Seguici su

Serie A

Verso Milan-Napoli: i cinque calciatori da tenere d’occhio nel big match di San Siro

Tra le partite in programma per la settima giornata di Serie A, anche il big match tra Milan e Napoli: i cinque calciatori da tenere d'occhio nella gara di San Siro

A poco più di un mese dall'inizio ufficiale della nuova stagione calcistica, siamo in procinto della prima sosta nazionali della stagione (qua il programma completo delle soste). Prima di salutare momentaneamente però, c'è un'ultima giornata di Serie A da disputare, la settima. Settima giornata che ha in serbo un altro big match, quello tra Milan e Napoli (il calendario di tutti i big match di campionato), gara che promette spettacolo tra due delle squadre più in forma di tutto il torneo.

Tra i vari motivi per i quali il match di San Siro non va perso per nessuna ragione, uno è sicuramente quello legato agli interpreti che scenderanno in campo. Entrambe le squadre dovranno fare i conti con qualche assenza pesante. Nel Milan, oltre allo squalificato Leao, mancheranno gli infortunati Ibrahimovic, Origi, Krunic, Rebic e Florenzi. Nessuno squalificato ma assenze altrettanto importanti anche per i campani, che avranno fermi ai box Osimhen, Demme e Lozano. Vediamo allora chi sono i cinque calciatori da tenere d'occhio nel big match della settima giornata.

PRIMA DI CONTINUARE CON IL PEZZO, DAI UN'OCCHIATA ALLA GUIDA ALL'ASTA DEL FANTACALCIO 2022/23! CLICCA QUI PER SCARICARE L'ULTIMA VERSIONE AGGIORNATA!

ALEX MERET

Ad inizio anno era forse più probabile una sua partenza rispetto alla permanenza, tanto meno rispetto ad un ruolo da titolare nel Napoli. Dopo l'addio di Ospina erano tante le voci (qui tutti gli scenari), con la dirigenza del club campano che ha trattato prima Kepa del Chelsea, poi – fino all'ultimo momento disponibile – Keylor Navas del Paris Saint-Germain. Alla fine dal mercato è arrivato il solo Salvatore Sirigu, rimasto senza squadra, ed il posto da titolare è stato affidato per forza di cose ad Alex Meret. L'ex estremo difensore dell'Udinese era stato acquistato nell'estate del 2018 dai friulani proprio per fare il titolare in Campania, un avvio un po' turbolento gli aveva però fatto subito perdere il posto in favore proprio di Ospina, in grado di fornire più sicurezze.

Adesso però, con Spalletti quasi obbligato a schierarlo, Meret si sta prendendo le sue rivincite, ed anche con gli interessi. Super il suo avvio di stagione, tante le parate importanti ed alcune anche decisive. Nelle ultime uscite è apparso molto in forma, come testimoniano le belle parate nella sfida di Champions League contro il Rangers. Gli attaccanti del Milan sono avvisati, Meret è pronto a fermarli. Già quattro le reti inviolate nelle prime otto presenze stagionali tra tutte le competizioni.

THEO HERNANDEZ

Prima di parlare del suo avvio di stagione, vorrei portare all'attenzione i numeri dal suo approdo in Italia (avvenuto nell'estate del 2019): 21 gol e 24 assist in 130 presenze, numeri da centrocampista piuttosto che da difensore. Molti di questi gol sono inoltre stati di pregevole fattura ed anche in match abbastanza importanti. Con il suo acquisto il Milan ha trovato praticamente un calciatore offensivo in più che gioca però nella linea difensiva. La corsa ed il dribbling sono tra le sue caratteristiche principali. Certo, dal suo lato avrà Di Lorenzo che di sicuro non è un calciatore lento, ma le sue percussioni palla al piede sono un pericolo per tutte le squadre e per tutti i difensori. Il suo campionato è partito un po' peggio rispetto allo scorso, ma non va sottovalutato in nessun caso.

ANDRE ZAMBO ANGUISSA

Dopo un avvio di stagione tutto sommato normale, il centrocampista camerunense ha avuto un exploit super nelle ultime uscite del Napoli, confermando essere uno dei più in forma di tutta la rosa partenopea. A dir poco magistrale la sua prestazione contro il Liverpool, padrone assoluto del centrocampo è riuscito anche a battere la porta difesa da Alisson. Quattro giorni prima aveva sfoderato un'altra grande prestazione contro la Lazio, trovando un assist. Assist replicato nell'ultima di Champions contro il Rangers. È in fiducia e si vede, in questo momento forse uno dei centrocampisti più in forma di tutto il campionato, non solo del Napoli. Con la sua fisicità creerà non pochi problemi alla coppia di centrali del Milan, formata da Tonali e Bennacer. Molto pronunciata la differenza di fisicità.

KHVICHA KVARATSKHELIA

Arrivato carico di aspettative da una squadra sconosciuta della Georgia, la Dinamo Batumi, nessuno si aspettava di trovarsi davanti un calciatore del genere. Il georgiano sembra non aver per niente patito il cambio di campionato e di squadra, gioca quasi come un veterano. Il talento c'è e si sta vedendo anche alla grande. Delle volte sembra essere leggermente scoordinato nei movimenti, ma quando parte palla al piede è difficile da fermare e da contenere. Grande velocità, ottimo dribbling e piede più che educato. In poche partite ha già fatto dimenticare a tutti i tifosi del Napoli l'addio dello storico capitano Lorenzo Insigne.

Ancora è presto per dare giudizi, ma se continua così il giovane Kvaratskhelia è destinato a far parlare molto di se. In otto presenze ufficiali trovate con la maglia del Napoli, sono già quattro i gol e due gli assist. Ma, bonus a parte, sono le prestazioni che lasciano tutti con la bocca aperta. Superlativa quella contro la Lazio, forse anche migliore quella contro il Liverpool in Champions League, lui che era all'esordio assoluto nella competizione. Adesso un altro grande banco di prova, il Milan e la sua difesa solida, capitanata da un Maignan versione supereroe.

OLIVIER GIROUD

35 anni (quasi 36) e non sentirli. Il caro buon Olivier Giroud sembra ancora avere la voglia e la determinazione di quando ha iniziato a muovere i primi passi da calciatore. Dal suo approdo al Milan raramente ha sbagliato una prestazione. Anche se ha messo a segno “solo” 18 gol in 46 presenze, media forse un po' povera per un centravanti, la maggior parte di questi 18 gol sono stati pesantissimi. Si tutti forse quelli segnati nei derby della madonnina contro il Milan. Il francese è un po' attaccante da big match, quando vede un avversario tosto da affrontare si scatena come un toro davanti al colore rosso. Il Napoli veste azzurro, ma Giroud dovrebbe far paura lo stesso.


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Serie A