Nazionali

Mondiali femminili: 7 stereotipi da sfatare sul calcio in rosa

Mondiali femminili: 7 stereotipi da sfatare sul calcio in rosa

Il calcio femminile non ha mai avuto vita facile. A partire dagli albori a inizio 1900, fino ai giorni nostri, il calcio in rosa è sempre stato visto come inferiore rispetto alla controparte maschile. È infatti il calcio maschile a monopolizzare l’attenzione dei media, e di conseguenza quella del grande pubblico, mettendo in ombra qualsiasi risultato ottenuto dalle donne, che ricevono un po’ di popolarità proprio durante il periodo dei mondiali femminili (qui quando gioca l'Italia).

Questo nel corso degli anni non solo ha rafforzato l’idea che il calcio sia uno sport per uomini, ma ha anche portato alla creazione di stereotipi che non fanno altro che danneggiare l’immagine del calcio femminile.

Essendo io stessa un'amante del calcio, nonché, a discapito delle mie compagne di squadra, un’instancabile giocatrice nel tempo libero, negli anni ho sentito fin troppi stereotipi rivolti verso le calciatrici e verso il calcio femminile in generale. Per questo, quale occasione è meglio dell’inizio dei mondiali femminili per sfatarli? Ecco qui 7 stereotipi pronti a essere smentiti.

1.    Il calcio femminile non è un vero sport

Questo grande stereotipo ne include molti altri, tra cui la convinzione che il calcio in rosa sia inferiore a quello maschile, un’affermazione che ignora tutte le differenze strutturali e di investimento che caratterizzano le due versioni di questo sport. Il calcio femminile è meno trasmesso dai media, e di conseguenza al pubblico non viene nemmeno data la possibilità di seguire le partite e appassionarsi.

Si nota inoltre un altro grande stereotipo, ovvero quello che le donne non sono abbastanza forti per giocare a calcio, quindi il calcio in rosa non può essere considerato un vero sport, ma al massimo un passatempo, giusto? Certo, nessuno è qui per negare che mediamente gli uomini sono fisicamente più forti delle donne, ma come tutti gli appassionati di calcio sapranno, in questo sport non conta solo la mera forza fisica, ma anche l’abilità, la coordinazione e la resistenza, tutte caratteristiche che vanno al di là della forza pura. Quindi perché il calcio femminile non dovrebbe essere uno ‘vero’ sport?

2.    Il calcio non è un gioco da donne

Questa è una vera e propria croce che il calcio femminile è obbligato a portare sin dall’alba dei tempi. Il tutto risale al periodo fascista, quando l’idea che la donna doveva essere moglie e madre e non poteva avere tempo da dedicare al calcio, o allo sport più in generale, la faceva da padrone.

Sempre legata alla scarsa copertura mediatica c’è l’idea che il calcio femminile sia noioso. Tuttavia, basta fare il piccolo sforzo di guardare qualche partita per scoprire che anche nel calcio femminile esistono le rovesciate, le grandi giocate e le azioni spettacolari.

Continuando con la teoria che il calcio non sia uno sport da donne ci sono tutte quelle affermazioni che descrivono le calciatrici non come vere e proprie atlete, dedite allo sport quanto le controparti maschili, bensì solo come delle appassionate amatoriali impegnate in un passatempo qualsiasi. Certo, nel mio caso questo può essere vero, ma è anche vero che io non gioco in Serie A e di sicuro non mi trovo in Australia e Nuova Zelanda per giocare i mondiali femminili con Milena Bartolini (qui 5 cose che non sai sul ct delle Azzurre). Tutto questo per dire che per arrivare ai massimi livelli del calcio femminile, vista la mancanza di investimenti, ci vuole forse più dedizione rispetto ai calciatori maschi.

3.    Le donne non possono stoppare il pallone con il petto

Come fa una calciatrice a stoppare il pallone con il petto? Sicuramente non è possibile, giusto? Ecco, in realtà è tutta una questione di tecnica e poco conta il fatto che il corpo femminile sia evidentemente diverso da quello maschile. Questo perché il metodo corretto sta nello stoppare la palla con la parte del petto situata sopra il seno, per cui il risultato non è diverso da quello ottenuto da un uomo, sempre che quest’ultimo sia in grado di stoppare il pallone.

In ogni caso, quando si calcola male la traiettoria della palla, posso personalmente assicurare che un po’ di dolore è inevitabile, peccato che non sia il caso di utilizzare il braccio per far da scudo come accade per i difensori uomini in barriera.

Mondiali femminili, i record: è brasiliana la migliore marcatrice della storia

4.    Le calciatrici non possono essere femminili e/o sexy

Chi crede che questo stereotipo sia vero evidentemente non ha mai visto una partita di calcio femminile. Fortunatamente, i mondiali femminili iniziano giusto in tempo per rimediare.

