Seguici su

Calciomercato

Salernitana, fatta per Bradaric: chi è il nuovo acquisto e cosa cambia con lui al fantacalcio

La Salernitana ha ufficialmente messo a segno l'ennesimo colpo di calciomercato proveniente dall'estero. Dopo gli attaccanti Erik Botheim e Diego Valencia, la compagine campana ha acquistato dal Lilla il terzino sinistro Domagoj Bradaric. Il giocatore è giunto a Roma nella giornata di giovedì e ha raggiunto i compagni nel ritiro in Austria per mettersi subito a disposizione dell'allenatore Davide Nicola, che attendeva da settimane un rinforzo per un reparto che, dopo aver perso Luca Ranieri e Matteo Ruggeri, poteva contare sul solo Pawel Jaroszynski. Il croato arriva in granata a titolo definitivo per poco meno di 5 milioni di euro ed è più che mai pronto a fare sfoggio delle proprie qualità, come già fatto vedere sia in Ligue 1 che con la maglia della propria Nazionale. Ecco cosa c'è da sapere su Domagoj Bradaric, di come cambierà la Salernitana con lui in campo e le dirette implicazioni in chiave fantacalcio.

La carriera di Domagoj Bradaric: la crescita con l'Hajduk Spalato e l'esplosione a Lilla

Domagoj Bradaric nasce il 10 dicembre 1999 a Spalato, e proprio con la squadra della propria città, appunto l'Hajduk Spalato, muove i suoi primi passi sul rettangolo verde, compiendo tutta la trafila del settore giovanile. Dopo aver ben impressionato a suon di ottime prestazioni, condite da gol e assist, nel 2018, a 19 anni quasi compiuti, arriva per lui l'occasione di esordire anche in prima squadra, nella vittoria per 3-1 contro il Rudes Zagabria. A questi primi otto minuti tra i professionisti seguiranno altre 23 presenze tra campionato e coppa nazionale, in cui il terzino riuscirà a scalare le gerarchie e a ritagliarsi un posto nell'undici titolare allenato da Zeljko Kopic. Nell'estate dell'anno successivo, addirittura, colleziona anche il suo primo gettone di presenza in ambito internazionale, guidando i propri compagni nel turno preliminare di Europa League contro i maltesi dello Gzira United, con tanto di fascia di capitano al braccio.

Questi numeri e prestazioni non passano inosservati agli occhi di alcuni importanti club europei, e tra questi la spuntano proprio i francesi del Lilla, che a dieci giorni dal suo esordio europeo lo fanno sbarcare in Ligue 1 per circa 6 milioni e mezzo di euro. Un investimento che, col tempo, avrebbe ripagato totalmente le attese. Già nella prima stagione, nonostante il covid-19 induca la federazione transalpina a sospendere tutte le competizioni professionistiche, Bradaric totalizza 25 presenze condite da 3 assist. La vera consacrazione, tuttavia, arriva la stagione successiva, quando la compagine allenata da Christophe Galtier vince contro ogni pronostico il campionato e il croato è uno dei protagonisti indiscussi, ripetendosi con lo score di passaggi successivi dell'anno prima ma aggiungendoci anche una rete nel largo successo per 1-4 contro il Lorient. Il tutto prima di vivere un'ultima stagione in Francia, in cui la squadra centra comunque gli ottavi di finale di Champions League, e di accettare la nuova sfida in Serie A, alla Salernitana.

Leggi anche: Sta per uscire la nostra guida all'asta del fantacalcio. Vuoi sapere quando e conoscere tutte le novità? Clicca qui

Cosa cambia al fantacalcio e alla Salernitana con Domagoj Bradaric

Con l'innesto di Domagoj Bradaric la Salernitana punta a rafforzare, come già accennato, un reparto rimasto senza copertura rispetto agli elementi presenti in rosa la scorsa stagione, i quali, dal canto proprio, non avevano mai pienamente convinto. In particolare Luca Ranieri, tornato alla Fiorentina, ha dovuto accumulare diverso minutaggio per fornire prestazioni soddisfacenti, mentre Matteo Ruggeri, di proprietà dell'Atalanta, è stato costretto ai box per più di mezzo campionato a causa di un brutto infortunio muscolare, giocando solo le prime e ultime partite. Allo stesso tempo i vari Joel Obi e Pawel Jaroszynski non hanno mai fornito prestazioni convincenti in quel ruolo specifico, venendo dirottati altrove se non addirittura in panchina. Ecco perché, in tal senso, il direttore sportivo Morgan De Sanctis ha cercato di fornire a Davide Nicola un elemento di sicuro affidamento.

Nell'esperienza francese il terzino sinistro croato ha sempre giocato in un 4-4-2 altamente offensivo, ricoprendo all'occorrenza anche la fascia destra e salendo in più occasioni anche sulla linea dei centrocampisti. Cosa, quest'ultima, che dovrebbe diventare abitudinaria nella nuova esperienza granata, visto che il proprio tecnico lo dovrebbe schierare come quinto di centrocampo nel suo canonico 3-5-2. Pertanto è altamente probabile un inserimento nel listone del fantacalcio come difensore ma effettivo utilizzo come centrocampista. Una scelta sicuramente agevolata dalle spiccate doti offensive del calciatore, il quale, come accennato, ha anche collezionato 14 presenze e un gol con l'under 21 della Croazia e anche 4 presenze con la Nazionale maggiore di Zlatko Dalic. Affidabile anche dal punto di vista fisico e disciplinare, visti i pochi infortuni e cartellini rimediati in carriera, anche per Bradaric, come per gli altri nuovi compagni provenienti da campionati stranieri, vale il discorso del necessario periodo di ambientamento. Superato questo, tuttavia, la sensazione è che anche lui, vista la giovane età e la buona esperienza internazionale, possa dire la sua in un campionato competitivo come quello di Serie A.


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Calciomercato