia avventura al club è stato il gran numero di persone che sono venute allo stadio, mi ha fatto sentire come se stessi giocando in Argentina per il calore della gente. Quello che ho migliorato di più a Tricase è stato ordinare me stesso in modo più strategico, essere più concentrato su una posizione e aiutare in ciò di cui la squadra ha più bisogno e non muovermi così tanto inutilmente sul campo. Ho imparato a muovermi senza palla, il che è abbastanza complicato, anche a giocare più lentamente, a prendermi i tempi giusti per poter prendere la decisione migliore.

Matías Munua, Excursionistas, Argentinos por el mundo, Stintino, Promozione Calcio

Matías Munua esultando per un goal. Fonte: Matías Munua

A 23 anni so di avere molte cose nuove da imparare. L'idea è quella di migliorare stagione dopo stagione per essere un giocatore più completo. Il capitano del Tricase, che ha giocato per tutta la vita nel club, mi ha aiutato molto. A volte quello che mi spiegava e mi consigliava veniva da più di quello che faceva il tecnico. Più che altro per l'affinità che aveva con lui sia dentro che fuori dal campo, ma non per quello, avrebbe smesso di ascoltare gli allenatori perché cercano sempre di aiutare il giocatore.

P: Continuando con il tuo stile di gioco, quali giocatori guardi o hai come specchio per provare a copiare il loro modo di giocare?

R: Guardo molto calcio, imparo molto guardando qualsiasi tipo di partite. Mi piace molto come giocano Lorenzo Insigne e Ángel Di María, come rientrano e cercano il gol. Come ho anche visto molti video di Henry per tenere conto dei suoi rapidi movimenti con la palla.

P: Sei in Europa da diversi anni e hai giocato poco in Argentina. Ti piacerebbe giocare nel calcio argentino?

R: Sì, la verità è che mi piacerebbe, non ci penso a breve termine, ma la vedo più una cosa che potrebbe accadere nel futuro, nel lungo termine. Spero che possa succedere, ma il mio obiettivo principale è riuscire a far crescere il mio calcio in Europa.

P: Hai menzionato le differenze che noti tra il calcio argentino e il calcio europeo. Cosa pensi che manchi al calcio argentino per poter esportare più giocatori nelle grandi squadre?

R: Dal mio punto di vista, noto che in Italia il giocatore viene meccanizzato molto, che si perde la libertà quando si tratta di giocare, fin da piccoli, ed è qualcosa che non è nella nostra natura. Non vedi ragazzi che giocano due tocchi per strada, li vedi giocare uno contro uno e cercare di prendere la palla dall'altro.

Excursionistas, Argentinos por el mundo, Stintino, Promozione Calcio

Munua tentando il dribbling contro un avversario. Fonte: Matías Munua

Quella libertà con cui giocavano prima, oggi è andata perduta e in Brasile succede il contrario, ecco perché più calciatori brasiliani emigrano in club importanti in Europa. Qui, quel giocatore che riesce a sbarazzarsi di due o tre giocatori con un dribbling attira più attenzione ed è qualcosa che si vede molto nel calcio brasiliano perché si gioca più liberamente. Si può imparare la tecnica, capire il gioco e il posizionamento, ma il talento è innato e non è bene limitarlo.

È la mia modesta opinione, ma per me l'importante è che i ragazzi delle serie inferiori si divertano e non diventino giocatori meccanizzati. La maggior parte dei sudamericani si distingue in Europa più per il talento che per la tecnica, dal momento che ci sono molti giocatori tecnici in Europa, ma senza quel talento in più che hanno i sudamericani.


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Ultime notizie