Nell’immaginario comune, tutte le calciatrici hanno i capelli corti, sono dei maschiacci, e di smalto e rossetto nemmeno l’ombra. Tuttavia, una breve ricerca sui social vi farà cambiare idea all’istante. Qui alcune giocatrici dei mondiali da seguire assolutamente!

5.    Le calciatrici sono tutte lesbiche

Strettamente legato allo stereotipo precedente c’è quello sull’orientamento sessuale delle calciatrici, che in quanto tutte maschiacci coi capelli corti devono obbligatoriamente essere anche tutte lesbiche. Qui bisognerebbe poi capire perché il calcio femminile, sempre secondo gli stereotipi, attira tutte le lesbiche del mondo, mentre nel calcio maschile non è nemmeno lontanamente concepita l’idea che possano esserci degli uomini gay.

Sebbene nessuno sia qui per negare che nel calcio femminile, così come in tutti gli altri contesti, ci siano persone appartenenti alla comunità LGBT, non bisogna fare di tutta l’erba un fascio. Il calcio in rosa infatti pullula di giocatrici felicemente eterosessuali, spesso fidanzate o sposate con uomini.

6.    Le calciatrici sono più fallose se hanno il ciclo

Secondo questo stereotipo, una partita di calcio femminile con 22 donne deve per forza essere più violenta di un incontro di lotta greco-romana. Naturalmente, non c’è nessuna correlazione tra il numero di falli commessi e il ciclo di una calciatrice, anche perché, se questo fosse vero, allora chissà che ciclo potente deve essere venuto a Cuadrado in occasione dei match con l’Inter, prima di unirsi ai nerazzurri. O chissà che sbalzo di umore deve aver avuto Suarez quando ha morso Chiellini sul collo.

7.    Le donne non sanno cosa è il fuorigioco

Arriviamo a quello che forse è lo stereotipo per antonomasia: le donne non sanno cosa è il fuorigioco. Più precisamente, spiegare alle donne cosa sia il fuorigioco è come spiegare a un uomo la differenza tra mascara e rimmel (spoiler: uno è il prodotto, l’altro è il marchio).

Ancora una volta siamo davanti ad una generalizzazione, qualsiasi appassionata di calcio, giocatrice o meno, sa cosa è il fuorigioco. La differenza sta nell’interesse che una donna non appassionata può avere a capire il concetto, proprio come un uomo può non aver alcun interesse a capire come fare una riga dritta con l’eyeliner.

Quindi sì, tutte le giocatrici sanno cosa si intende per fuorigioco.

 


Francesca Rossi

Appassionata di sport, libri, viaggi, auto, fogli di giornale...Classe '97, laureata in lingue orientali, cresciuta a pane e calcio in provincia di Bergamo, anche se la mia squadra del cuore non è l’Atalanta. A proposito, simpatizzo varie squadre ma non chiedetemi quali perché tendono ad essere come le scale di Hogwarts: gli piace cambiare. Scrivo di sport e betting da anni, ormai per passione. Nel corso della mia carriera di content writer ho scritto degli argomenti più disparati, sia in italiano che in inglese, dall’attrezzatura per uffici, fino al fantacalcio, ma la costante è stata il mondo del betting. L’amore per la scrittura è nato alle medie e sono certa che mi accompagnerà per tutta la vita. Se gioco a calcio oltre a scriverne? Certo, la mia specialità è fare il decimo della disperazione a calcetto.

Commenta

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Serie A
# Squadra G V P S +/- Punti
1 Inter Milan

Inter Milan

38 29 7 2 67 94
2 AC Milan

AC Milan

38 22 9 7 27 75
3 Juventus

Juventus

38 19 14 5 23 71
4 Atalanta

Atalanta

38 21 6 11 30 69
5 Bologna

Bologna

38 18 14 6 22 68
6 Roma

Roma

38 18 9 11 19 63
7 Lazio

Lazio

38 18 7 13 10 61
8 Fiorentina

Fiorentina

38 17 9 12 15 60
9 Torino

Torino

38 13 14 11 0 53
10 Napoli

Napoli

38 13 14 11 7 53
11 Genoa

Genoa

38 12 13 13 0 49
12 Monza

Monza

38 11 12 15 -12 45
13 Verona

Verona

38 9 11 18 -13 38
14 Lecce

Lecce

38 8 14 16 -22 38
15 Udinese

Udinese

38 6 19 13 -16 37
16 Cagliari

Cagliari

38 8 12 18 -26 36
17 Empoli

Empoli

38 9 9 20 -25 36
18 Frosinone

Frosinone

38 8 11 19 -25 35
19 Sassuolo

Sassuolo

38 7 9 22 -32 30
20 Salernitana

Salernitana

38 2 11 25 -49 17

Rubriche

Di più in Nazionali