Serie A

Scommesse, così uguali ma così diversi: perché Tonali può giocare ma Fagioli no

Scommesse, così uguali ma così diversi: perché Tonali può giocare ma Fagioli no
Iconsport / Defodi - Susa

Perché Tonali può giocare e invece Fagioli è già stato squalificato? Facciamo chiarezza su quanto sta succedendo nella vicenda Calcioscommesse

La vicenda del Calcioscommesse continua ogni giorno, ogni ora, a far discutere. Il caso è scoppiato a causa del lavoro di Fabrizio Corona, che durante il raduno dell'Italia di Luciano Spalletti ha pensato bene di rendere di dominio pubblico informazioni a dir poco scottanti in merito ad alcuni giocatori di Serie A. Primo su tutti Nicolò Fagioli, centrocampista della Juventus classe 2001 colpevole di aver scommesso su partite di calcio su siti clandestini.

A lui hanno poi fatto seguito i nomi di Sandro Tonali e Nicolò Zaniolo, così come quelli di Zalewski, Gatti, Casale ed El Shaarawy. Tutti calciatori che militano attualmente – o che giocavano in passato – nel massimo campionato italiano e colpevoli, secondo Corona, di aver scommesso su gare di calcio professionistico tramite piattaforme illegali. 

Di alcuni di loro sappiamo già con certezza che queste accuse sono vere. Di altri invece no. I dubbi rimangono dunque tanti e i nodi sembrano davvero complicati da sciogliere. L'ex paparazzo minaccia di avere prove concrete, filmati e dichiarazioni di fonti attendibili su almeno 50 nomi di giocatori italiani e di Serie A, ma la faccenda in molti casi è ancora da chiarire.

Al momento, l'unico giudizio ufficiale che possediamo è la sentenza emessa dalla Giustizia Sportiva nei confronti di Fagioli. Ancora niente di certo invece nei confronti di Tonali e Zaniolo, i secondo nomi fatti settimana scorsa da Corona.

Ma perché questo? Perché Fagioli è già stato squalificato e invece per gli altri ancora nulla? Mentre Fagioli è già stato squalificato, per gli altri due ragazzi che giocano in Premier League si prospetta un weekend “libero”: addirittura, l'allenatore del Newcastle Eddie Howe ha detto che “Tonali si è allenato con la squadra ed è assolutamente pronto per giocare“.

Quando torna in campo Fagioli dopo la squalifica? C’è la data ufficiale, il comunicato Figc

 

Calcioscommesse, la squalifica di Nicolò Fagioli

Subito dopo esser stato accusato, Nicolò Fagioli si è autodenunciato alla Procura di Torino. Da quel preciso istante, è iniziato un vero e proprio calvario per il centrocampista della Juventus. Il ragazzo è stato interrogato dagli inquirenti ed ha chiarito tutto: scommesse, modalità, cifre, tempistiche. Ma soprattutto, ha consapevolmente ammesso di essere affetto dalla ludopatia, una terribile dipendenza dalle scommesse sportive e dal gioco d'azzardo.

Dichiarandosi colpevole e chiarendo il tutto, Fagioli ha violato sia le regole imposte dalla Giustizia Sportiva sia quelle della Giustizia ordinaria: la prima infatti vieta ai calciatori di scommettere su qualsiasi partita di calcio professionistico, mentre invece la seconda prevede che nessun cittadino italiano possa fare scommesse su piattaforme illegali. Fagioli ha colpe in entrambi i casi.

Vista la situazione, il regolamento della Figc prevederebbe una squalifica minima di 3 anni e 25.000 euro di multa. Tuttavia, vista la sua totale collaborazione e l'aiuto nel ricostruire l'intera vicenda, la gravità della pena è ben diversa per il ragazzo bianconero: 7 mesi lontano dai campi, a cui dovranno aggiungersi ulteriori 5 mesi di cure e terapie certificate.

La sentenza ufficiale è stata emessa nella giornata di ieri dalla Federazione, ciò significa che Fagioli dovrà restare lontano dai campi da gioco fino al 19 maggio del 2024. Il centrocampista potrà teoricamente, salvo imprevisti, tornare a giocare per l'ultima gara di campionato contro il Bologna, in programma il 26 maggio 2024.

Ma perché quindi Fagioli è già stato squalificato? Semplice, è un discorso di tempistiche essenzialmente. Una volta autodenunciatosi, la Procura ha avuto tutto chiaro. Il materiale a sua disposizione gliel'ha fornito in gran parte lo stesso imputato, che ha mostrato chat segrete e fornito documenti palesi. Di conseguenza, la decisione della Giustizia Sportiva è stata molto rapida e “semplice”. In pochi giorni, la Juventus ha ufficialmente perso il suo centrocampista per i prossimi 7 mesi.

 

Calcioscommesse, perché Tonali non è ancora stato squalificato e può giocare?

La situazione nel caso di Tonali è leggermente diversa.

Tanto per cominciare, Tonali è stato accusato da Corona con circa 48 ore di ritardo rispetto a Fagioli, quindi inevitabilmente le attenzioni della Procura di Torino si sono principalmente concentrate sul centrocampista della Juventus. A seguire la Polizia si è recata a Coverciano al ritiro della Nazionale Italiana per prelevare lui e Zaniolo, portarli in Questura e interrogarli, ma in un primo momento non sono emerse autodenunce.

