Serie A

Decreto crescita, sospiro di sollievo per la Serie A: cosa prevede la finanziaria

Decreto crescita, sospiro di sollievo per la Serie A: cosa prevede la finanziaria
Iconsport / LaPresse

Possono tirare un sospiro di sollievo le squadre di Serie A, l'abolizione del decreto crescita non prenderà di mira il calcio

Questa mattina vi avevamo raccontato di come, al termine del Consiglio dei Ministri tenutosi ieri sera a Palazzo Chigi, era stata varata dal governo italiano una stretta sugli sconti fiscali per i lavoratori provenienti dall'estero. Stretta che era stata annunciata nella Finanziaria per il 2024. Inizialmente si pensava che all'interno fossero compresi anche tutti gli sportivi, ed in particolar modo quelli legati al mondo del calcio (qui per scoprire tutti i dettagli).

Come appreso da Calcio e Finanza però, in realtà le nuove strette non prenderanno di mira gli sportivi professionisti. Nello specifico, come rivelato da fonti interne al ministero dello sport, era stata male interpretata una frase all'interno del comunicato.

Decreto crescita, sospiro di sollievo per la Serie A

Possono dunque tirare un sospiro di sollievo tutte le squadre di Serie A, ed in particolare i top team che sarebbero stati colpiti in pieno da questa nuova stretta, che entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio prossimo. La norma avrebbe infatti preso di mira tutti gli affari fatti nel calciomercato estivo del 2023, per i quali era stato usato il decreto crescita. La squadra che avrebbe avuto i problemi principali sarebbe stata il Milan, che ha tesserato ben sei calciatori potendo usufruire del decreto crescita (qui l'elenco di tutti i calciatori che sarebbero stati coinvolti).

Falso allarme quindi, con i club di Serie A che potranno continuare ad utilizzare tutti i vantaggi forniti in sede di calciomercato dal decreto crescita (qui tutti elencati). Nello specifico, il passaggio all'interno del comunicato che recita: “Invariate le disposizioni per i ricercatori, professori universitari e lavoratori dello sport già previste“, è riferito al fatto che per le categorie di lavoratori citate, la norma rimarrà in vigore come lo è stata fino ad oggi, quindi con tutti i vantaggi del caso.

Per poter usufruire dei vantaggi del decreto crescita restano invariati anche i requisiti. Ovvero l'essere stati residenti all'estero nei due anni precedenti al trasferimento in Italia; l'obbligo a firmare un contratto di almeno due anni a seguito del trasferimento in Italia e lo svolgimento dell'attività lavorativa prevalentemente sul territorio italiano. La Serie A non perderà dunque appeal in sede di calciomercato, potendo competere con stipendi più alti grazie ai vantaggi forniti dal decreto crescita.


Giuseppe Patti

Classe '96, siciliano. Innamorato delle statistiche, forse tanto quanto del calcio. Appassionato di cinema e serie tv, oltre che di tutto quello che ha a che fare con numeri e record.

Commenta

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Serie A
# Squadra G V P S +/- Punti
1 Inter Milan

Inter Milan

38 29 7 2 67 94
2 AC Milan

AC Milan

38 22 9 7 27 75
3 Juventus

Juventus

38 19 14 5 23 71
4 Atalanta

Atalanta

38 21 6 11 30 69
5 Bologna

Bologna

38 18 14 6 22 68
6 Roma

Roma

38 18 9 11 19 63
7 Lazio

Lazio

38 18 7 13 10 61
8 Fiorentina

Fiorentina

38 17 9 12 15 60
9 Torino

Torino

38 13 14 11 0 53
10 Napoli

Napoli

38 13 14 11 7 53
11 Genoa

Genoa

38 12 13 13 0 49
12 Monza

Monza

38 11 12 15 -12 45
13 Verona

Verona

38 9 11 18 -13 38
14 Lecce

Lecce

38 8 14 16 -22 38
15 Udinese

Udinese

38 6 19 13 -16 37
16 Cagliari

Cagliari

38 8 12 18 -26 36
17 Empoli

Empoli

38 9 9 20 -25 36
18 Frosinone

Frosinone

38 8 11 19 -25 35
19 Sassuolo

Sassuolo

38 7 9 22 -32 30
20 Salernitana

Salernitana

38 2 11 25 -49 17

Rubriche

Di più in Serie A