Mondiali Qatar 2022

Mondiali di Qatar 2022: la maglia della Serbia

La Serbia ha presentato la maglia ufficiale con la quale giocherà i Mondiali di Qatar 2022

Manca sempre meno all'inizio dei primi mondiali della storia che verranno giocati in inverno. Prenderà infatti il via tra poco meno di due mesi Qatar 2022 (qui tutte le date). Dato che orami siamo in prossimità del torneo, le varie nazionali che vi prenderanno parte hanno iniziato ad annunciare i kit ufficiali che indosseranno per tutta la durata dello stesso. Tra le nazionali che di recente hanno rinfoltito questo gruppo rientra quella serba, che realizzerà il proprio kit in collaborazione con Puma, sponsor tecnico dei balcanici dal 2018.

Nata dalle ceneri della ex Jugoslavia, dapprima questa selezione ha esordito in una importante competizione internazionale nel 1998, ai Mondiali di Francia, quando il Paese, pur mantenendo la precedente e succitata denominazione, era ancora annesso al Montenegro. Proprio in quella circostanza si registrò il miglior piazzamento nella rassegna iridata, con il passaggio del girone a pari merito con la Germania e la successiva eliminazione agli ottavi di finale per mano dell'Olanda, la quale inflisse la stessa sorte ai balcanici anche due anni più tardi, ai quarti di finale degli Europei di Belgio e Olanda, anche in questo miglior piazzamento. Successivamente, sotto la denominazione di Serbia e Montenegro, ha partecipato ai Mondiali di Germania 2006, con eliminazione alla fase a gironi, così come anche a Sudafrica 2010 e a Russia 2018, sotto l'attuale denominazione di Serbia. Pertanto l'obiettivo di quest'anno non può che essere quello di provare almeno ad andare oltre il proprio girone,  nel quale dovrà affrontare Brasile, Svizzera e Camerun.

Maglia Serbia mondiali Qatar 2022: la gallery

 

Da sempre il colore predominante nelle prime divise della Serbia è il rosso, che di anno in anno ha assunto diverse gradazioni, accompagnato dalle rifiniture tendenti prevalentemente al bianco, che richiamano quindi i colori della bandiera nazionale. Anche quest'anno la tradizione sarà rispettata, ma con le dovute eccezioni: la Nike, infatti, ha cercato di mantenersi sul classico ma apportando le dovute variazioni, per rendere la maglia differente rispetto a quelle precedenti. In particolare la casa di produzione americana ha confezionato una maglia interamente rossa con la sola base delle maniche contraddistinta da una larga riga dorata. Una tinta che si ripresenta anche nelle altre rifiniture, ovvero la base del largo colletto scollato, che accomuna tutte le nuove divide della casa di produzione tedesca, e il logo dello stesso sponsor tecnico, posto alla sinistra del simbolo della Nazionale serba.

Consulta anche:

Nella sua semplicità, la seconda maglia della Serbia è decisamente più particolare rispetto alla prima. Puma infatti, per la Nazionale serba e non solo, ha optato per una tinta unita predominante, in questo caso bianca, con un colletto simile a quello dell'altra maglia, con la rifinitura dorata sulla parte frontale che spezza maggiormente la scollatura. Il dorato contraddistingue anche in questo caso il logo dello sponsor tecnico, posto però al centro del petto. Sotto di questo si sviluppa invece quello che è il vero elemento innovativo, e cioè una figura geometrica, in questo caso una sorta di stella a otto punte, con il simbolo della Nazionale posto sulla cima e di colore dorato, così come tutti i lati che compongono il perimetro. All'interno di questa, come di consueto, verranno collocati i numeri di maglia dei calciatori. La Serbia, perciò, è pronta a sfoggiare due divise a metà strada tra tradizione e innovazione, che però rispecchino la propria storia.


Laureato in Giurisprudenza presso l'Università della Calabria - UNICAL. Appassionato di calcio, cinema e tecnologia. Datemi una notizia e ve la approfondirò, con oggettività e in fede (calcistica e non solo).

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Mondiali Qatar 2022