Solo dopo qualche ora l'ex centrocampista del Milan ha deciso di confessare il tutto, dichiarandosi anch'esso colpevole. Inevitabilmente quindi altro tempo perso. Secondo quanto detto da Corona, inoltre, sarebbe stato il materiale ottenuto da Fagioli ad incastrare anche Tonali, che non avrebbe quindi avuto altro modo che dichiararsi anch'egli ludopatico. Nel suo caso però, ricostruire tutta la vicenda con tanto di particolari non è logicamente stato – e non è tutt'ora – così semplice. Oltretutto, il giocatore del Newcastle ha ammesso di aver scommesso anche sul Milan e – quando non era in campo – sulla vittoria della sua squadra: questo logicamente porta ad ulteriori analisi.

Ecco quindi che i tempi della Procura di allungano, e di conseguenza quelli di una sentenza. Nelle ultime ore si parlava, proprio per via dell'aggravante legata alle scommesse illegali sul proprio club, ad una pena più lunga rispetto a quella di Fagioli: 16 mesi di squalifica più altri di terapie e cure certificate. Niente di ufficiale però ancora. La Procura non si è ancora pronunciata e quindi di conseguenza neanche la Giustizia Sportiva: ecco perché Fagioli è già stato squalificato e invece Tonali, in teoria, può ancora ufficialmente giocare.

Nella conferenza stampa prepartita di oggi, Eddie Howe – l'allenatore del Newcastle – ha detto che l'unica cosa che conta è il benessere del suo giocatore, ma che in ogni caso “Tonali si è allenato più volte con la squadra ed è assolutamente pronto per scendere in campo“. E' quindi assolutamente possibile che il classe 2000 giochi nel pomeriggio di sabato 21 ottobre davanti ai propri tifosi contro il Crystal Palace.

 

E Zaniolo?

Anche qui bisogna fare un discorso a parte.

A differenza dei suoi colleghi, infatti, Nicolò Zaniolo – oggi in forze all'Aston Villa ma ex attaccante della Roma – ha sempre negato. Nonostante Corona continui a ripetere di aver ragione e di possedere delle prove schiaccianti su tutti i nomi fatti, il classe 1999 ha già fatto sapere – anche tramite il suo procuratore e i suoi legali – che non ha mai scommesso, ma che si è limitato al solo gioco d'azzardo (Poker e BlackJack per intenderci).

Che sia vero o meno ancora non lo sappiamo, ma questo inevitabilmente allunga i tempi. Se le due parti continuano a sostenere due argomenti diversi, probabilmente si arriverà ad un processo. E solo in seguito si parlerà di un'eventuale squalifica sul campo.

Ad oggi quindi, teoricamente, Nicolò Zaniolo è disponibile e pronto – almeno da un punto di vista fisico – per giocare in casa con la sua Aston Villa contro il West Ham domenica 22 ottobre alle ore 17.30.

 

Scommesse sportive: la differenza tra Serie A e Premier League

Infine c'è da aggiungere anche un ultimo aspetto: il tema scommesse sportive in Inghilterra è trattato in maniera molto diversa rispetto all'Italia. Non tanto in termini di regolamento, quanto proprio da un punto di vista etico.

Per il tifoso inglese medio è più che normale fare qualche scommessa ogni tanto. Per loro è praticamente all'ordine del giorno. Gli inglesi scommettono su tutto, su qualsiasi sport, ed ovviamente molto anche sul calcio. Non è una novità infatti che in Premier League i calciatori vengano coinvolti in scandali di questo tipo – vedasi i recenti Toney, Toffolo e soprattutto la vecchia conoscenza del calcio italiano Lucas Paquetà (poi rimasto impunito).

Le sanzioni, magari non così pesanti, arrivano anche per loro chiaramente da parte della Federal Association, ma l'atmosfera che si crea attorno è diversa. In Inghilterra non c'è di certo un Fabrizio Corona di turno pronto a tutto e la stampa tratta i giocatori in maniera molto diversa. Se la Giustizia Sportiva lo riterrà opportuno, anche Tonali e Zaniolo verranno squalificati, ma il clima che vivranno in Inghilterra – da parte dei propri club, dei propri tifosi e dei media – sarà molto diverso rispetto a quanto accadrà a Fagioli (e agli altri) qui in Italia, dove il tema della ludopatia è molto più delicato.


Matteo Zinani

Nome: Matteo. Cognome: Zinani. Classe: poca. Passione: sport. Calciatore di Serie A mancato, voglio essere il tuo punto di riferimento in termini di calcio e fantacalcio. Questo perché amo lo sport in ogni sua sfaccettatura: lo vivo e lo pratico da sempre.

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Serie A 24/25
# Squadra G V P S +/- Punti
1 AC Milan

AC Milan

0 0 0 0 0 0
1 Monza

Monza

0 0 0 0 0 0
1 Fiorentina

Fiorentina

0 0 0 0 0 0
1 Roma

Roma

0 0 0 0 0 0
1 Atalanta

Atalanta

0 0 0 0 0 0
1 Bologna

Bologna

0 0 0 0 0 0
1 Cagliari

Cagliari

0 0 0 0 0 0
1 Como

Como

0 0 0 0 0 0
1 Empoli

Empoli

0 0 0 0 0 0
1 Genoa

Genoa

0 0 0 0 0 0
1 Verona

Verona

0 0 0 0 0 0
1 Inter Milan

Inter Milan

0 0 0 0 0 0
1 Juventus

Juventus

0 0 0 0 0 0
1 Lazio

Lazio

0 0 0 0 0 0
1 Parma

Parma

0 0 0 0 0 0
1 Napoli

Napoli

0 0 0 0 0 0
1 Torino

Torino

0 0 0 0 0 0
1 Udinese

Udinese

0 0 0 0 0 0
1 Lecce

Lecce

0 0 0 0 0 0
1 Venezia

Venezia

0 0 0 0 0 0

Rubriche

Di più in Serie A