Seguici su

Guida all'asta

Guida all’asta del fantacalcio, il decalogo del presidente di lega: cosa non deve assolutamente mancare per un campionato perfetto

C'è un che di romantico nel momento in cui nasce un fantacalcio, di quelli classici tra amici che vogliono divertirsi e sfidarsi a suon di +3 e sfottò nei weekend.  Praticamente nello stesso istante in cui questo avviene, emerge quasi in maniera naturale, senza forzature una figura mitologica: il Presidente di lega (d'ora in poi scritto in maiuscolo per avvalorarne la solennità). Non nascondetevi dietro forme democratiche più o meno funzionanti, ogni fantacalcio che si rispetti, dipende e si fonda sul proprio Presidente. Certamente è quello che ha più responsabilità, a partire da semplici questioni organizzative fino alla decisione delle regole. Al Presidente però, questo non pesa: se ne nutre, come se fosse la sua paga, sapendo benissimo però, che alla fine, il suo unico compenso sarà un pelo d'autostima in più.

In questo pezzo abbiamo voluto omaggiare tutti i Presidenti di lega d'Italia e – perché no – aiutare qualcuno che vorrebbe diventarlo. Per questo di seguito troverete un decalogo di tutto ciò che non deve mancare per far si che i vostri partecipanti siano orgogliosi di avervi come Presidente.

 DAI UN'OCCHIATA ALLA GUIDA ALL'ASTA DEL 2022/23! CLICCA QUI PER SCARICARE L'ULTIMA VERSIONE AGGIORNATA!

  • Organizzazione asta: l'asta del fantacalcio è un rito. Tutti i fantallenatori ne aspettano l'avvento come fosse Natale oppure Pasqua, sarà perché viene una volta l'anno. Il compito di assicurarsi che il giorno dell'asta sia perfetto spetta certamente al Presidente. E quando diciamo “tutto”, intendiamo davvero “tutto“. Il Presidente che si rispetti arriva con una cartella piena di fogli su cui sono stampate le liste dei calciatori divise per ruolo, da distribuire ad ogni partecipante. Sul tavolo vi farà trovare penne, fogli e tutto ciò che può essere utile durante un'asta. Fondamentale è la gestione dei tempi: ogni calciatore deve essere battuto allo stesso modo, evitando di far differenze tra piccoli e grandi nomi. E che dire del cibo: tutto già organizzato con un catering di fortuna da fare invidia a feste di compleanno e ricevimenti. Guai poi, se all'asta dovesse mancare la birra: di solito se ne prevede un quantitativo da Oktoberfest, meglio sempre se avanza, che avere qualcuno a gola secca prima degli attaccanti.
  • Regolamento: il Presidente che si rispetti a luglio è già al lavoro con il regolamento per la stagione successiva. Per chi si sta facendo la fatidica domanda “che significa regolamento?”, rispondiamo subito. Oltre alle regole base, che sono più o meno uguali per ogni fantacalcio, è bene che ogni lega abbia le sue peculiarità. Partiamo dai bonus, passando per le varie competizioni finendo alla gestione degli scambi piuttosto che di qualche situazione scottante che può capitare durante l'anno. Il bravo Presidente cerca di prevedere ogni possibilità che abbia anche la più piccola chance di palesarsi durante la stagione così da avere sottomano la soluzione scritta per tutte le evenienze.
  • Memoria: è una delle doti più importanti per un Presidente di lega. Banalmente il non dimenticarsi di calcolare la giornata appena conclusa, per quelli che il lunedì (o martedì in caso di posticipi) sono lì che aspettano trepidanti il risultato. Oppure il ricordarsi i cavilli più remoti scritti proprio sul regolamento così da essere preparati a qualsiasi domanda: sì perché se sei il Presidente, ti verranno costantemente fatte delle domande.
  • Inventiva: soprattutto al giorno d'oggi il fantacalcio offre tantissime modalità di gioco e di personalizzare a piacimento la propria lega. Il Presidente che si rispetti, sa come catalizzare l'attenzione dei propri partecipanti creando sempre il modo migliore per appassionare tutti. Il tutto senza complicare eccessivamente il gioco: ricordate sempre che non tutti sono malati di fantacalcio, per alcuni è solo un passatempo.
  • Conoscenza delle piattaforme: conoscere la piattaforma sulla quale si è deciso di giocare è imprescindibile (qui le principali in italia). Tutti chiederanno al Presidente qualora si presenti un problema sul sistema o come risolvere qualcosa su cui sono poco pratici. Per questo l'esperienza nell'uso della piattaforma è fondamentale così da sapere sempre cosa fare.
  • Pazienza: se sei il Presidente, non puoi perdere facilmente la pazienza. Il ruolo impone che tu abbia sempre una risposta. A tutte le domande, di tutti i partecipanti, anche se ripetute dieci volte. Come già detto prima, ricordati che questa per te è vita quotidiana per gli altri  è solo un modo per per divertirsi.
  • Presenza: il Presidente deve essere un collante per tutti. Ravvivare gli animi quando il gruppo è un po' piatto perché il solito fortunato ha vinto il campionato a febbraio. Non si può assentare neanche per 24 ore dal solito gruppo whatsapp dove è stato appena chiesto perché la vittoria vale 3 punti e il pareggio solo 1, perché anche in questo caso con estrema PAZIENZA toccherà a lui rispondere.
  • Decisionismo: per chi scrive è il punto fondamentale per far si che un fantacalcio duri nel tempo. Lo abbiamo detto chiaramente nell'introduzione, la democrazia in una lega funzionante non esiste. Il Presidente si fa carico della maggior parte delle decisioni, ne discute con gli altri ma non può aspettare che chi guarda il cellulare una volta al mese voti a proposito di fare una Coppa oppure no. Può essere utile in questi casi scegliere uno o due collaboratori, fidati e altrettanto ossessionati dal fantacalcio per decidere in fretta e avere un parere autorevole in più su cui poi fondare una giusta decisione.
  • Team building: può sembrare più un termine adatto ad un posto di lavoro o ad uno sport di squadra ma il fantacalcio è puro team building. Il Presidente non è altro che il leader del team. La durabilità di un fantacalcio serio deriva proprio dalla capacità di riunire un gruppo di amici, conoscenti o perché no anche sconosciuti e farli diventare una squadra.
  • Sapersi rinnovare: se siete arrivati fino in fondo vuol dire che siete già dei Presidenti con i fiocchi. Ebbene quest'ultimo punto è per chi come me, ha la fortuna di “presiedere” una lega molto duratura. Non lasciate mai che la noia prenda il sopravvento sul fantacalcio: non deve essere abitudine ma continua voglia di provare cose nuove. Anche per i più conservatori (tra i quali mi iscrivo a pieno titolo), c'è sempre una strada per evitare la monotonia, trovatela e sarete i Presidenti migliori dell'universo.

 

Buon fantacalcio a tutti!


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Guida all'asta